Archivi tag: La mediatizzazione del non-stile

Riccardo Canaletti, Poesie inedite, con una Lettera ad un giovane poeta di Giorgio Linguaglossa e due Domande sul suo rapporto con la tradizione

Gif disteso al mare

È una sorta di fabbrica globale  della vetrina per conquistarsi una vetrina culturale e un deodorante

 Riccardo Canaletti nasce nel 1998 nelle Marche. Frequenta la facoltà di filosofia dell’Alma mater studiorium di Bologna. Nel gennaio 2018 pubblica il suo primo libro, La perizia della goccia. Nel 2016 vince il premio “Città di Civitanova Marche” dedicato a Sibilla Aleramo. Sue poesie sono apparse nel in alcuni blog e varie riviste letterarie.

“Hic porcos coctos ambulare”

(Petronio)

alla redazione

Invio le poesie con una citazione iniziale che tendenzialmente pongo in esergo durante le letture. La spiegazione è semplice: la massima di Petronio con ironia abbassa l’immagine innalzando il livello “critico” della discussione. La denuncia a un mondo svuotato di senso acquisisce senso, il porco cotto è l’uomo rana di Nietzsche, è il mio io inesistente di Ironia dell’io, è il me in solitudine e senza fede. C’è irrisione, solletico e ironia per le questioni trattate e le parole utilizzate. Se vorrà mantenerla mi farà piacere.

(Riccardo Canaletti)

Gif Polittico

carte, biglietti del bus, biglietti dell’aereo, lettere di ex fidanzate, oggetti desueti, camicie sporche, ninnoli démodé

Giorgio Linguaglossa. Lettera ad un giovane poeta

Nei nostri cassetti si accumulano carte, biglietti del bus, biglietti dell’aereo, lettere di ex fidanzate, oggetti desueti, camicie sporche, ninnoli démodé etc. Un giorno, per sbaglio, apriamo quel cassetto e restiamo atterriti. Il passato si ripresenta come  spettro, feticcio, datità, non senso, abnormità. Ci accorgiamo che l’oblio della memoria è in moto. L’archiviazione, la accumulazione, la massificazione degli oggetti sono la malattia del nostro tempo: ammassiamo le cose e le dimentichiamo; non c’è riscatto per quegli oggetti, stanno lì come cose morte, privi di trascendenza, cosificati, feticci. E la poesia? La poesia che vive di lentissima  accumulazione e sedimentazione di «cose», qual è il posto della poesia? Che fare di quegli oggetti che nuotano tra oblio e oscurità? Dove metterli? Finiranno in qualche poesia? O li dirotteremo in qualche discarica?

In questi ultimi due, tre decenni il dominio della nuova normografia globale  ha raggiunto vertici altissimi. Ci troviamo nel momento di massimo dispiegamento della fabbrica della visibilità, della vetrina, delle parole ready-made, delle parole della comunicazione. Forza non equivale a sinonimo di energia. Forza significa qualcosa di cieco, ottuso, che spinge e tutto travolge nel proprio cammino, qualcosa non dotata di energia ma di inerzia. Forse, la forza delle «cose» diventate feticci cosificati risiede nel loro vuoto di energia.  Viviamo tutti in una vetrina globale, nel sortilegio della falsa coscienza e del feticcio. Vetrina globale e falsa coscienza sono parenti stretti.

Che cosa dovrebbe scrivere un giovane che è costretto a muoversi in questo fabbrica della normografia? Si deve creare da sé un proprio linguaggio? O deve crearsi una riconoscibilità linguistica? Deve rivisitare la tradizione recente, anzi recentissima così da acquisire una visibilità immediata tra i padri più prossimi e redditizi? O deve entrare in conflitto con i padri? – Ma crearsi questa genealogia non è affatto facile, bisogna fare  i conti con la questione politica dell’eredità mancata e trafugata… e con i padri ingombranti… E allora non resta che l’epigonismo, la maniera, evitare il rischio stilistico, affidarsi ai gesti letterari o pseudo  tali. Oggi non c’è più il rischio dell’inattualità, siamo tutti attuali nel mimetismo e nell’epigonismo, siamo tutti epigonici di un vacuum che sta appena dietro le nostre spalle. La tradizione e l’antitradizione sono diventate sterili, asettiche, sono un vacuum, un flatus vocis, non ci parlano più. Non vi sono che soluzioni individuali. Ed è altrettanto evidente che per conseguire queste soluzioni, occorre astenersi, non combattere alcuna  battaglia, anzi, evitare accuratamente qualsiasi battaglia.

La poesia come scrittura «privata»? La mediatizzazione dello stile? La mediatizzazione del non-stile? – I giovani  sanno che non è questione né dell’uno né dell’altro. Sanno che la questione dello stile è diventata un non-problema. Non occorrono progetti, sono sufficienti le scommesse; si scommette su tutto, anche  la letteratura è diventata una scommessa, e la poesia una scommessa tra le altre. Si tratta propriamente di ambizioni indotte dalla normografia dominante, non c’è nulla da combattere né da non combattere. Ciascuno desidera il riconoscimento e il consenso, se  non di tutti almeno di una parte, possibilmente di quelli che contano. Non è il problema la qualità di ciò che si scrive  ma le alleanze e la normologia. È una sorta di fabbrica globale  della vetrina per conquistarsi una vetrina culturale e un deodorante. È, insomma, un problema di pubblicità per se stessi. Pubblicare, pubblicare. Pubblicità per se stessi. Il poeta è il pubblico della poesia. E la scrittura diventa un circolo vizioso.

E infine due domande a Riccardo Canaletti:

1) Che rapporto ha la tua poesia con la tradizione del Novecento?

2) All’interno del Novecento (italiano ed europeo) quale linea intendi rintracciare e tracciare per il presente e l’avvenire?

Poesie di Riccardo Canaletti

Aforisma 27, Al di là del bene e del male (I)

le strade brulicano –
gli uomini-rana,
eccoli, son lì, brutti,
grigi
eccitati, lui
non capisce una parola
si specchia
nel fondo nero
delle sue orecchie,
non c’è niente
nemmeno nelle
pupille

pensa molto
diversamente
da me,

.

Il linguaggio della razza umana: […]

. se io, non io
non tu pensassimo,
forse nessuno penserebbe
più,

.

[…] una grammatica incarnata in quattro parti”

nessuno ci conosce
dicono tutti
tu, io

non esistono amo
amas,
ma soltanto am,  am!

.

Eternare con poesia

ho lottato a lungo
con la zanzara,
l’ho resa immortale
più fuggevole,
l’eroe
sull’epidermide

.

Ironia dell’io
(psicanalisi fallita!)

il frigorifero che rimugina
ha il suono della massima
lek leka,
così prendo
lo stracchino da spalmare,
mi fermo e penso a me
(e il suono mi appare
come quello del digiuno
il senso è un senso
che a noi, che
cuciniamo,
non si svelerà mai),
ma qualcosa si forma
un odore di coscienza,
è il forno acceso
in quiescenza
fino al
drin

– il tempopassa –

direi che di noi stessi
si può fare
bene senza Continua a leggere

Annunci

3 commenti

Archiviato in poesia italiana contemporanea, Senza categoria