Archivi tag: filippo marinetti

Angiola Ferraris Nell’aereoplano del firmamento. Manifesti e poeti del primo futurismo italiano (1909-1920). Lettura di Giorgio Linguaglossa

Nell’aereoplano del firmamento. Manifesti e poeti del primo futurismo italiano (1909-1920) a cura di Angiola Ferraris LietoColle, Faloppio, 2013 pp. 274 € 20

opera di Ardengo Soffici

opera di Ardengo Soffici

Il Manifesto del Futurismo apparve in anteprima sul Giornale dell’Emilia di Bologna, in data 5 febbraio 1909. Pochi giorni dopo, il 20 febbraio 1909 viene pubblicato su Le Figaro a proprie spese da Filippo Marinetti con ben altra diffusione mediatica, Parigi era allora la capitale dell’arte, della letteratura e della cultura. Così, da quest’atto individuale di un intellettuale italiano di genio di cultura francese, si dà inizio a quell’effetto domino delle avanguardie dei primi anni del Novecento in tutti i paesi europei. Il futurismo è una proto avanguardia, ha elementi dell’antico mondo ma capovolti, ribaltati nel loro contrario, porta in sé una fortissima reazione a quello che viene chiamato il «passatismo», gli antiquati valori borghesi, l’arte del passato recente e lontano, i musei, il chiaro di luna, i sentimentalismi decadenti e romantici.

La Proto avanguardia (e prima avanguardia europea), ha in sé già dagli inizi tutte le contraddizioni e la vitalità della nuova civiltà di massa già agli albori con il suo culto per la velocità, il Progresso e la mitologizzazione dello stesso nelle sue varianti: il treno, l’aeroplano, l’automobile («più bella della vittoria di Samotracia»), le fabbriche con le ciminiere fumanti, le città percorse da tram e autobus, le città brulicanti di cittadini piccoli borghesi («le grandi folle agitate dal lavoro, dal piacere o dalla sommossa: canteremo le maree multicolori e polifoniche delle rivoluzioni nelle capitali moderne… Canteremo le maree multicolori e polifoniche delle rivoluzioni nelle capitali moderne»). Di qui il famoso assioma: «Non v’è più bellezza se non nella lotta»; di qui il culto per la «guerra, la sola igiene del mondo». Continua a leggere

1 Commento

Archiviato in recensione libri di poesia