Il khan Kubilay era vermiglio come rosa di Viktor Šklovskij, Un proto esempio di prosa kitchen, Traduzione di Maria Olsúfieva

 

cinese drago Si racconta che nei tempi antichi, in Cina, quando arrivava un'eclissi di sole, si usasse battere i tamburi per cacciar via il dragone che si stava ...

Drago cinese. Si racconta che nei tempi antichi, in Cina, quando arrivava un’eclissi di sole, si usasse battere i tamburi per cacciar via il dragone che si stava avvicinando…

Victor Sklovskij Marco Polo Un proto esempio di prosa kitchen

Il khan Kubilay era vermiglio come rosa
di Viktor Šklovskij

Nel mese di maggio i fratelli Polo, Matteo e Niccolò, e Marco, un giovane, giunsero alla corte del khan Kubilay. Questi aveva mandato uomini suoi incontro ai viaggiatori ben quaranta giornate in anticipo sul loro arrivo.
I fratelli arrivarono al bellissimo palazzo di Shangiu.
Era un palazzo nuovo. Tutt’intorno c’era un muro di sedici miglia, oltre al quale si stendeva il parco. Qui erano stati collocati numerosi cervi, antilopi e daini. Una volta la settimana Kubilay andava a caccia con un leopardo appositamente addestrato.
Kubilay era della schiatta di Genghiz khan. Era stato abituato fin da bambino alla vita nomade, ma i mongoli si erano già notevolmente cinesizzati e Kubilay era nomade alla maniera cinese. Di là dal muro aveva un grande palazzo di bambù con pali dorati e laccati. Ogni palo terminava con un drago, la cui testa sorreggeva il soffitto: «Stendevano le branche, cioè una alla parte destra e l’altra medesimamente alla sinistra». Il palazzo poteva essere smontato, poiché era fatto come una tenda, tesa con duecento corde di seta.
Kubilay soleva trattenersi là fino al 28 agosto, giorno in cui venivano portate diecimila cavalle bianche. Solo persone della schiatta imperiale avevano il diritto di bere il latte di quelle giumente, e lo avevano anche gli uomini della tribù degli «oriat». Le diecimila giumente percorrevano strade polverose e nessuno aveva il diritto di attraversare loro la via. Dal latte di quelle giumente si faceva il kumys e alla fine di agosto si gettava questo latte cagliato ai quattro punti cardinali in onore delle divinità protettrici del khan.
Sul tetto del palazzo stavano i lama del Tibet e del Kashmir. Giorno e notte stavano all’erta e gettavano sortilegi perché le nuvole non osassero avvicinarsi senza permesso all’abitazione del khan.
Il khan è tanto potente che la mattina, nel dare ordini a tutti, non dimentica di comandare al sole di alzarsi.
Il khan è già anziano, ha paura di non svegliarsi in tempo, quindi quella funzione è affidata al cerimoniere, altrimenti nel mondo vi sarebbe una grande confusione. I tibetani hanno in consegna le nuvole, i cinesi tengono i calcoli relativi al sole, conoscono i giorni delle eclissi e preparano una polvere nera per quelle occasioni, l’accendono in piccoli mortai di rame detti pao e scagliano pietre verso il cielo perché il drago rilasci il sole stretto fra i suoi denti.
Kubilay era salito al trono l’anno 1256.
Non tutta la Cina era stata per ora sottomessa da Kubilay, per cui gli astrologi dicevano che il khan non doveva camminare per le strade della capitale con la musica. I tartari infedeli ancora facevano la guerra sulle rive del mare e sebbene i baroni di Kubilay si stessero disabituando alla sella, molti uomini seguivano ancora le mandrie nelle steppe e molti liberi cacciatori vivevano nel paese del settentrione donde provengono le pellicce.
Non ci si poteva fidare dei cinesi. Erano bravi a inventare, ma ricordavano troppo. Era meglio fidarsi di chi non era nativo di queste terre.
Alla corte di Kubilay erano molti cristiani, nestoriani di Siria, molti saraceni, qualche genovese, veneziano, persiano.
I mercanti Polo furono accolti con onori. Essi riferirono al khan quali strade avevano percorso, quali fortificazioni venduto all’Occidente, come si commerciava su quelle strade. Il khan li accolse bene, vide Marco, giovane gagliardo a quel tempo, chiese chi fosse.
«Disse messer Niccolò: “Egli è vostro uomo e mio figliuolo”. Disse il Gran Cane: “Egli sia il ben venuto e molto mi piace”.»
Ci fu un grande festino.
Kubilay sedeva sul trono. Bevvero vino delle viti recentemente importate in Cina, bevvero il kumys e il vino di riso, idromele, birra di orzo e di palma, e Kubilay parlava con i fratelli; mentre diceva una frase benigna la coppa gli veniva porta quattro volte.
Marco Polo si alzò da tavola. Il giardino di Kubilay era splendido. Falchi di tutto il mondo, aquile dal mare ghiacciato, aquile reali dalla foce dell’Amur, addestrate a fermare una volpe in corsa, a beccare gli occhi d’un lupo, falchi dal petto rosso, buoni per la caccia alla cicogna; uccelli indiani variopinti che non avevano nome né voce, chiusi in gabbie dorate. Di là dal muro la steppa era tutta fiorita di papaveri.
Il cielo era ubbidiente: non una nuvoletta, la primavera era limpidissima.
Kubilay beveva innumerevoli coppe.
Il medico Ajse, nativo dell’India, gli diceva la verità in faccia.
«Il vino fa male, fa male anche la carne; fanno gonfiare le gambe del khan.»
Il khan amava la verità, ma più ancora amava il vino.*

