Archivi tag: Ipazia

Maria Rosaria Madonna Una poesia, Adversos Ipazia (inedito) con un Commento di Giorgio Linguaglossa

 Il Mangiaparole rivista n. 1Maria Rosaria Madonna (Palermo, 1943 Roma, 2002) ha pubblicato nel 1992 Stige con prefazione di Amelia Rosselli. Ha collaborato con il quadrimestrale di letteratura “Poiesis”. La sua opera completa, in gran parte inedita, attende la pubblicazione per le edizioni EdiLet di Roma.

roma Ipazia con i rotoli

 

 

 

 

 

 

 

* 415 dopo Cristo. La filosofa Ipazia cammina per le vie di Alessandria d’Egitto tra due ali di folla festante che rende onore alla scienziata. È avvolta in una tunica bianchissima che le avvolge il bellissimo corpo. Dietro l’angolo, in un vicolo, il vescovo Cirillo aizza all’assassinio della filosofa una torma di parabolani, i fanatici aguzzini della nuova fede che la uccideranno smembrandole il corpo.

roma Ipazia

roma Ipazia agora

 

 

 

 

 

 

 

 

Requisitoria del vescovo di Alessandria Cirillo «adversos Ipazia» *

Parla Ipazia dell’ordine delle stelle!?
(Dell’ordine delle stelle!?)
Ci dica Ipazia: per chi brilla la stella del vespero!?
E quella del mattino!?
Per chi brilla la stella del mattino!?
Per me? Per voi? Per noi tutti?
(Per noi tutti!?)
O forse per nessuno!?

Come può la pagana Ipazia parlarci delle stelle fisse!?
Tiene forse Ipazia l’inventario delle stelle!?
Cammina forse Ipazia con una stella sulla sua testa!?
Come può la sua bocca parlare con le stelle!?
Osa la sua bocca parlare con le stelle!?
Con le stelle!?
Afferma Ipazia che l’algida luna è nient’altro
che polvere di stelle!?
Che la luna è un ammasso di polvere!?
Che brilla di luce riflessa!?
Che essa è vera e non vera!?
Che essa è fatta di polvere e di acqua
Come il nostro mondo sublunare!?
Che non c’è resurrezione della carne!?
Che un mortale non può diventare immortale!?
Davvero, Ipazia afferma questo!?
Che un immortale non può indossare panni mortali!?
Davvero, Ipazia afferma questo!?

dal film Ipazia. I famigerati parabolani catturano Ipazia

dal film Agorà. I famigerati parabolani catturano Ipazia

roma Ipazia parabolani

 

 

 

 

 

 

Che cosa ci dice la sua matematica?

E sul movimento degli astri?
Che gli astri si muovono intorno al sole?
Di grazia, parla Ipazia con le sfere celesti?
Osa asserire questo Ipazia?

Come può la sua bocca parlare?
Come può la sua bocca bestemmiare?
Si ricreda (Ipazia!), resti nel gineceo o prenda marito
E abbracci la fede di Cristo!
Rinneghi Ipazia la sua matematica!
Si ricreda Ipazia!
Prima che sia
Troppo
Tardi

6 commenti

Archiviato in poesia italiana contemporanea