Archivi tag: riti di seduzione

POESIE SCELTE di Ottavio Rossani Da “L’ignota battaglia” (2005) sul TEMA DELL’UTOPIA O DEL NON-LUOGO

Philippe Calandre, Utopie 2, 2013, stampa su foglio di alluminio e a getto di inchiostro, inquadrata con scatola americana

Philippe Calandre, Utopie 2, 2013, stampa su foglio di alluminio e a getto di inchiostro, inquadrata con scatola americana

(Invitiamo tutti i lettori ad inviare alla e-mail di Giorgio Linguaglossa glinguaglossa@gmail.com per la pubblicazione sul blog poesie edite o inedite sul tema proposto)

L’isola dell’utopia è quell’isola che non esiste se non nell’immaginazione dei poeti e degli utopisti. L’Utopìa (il titolo originale in latino è Libellus vere aureus, nec minus salutaris quam festivus de optimo rei publicae statu, deque nova insula Utopia), è una narrazione di Tommaso Moro, pubblicato in latino aulico nel 1516, in cui è descritto il viaggio immaginario di Raffaele Itlodeo (Raphael Hythlodaeus) in una immaginaria isola abitata da una comunità ideale.”Utopia“, infatti, può essere intesa come la latinizzazione dal greco sia di Εὐτοπεία, frase composta dal prefisso greco ευ– che significa bene eτóπος (tópos), che significa luogo, seguito dal suffisso -εία (quindi ottimo luogo), sia di Οὐτοπεία, considerando la U iniziale come la contrazione del greco οὐ(non), e che cioè la parola utopia equivalga a non-luogo, a luogo inesistente o immaginario. Tuttavia, è molto probabile che quest’ambiguità fosse nelle intenzioni di Moro, e che quindi il significato più corretto del neologismo sia la congiunzione delle due accezioni, ovvero “l’ottimo luogo (non è) in alcun luogo“, che è divenuto anche il significato moderno della parola utopia. Effettivamente, l’opera narra di un’isola ideale (l’ottimo luogo), pur mettendone in risalto il fatto che esso non possa essere realizzato concretamente (nessun luogo).

ottavio rossani

ottavio rossani

 Ottavio Rossani (Sellia Marina, 1944), vive a Milano, dove si è laureato In Scienze Politiche e sociali all’Università Cattolica. Poeta, scrittore, pittore e ogni tanto regista teatrale. Come giornalista – 40 anni al Corriere della Sera – ha viaggiato in diversi continenti e ha incontrato e intervistato potenti e umili negli ambiti della cultura, della politica, della  cronaca. Ha scritto saggi di letteratura, storia e arte. Sei i libri di poesia: Le deformazioni (1976), Falsi confini (1989), Teatrino delle scomparse (1992), Il fulmine nel tuo giardino (1994), L’ignota battaglia (2005) e Riti di seduzione (2013). Tra i diversi saggi, Leonardo Sciascia (1990) e Stato società e briganti nel Risorgimento italiano (2002, tre edizioni). Un lungo racconto storico: Servitore vostro illustrissimo et devotissimo (1995). Molte le plaquette di poesie, tra cui Finestre aperte (2011), alcune corredate da suoi disegni. I suoi quadri sono in collezioni private, in Italia e all’estero; una trentina le mostre personali e collettive. Una sua pièce, Se mi vengono i brividi,  è stata rappresentata a Buenos Aires, con la sua regia. Collabora con alcuni quotidiani e riviste culturali. Responsabile del blog “Poesia” sul Corriere della Sera on line (http://poesia.corriere.it).

 Ottavio Rossani L'ignota battaglia.

da Ottavio Rossani L’ignota battaglia (Iride/Rubbettino, 2005, pagg. 63, euro 6,50)

Ordini

Tu, mano sinistra, non ci sei più.
Mano destra, sparisci anche tu.
Ora, gambe unite, navigate vuote.
Nasconditi, ventre riottoso,
nell’ovattato buio delle lenzuola.
Resta tu, cuore, a ricevere gli ordini
dalla mente che insegue bagliori.
E obbedisci, per salvaguardare
il candore delle immagini originarie.

2.
S’attutiscono i rumori negli occhi
chiusi, la stanza tutta nera.
Raccolti i fili del giorno incandescente,
liberati i desideri pulsanti d’incertezza,
eseguirai con scrupolo i decreti
nel mare dei silenzi purificatori.