* Testo tratto da Viktor Šklovskij, Marco Polo, Quodlibet, Macerata 2017. Traduzione di Maria Olsúfieva

Viktor sklovskij citazione_1
Viktor sklovskij citazione_2
SklovskyŠklovskijViktor Borisovič. – Critico letterario e scrittore russo (Pietroburgo 1893 – Mosca 1984). Nel suo primo libro, Voskresenie slova (La resurrezione della parola1914), affrontò lo studio del linguaggio poetico secondo un’impostazione che annuncia il formalismo russo, del quale Šklovskij tra i fondatori dell’Opojaz (1916), fu uno dei maggiori teorici. Nel 1917 pubblicò l’importante testo teorico Iskusstvo kak priëm (trad. it. L’arte come procedimento, in I formalisti russi, a cura di T. Todorov1968), nel quale elaborò e definì il concetto di straniamento come procedimento centrale dell’opera d’arte. Vicino ai futuristi russi e ai Fratelli di Serapione, proseguì la sua opera di teorico affrontando in particolare il tema dell’intreccio narrativo (Sjužet kak javlenie stilja “L’intreccio come fenomeno di  stile”, 1921Teorija prozy1925, trad. it. Teoria della prosa1976). Tra il 1922 e il 1923, a Berlino, scrisse due tra le sue opere letterarie più interessanti, Zoo. Pis´ma ne o ljubvi (1923; trad. it. Zoo, o lettere non d’amore1966), pseudoromanzo in forma epistolare, e Sentimental´noe putešestvie: vospominanija 1917-1922 (1923; trad. it. Viaggio sentimentale. Ricordi 1917-1922, 1966), insolita testimonianza autobiografica. Dopo il periodo staliniano, durante il quale abbandonò le ricerche formalistiche, tornò ad affrontare gli argomenti centrali della sua riflessione teorica con lavori come Za i protiv. Zametki o Dostoevskom (Pro e contro. Osservazioni su Dostoevskij, 1957), Tetiva. O neschodstve schodnogo (1970; trad. it. Simile e dissimile1992), Energija zabluždenija. Kniga o sjužete (1981; trad. it. L’energia dell’errore. Libro sul soggetto1984). Intellettuale eclettico e anticonformista, si interessò anche di cinema, sia con studî (Literatura i kinematograf Letteratura e cinematografo1923Gamburgskij ščet1928, trad. it. Il punteggio di Amburgo1969Ejzenštejn1973, trad. it. Sua maestà Ejzenštejn1974), sia collaborando come sceneggiatore con registi come L. V. Kulešov e V. I. Pudovkin.

