Archivi tag: poetry slam

Dome Bulfaro POESIE INEDITE da Impeccabili e Digiuni, con uno stralcio di una intervista

Gif rotante

gif: l’assenza che ruota

Dome Bulfaro (1971), poeta, performer, artista, docente, editore, è tra i più attivi nello sviluppo della poesia performativa e del filone della TeatroPoesia. Su invito degli Istituti Italiani di Cultura ha rappresentato la poesia italiana in Scozia (2009), Australia (2012) e Brasile (2014). Ha cofondato la LIPS, Lega italiana poetry slam e ha raccontato il movimento slam, internazionale e italiano, nel libro Guida liquida al poetry slam (2016). Dal 2006 è ideatore e direttore artistico della stagione poetica PoesiaPresente per il Teatro Binario 7 di Monza.  È stato tra i primi in Italia a sviluppare e diffondere la poetry therapy. Sue poesie sono state pubblicate in vari Paesi: dalla prima volta negli USA con la silloge (Ossa, silloge tradotta nel 2006 da Christopher Arigo) fino alla pubblicazione nel Regno Unito (3 Ictus, 2016), con poesie tradotte da Cristina Viti. Dal libro Marcia film (edito in italiano da Scalino, 2016) già tradotto in bulgaro (Scalino, 2017, traduzioni di Emilia Mirazchiyska, Evelina Miteva), è tratto l’omonimo spettacolo teatrale, regia di Enrico Roveris, il quale ha firmato i maggiori spettacoli dell’autore. Attualmente la poetessa sudafricana Tania Haberland sta traducendo in inglese Marcia film. La casa editrice bulgara Scalino ha curato in aprile un suo tour in Bulgaria dove ha presentato il libro e lo spettacolo Marcia film in tre città: Sofia, Stara Zagora e Veliko Tarnovo.
Website: www.domebulfaro.org ; www.poesiapresente.it ; www.millegru.org

Dome Bulfaro Dino-Ignani-Rimini-2016

Dome Bulfaro foto Dino Ignani

da Impeccabili
(poesie composte e da dire s’un piede)

Nonostante ti proteggessi il fianco

(Antefatto degli Impeccabili.
Fine agosto 2016, Italia. A fine giornata, un regista in carriera che sta girando “Marcia film”, il suo ultimo lungometraggio, ascolta il messaggio telefonico lasciatogli in segreteria da sua moglie: “Anche oggi, per tutto il giorno, non hai risposto alle mie chiamate. Arrivo sempre dopo i tuoi mille sogni e affari personali. Ho passato troppi anni ad aspettare che tu mi dedicassi più tempo dei soliti ritagli. Per l’ennesima volta mi hai promesso che questa situazione stagnante sarebbe cambiata e invece, ancora una volta, nulla è cambiato. Ti amo, ma così non posso più andare avanti. Ti lascio.”
Il regista alle prese con l’ultima scena, abbandona il set e corre dalla moglie per tentare di tenere in piedi il loro amore.

Nonostante ti proteggessi il fianco
Sono stato non più di una presenza
Che annuisce al bordello di grandine

Ti sono tornato ammaccato accanto
Coi ghiacci in pugno non ancora sciolti
I vetri di occhi da pretese rotti

Torno piegato con poco da offrirti
Se non le rose rosse al tuo pensiero
Sbocciatemi sulla spina dorsale

.
La terra trema e baciarti

La terra trema e baciarti
È l’unico appiglio certo

Nel guardarti
Si mettono in ordine gli armadi
E anche tu stai bene

Persino il campanile
Suona più perpendicolare

L’attentato ha fatto clamore
Specie nei paesi dei connazionali
Dove la notizia è esplosa con più livore

Ogni Stato si è avvolto
Nei propri esercizi di retorica
Per i più non sarà che un’oscillazione
Emotiva, da bere col caffè

La terra trema e baciarti
È l’unico appiglio certo

Un bambino asfalta la strada
di pane, apre una finestra in aria:
“I pomodori non sono rossi sono innamorati”

Aspettarsi una direzione
Non ti aiuterà a camminare sul crinale
Nemmeno questo bacio da vent’anni forte

Forse

Nella lingua non è mai stato così teso questo forse
Né così attaccate agli scogli le incertezze

– «Mi ami?»
– «Forse», rispondi

Come sono tenaci i baci
aggrappati a un lembo Continua a leggere

5 commenti

Archiviato in poesia italiana contemporanea, Senza categoria