3.
Quando la casa di legno scricchiolava,
spalancavo gli occhi nel buio compatto
alla sciabola minacciosa e sfolgorante.
Ma non vedevo il saraceno che ghignava
in attesa di vibrare il colpo mortale.
Reprimevo il fiato per svenire.
“Se non mi sente vivo, rinuncerà”.

ottavio rossani

ottavio rossani

 

 

 

 

 

 

 

 

4.
E mi spezzai un braccio sulla sabbia
saltando, come pirata all’arrembaggio,
la balaustra di legno, solo un metro.
Ogni notte all’esagitato risveglio,
al lume ti facevo misurare, sorella,
per un rapido assonnato responso,
quanto fosse corto dopo l’ingessatura.
Perché correndo investìi la bicicletta
che dal sopracciglio provocò il sangue?
Perché Totò mi beffò di sorpresa, intriso
di febbre, con l’ultimo stentato sorriso?
Ti raccontai poi del diafano Michele,
disfatto dalla leucemia, assistito
da un prete con vane giaculatorie?

5.
Quando tesi la mano verso l’arancia
dietro la staccionata scoppiò un petardo.
Il guardiano saltellò di livore.
Da lì cominciò la smania di partire
con quel treno amante a sbuffi,
dio di mio padre finalmente premiato.
Odiai il Polifemo degli aranci.
Tra gli ulivi m’innamorai della luna
che schiariva il sentiero di casa.
Sognai a lungo una nave tutta bianca.
Ti regalai, in piedi, un serto di parole
E me n’ andai sferzato d’ardimento
a cercare qualcosa d’oro come Giasone.
Sul cocchio mi vedevo sfrontato e aitante.
I nemici aspettavano al con fin e.
Bisognava attraversare un vorticoso fiume.
Non so spiegare come sgominai
le falangi dei pidocchi bianchi
che accerchiavano le mie strade.
Tornai magro e vittorioso a prenderti
Per condurti nella mia nuova terra
dove nessuno ride della libertà.

6.
“Il tempo cancella gli affanni”,
sancì la saggezza di un filosofo.
Io qui smentisco tale virtù:
l’esperienza acuisce sensi e malumori.
Credevo fosse indistruttibile
la forza dell’intelligenza.
Sempre indifeso raccolsi e archiviai
Sconfitte, ferite, cicatrici.
Ma bruciai la parola rassegnazione.

7.
Per evitare insonnie devastanti
Ho imparato a dispensare comandi
alle membra avide di vigore.
Così, a tratti dormo e mi rigenero.
E quando tornano gli assalitori
sono pronto a ricominciare la battaglia.

copertina ottavio rossani

4 commenti

Archiviato in antologia di poesia contemporanea, poesia italiana contemporanea, Senza categoria

Ottavio Rossani “Riti di seduzione” (2013), Nomos – Commento di Giorgio Linguaglossa

copertina ottavio rossaniOttavio Rossani Riti di seduzione Nomos, Milano, 2013, pp. 104 € 14

Ha pubblicato le raccolte di poesia: Le deformazioni (1976), Falsi confini (1989), Teatrino delle scomparse (1992), Hogueras (1998), L’ignota battaglia (2005), Finestre aperte (plaquette, 2011); i saggi: L’industria dei sequestri (1978), Leonardo Sciascia (1990), Le parole dei pentiti (2000), Stato società e briganti nel Risorgimento italiano (2002); il racconto storico: Servitore vostro humilissimo et devotissimo (1995).
Collabora con diverse riviste letterarie. È stato uno dei fondatori e direttore responsabile della rivista di “poesia e ricerca” Il Monte Analogo. Per il teatro ha curato la regia di Disobbedienza d’amore di Mariella De Santis al Sipario Spazio Studio (Milano, 1998). Ha realizzato una “mise en espace” delle poesie di Federico Garcia Lorca per il centenario della nascita, con musica e ballo di flamenco: Se mueren de amor los ramos (Caffè Letterario, Milano, 1998). Ha scritto il monologo Se mi vengono i brividi che è stato portato in scena da Edgardo Melchiorri a Buenos Aires nel 2000, con la regia dell’autore. Dipinge. Al suo attivo molte mostre personali e collettive. Dal 2007 si occupa del blog POESIA sul sito on line del Corriere della Sera (poesia.corriere.it).

ottavio rossani 4

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Percorrenza

Per sopravvivere
nella tempesta
seguo la traiettoria
disegnata da un fischio
persistente e fastidioso
nella totale assenza di luce.
Andrò molto lontano.
Lungo il tragitto troverò
qualche buon compagno.
Anche da solo tuttavia
arriverò. Arriverò.