 

 

3 commenti

Archiviato in poetry-kitchen

3 risposte a “Il khan Kubilay era vermiglio come rosa di Viktor Šklovskij, Un proto esempio di prosa kitchen, Traduzione di Maria Olsúfieva

  1. https://lombradelleparole.wordpress.com/2021/01/29/il-khan-kubilay-era-vermiglio-come-rosa-di-viktor-sklovskij-un-proto-esempio-di-prosa-kitchen/comment-page-1/#comment-72114
    Giunto alla dodicesima riscrittura Vi propongo l’ultima versione della mia composizione Kitchen, Stanza n. 3.
    Si tratta, come ognuno può vedere, di un «polittico».

    Stanza n. 3

    Cogito stura ogni giorno una bottiglia di Asti spumante.
    L’apriscatole apre la scatoletta di carne Simmenthal.
    Cogito cerca colà la verità che si può digerire.
    Si assicura sempre una via di fuga,
    ad esempio, la scala di servizio all’esterno dell’edificio,
    sito in Marketstrasse n. 7, al quinto piano,
    deve essere sempre sgombra da masserizie e rifiuti.

    La materia oscura della pagina bianca si offre
    al filosofo ogni mattina con il caffè.
    Anni trenta.
    Cogito gira la manopola della radio in radica.
    Sorseggia il caffè.
    Adesso può ascoltare “An der schönen blauen Donau”, Op.314
    Wiener Philharmoniker, diretta da Herbert von Karajan.

    L’unghia smaltata di K. agguantò al volo il calice del Campari
    che oscillava negli stagni Patriarsci.
    Il direttore d’orchestra depose la bacchetta, i musicisti se la filarono,
    il pubblico prese a fluire.

    Zlatan Ibrahimovich prese a calci un pallone e fece goal.
    Kim Kardashian in attendance of Kylier Jenner
    at Arrivals for Manus X Machina Fashion in An Age Of Technology,
    drink a coffee.
    «The print is ready for hanging or framing!»,
    dice il pappagallo verde con uno chiffon giallo al collo,
    poi scende dal trespolo e gorgheggia di nuovo:
    «The print is ready for hanging or framing!».

    L’autobiografia della pioggia prese a litigare con la biografia della neve.
    «C’è un agente morboso», disse K. rivolto ad Azazello.
    Nel frattempo la mano ingioiellata agguantò un secondo Campari.

    «Se c’è, c’è il morbo», rispose quest’ultimo.
    Il quale tirò fuori dal taschino della giacca un ipotocasamo nuovo di zecca,
    E con quello cominciò a frinire, a fare saltelli.
    «E se non c’è?»,
    chiese amabilmente Azazello dopo l’ennesima giravolta.
    «C’è la guarigione», replicò K. passeggiando rumorosamente
    con i mocassini nuovi di zecca made in Italy.
    «Nella teca c’è il Covid19».
    Il berretto verde di K. ebbe un sussulto.

    «Sono i risultati delle tre carte, caro Cogito.
    Il principio di concordanza. Nient’altro che un gioco di prestigio.
    Tuttavia, la poiesis nasce da un lancio di dadi
    su un piano inclinato…
    Il Covid19?
    È un elemento della perturbazione universale che concorre
    con una perturbazione ancora più universale…

    Quella parte del tutto che vuole costantemente il male e invece concorre
    a produrre costantemente il bene.
    Al di là del principio del bene e del male.
    Ovviamente.»

  2. https://lombradelleparole.wordpress.com/2021/01/29/il-khan-kubilay-era-vermiglio-come-rosa-di-viktor-sklovskij-un-proto-esempio-di-prosa-kitchen/comment-page-1/#comment-72117
    Ecco un romanzo odierno in stile Kitchen.

    Nel nuovo romanzo di Joyce Carol Oates, Pericoli di un viaggio nel tempo (La Nave di Teseo, 2021), viene indagata la società distopica del futuro che manda i ribelli in un campus del 1959, ovvero, nel passato a scontare la pena.

    Un personaggio del romanzo dice:

    «Viviamo in un’epoca post-Olocausto, Adriane, anche se qui nessuno ha voglia di parlare dei campi di sterminio, della “soluzione finale” degli ebrei, degli esperimenti con gli esseri umani. O di Eichmann, l’uomo in apparenza comune che si limitava a “eseguire gli ordini”. Tutte cose che non vengono insegnate nei corsi di Storia, e se ne parla ancor meno. Gli Stati Uniti sono fondati sull’amnesia, sulla rimozione. La coscienza non riesce a stare al passo con le azioni. E io voglio indagare la coscienza dell’uomo e della donna comuni attraverso una serie di esperimenti che replichino, in miniatura, l’esperimento nazista. Perché il nazismo è stato un esperimento sociale unico nella storia umana».