*

La mareggiata, implacabile,
erose una parte della spiaggia
e alcuni casotti per la pesca.
In cambio restituì un bastimento.
Nei giorni seguenti andavamo
a rovistare nel tesoro della stiva.
Giulio trovò intatto un cappello
a forma di rosa che regalò alla madre.

ottavio rossani 3 ottavio rossaniLa poesia di Ottavio Rossani scaturisce dalla problematica scoperta del mondo: piccole, trascurabili cose che chiamiamo esperienze di cui sono fatti il dolore, la gioia, l’inizio dell’inverno, la fine dell’estate, la scoperta del sesso, una casa ricordo d’infanzia, i giocatori attorno ad un tavolo da gioco, due amanti segreti etc. Cose elementari, semplici, primordiali, cose senza epoca, o meglio, che si ripresentano in ogni epoca, grigie e dimesse, misteriose, inesplicabili in quanto, appunto, grigie, invisibili. Non c’è nulla di trascendentale tantomeno di sublime in questo libro di «cartoline» delle anamnesi di Ottavio Rossani, non ci sono tratti sopra segmentali, le composizioni hanno un andamento lineare, narrativo, colloquiale; le rime, assenti, come affondate per sempre nel mare magnum che il plurilinguismo del Moderno ha indotto nel linguaggio poetico, designano bene con la loro scomparsa la sobria prosaicità del mondo; le composizioni sono brevi, essenziali, sintetiche, anamnestiche, provengono dalla materia grezza della scrittura, e la scrittura proviene dalla materia grezza del mondo. L’andamento narrativo e strofico (suddiviso per lo più in strofe irregolari e singole ma anche in colonne libere) garantisce una mobilità e una variabilità di alternanze di toni e di sfumature congeniale a modulare il lessico ed i toni alla situazione concreta di ogni composizione; il metro, modellato sul calco dell’endecasillabo, del decasillabo, fino all’endecasillabo ipermetro, ha la funzione di mettere a fuoco, volta per volta, l’oggetto da inquadrare alla vista dell’osservatore. Ne deriva un impulso ritmico rallentato, leggermente sfocato, ora ovattato ora mosso con una dislocazione morbida degli ictus e delle pause severamente intervallate e come controllate e sorvegliate.

 Occhieggiava le gambe delle ragazze
nel pellegrinaggio sul sentiero sassoso.
Si partiva a mezzanotte quando scendeva
il primo fresco dopo la calura.
Si saliva a frotte, si diventava amici,
nascevano e si rompevano amori.
Si arrivava all’alba sfiniti e affamati.
Com’erano buone salsicce e patate
arrostite su fuochi improvvisati.
Scampagnata, devozione, eros
erano il bagaglio del sacrificio.
Una piena, poi, l’allegria del ritorno.

 

ottavio rossani 2I vocaboli del tutto comuni e prosaici trovano alloggiamenti ben periodati e rifiniti nella scaffalatura del metro. Il metro è considerato come una scaffalatura dove sistemare le parole e le parole sono scatole insonore. Il registro basso permette inoltre all’autore di sondare tutte le sfumature del grigio senza esondare in colori accesi o in pericolosi eccessi di toni. Poesia in abito grigio, elegante e dimessa, e dimessa in quanto sobria, sobria in quanto nostalgica di un tempo lontano che il passato ha reso ancora più grigia, fatta di cartoline consunte dal tempo. L’ultima sezione del libro, quella a mio avviso più riuscita, da cui sono tratte le composizioni riportate, sono tutte indicizzate sul contrappunto del detto e del non-detto, di ciò che è sobrio dire in poesia e di ciò che non conviene riferire, ma per una intima ritrosia del dire in ordine a ciò che non può essere pronunciato e che viene lasciato alla immaginazione del lettore che completa con l’atto della lettura ciò che «manca» alle composizioni testuali. L’etica di questa poesia sta qui: nel non poter dire tutto ciò che si vorrebbe poter dire; da questa censura interiore nasce, appunto, la poesia di Ottavio Rossani. Continua a leggere

Lascia un commento

Archiviato in poesia italiana contemporanea, Senza categoria