    Il romanzo si svolge in un tempo distopico, il 1959. Per l’esattezza dal futuro, anno 23-SNAR :

    «Evidentemente in questa epoca l’aria condizionata era rara. E con mio grande sconcerto e disgusto, l’aria che si respirava spesso era inquinata dal fumo delle sigarette. Ero allibita che le mie compagne di stanza fumassero! Dalla prima all’ultima. Come se non sapessero che il tabacco fa venire il cancro, o se ne fregassero».

    Adriane Stohl, la protagonista, è una IE (individuo esiliato), che è sempre preferibile ad IC (individuo cancellato – deleted).
    Ma il suo esilio non avviene in un altro spazio, bensì in un altro tempo. La famigerata Zona 9 altro non è che l’università di Wainscotia Fall, nel Winsconsin nel 1959. Adriane in testa ha un chip che le impedisce di ricordare con chiarezza cosa avviene nel futuro (che per lei è passato).

  3. antonio sagredo

    Maria OLSOUFIEVA, già slavista di vaglia, divenne famosa con la pubblicazione del “Il dottor Živàgo”, insieme a Pietro Zveteremich – traduttore principale -, mentre Mario Socrate tradusse le “Poesie di Jurij Živàgo” che facevano seguito al romanzo. E che in questi giorni sto rivisitando.
    Sia Zveteremich (eccellente traduttore) che la OLSOUFIEVA si specializzarono nel tradurre la prosa, opere fondamentali della prosa russa-sovietica, ma anche la poesia, di alcuni poeti russi.
    Zveteremich, erroneamente in internet viene dato come primo traduttore delle poesie di Marina Cvetaeva, nel 1967,- in occidente -, quando invece nel 1954 ne la “Poesia russa del Novecento” (una antologia) di AM Ripellino vi sono ben 11 poesie di Marina Cvetaeva tradotte in italiano.
    (non c’è da stupirsi poi tanto degli errori “internettiani” – è un mio neologismo).
    La prosa qui presentata del viaggio di “Marco Polo” è fondamentale per comprendere la tecnica formalista, che forse giustamente Giorgio Linguaglossa presenta come “Un proto esempio di prosa kitchen”, ma è da rilevare come Šklovskij sia ricchissimo di trabocchetti e quindi occorre molta prudenza, e come esempio porto questa mia nota dove a farne le spese è il regista francese Jean-Luc Godard. (da nota 12 pag. 10 del Corso su Majakoivskij di AMR del 1971-72).
    Dunque:
    “””” Si innesta qui una polemica [una strocatura!] di Šklovskij contro il regista francese Jean-Luc Godard sulla riga dei rapporti che ci furono tra Ejzenštein e Dziga Vertov. Scrive Šklovskij.”Il regista Jean-Luc Godard, parlando a Parigi a nome del “Gruppo Dziga Vertov” accusa oggi [1970] Ejzenštein di “revisionismo”. Godard dice che il concetto stesso di “autore” è sbagliato, è “interamente reazionario”. Quest’affermazione sbagliata giunge molto in ritardo. Nel 1920 Majakovskij non appose il proprio nome al poema 150 milioni, dicendo che il poema era stato scritto precisamente da quei “milioni di uomini”. Cinquant’anni dopo, l’affermazione-negazione dell’autore viene ripetuta da Godard come qualcosa di nuovo. Non si debbono gridare ai quattro venti delle “novità” vecchie di cinquant’anni. La discussione di Godard, in cui egli si sforza di fermare il movimento dell’arte creata dal passato, è un errore. E il fanalino rosso dove non sono in corso lavori di rinnovamento.
    In: Viktor Šklovskij, Sua Masestà Ejzenštejn, ed. De Donato, 1974, pp. 211-212. (traduzione egregia di P. A. Zveteremich).””””
    ————————
    Traduttore eccellente di V. Šklovskij fu lo Zveteremih, ma la stessa Olsoufieva non gli era seconda, anche nelle traduzioni dei romanzi russi. Ebbero una amicizia sincera e colma di stima entrambi con\per Ripellino.

    a. s.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.