Il “Poema dell’esilio” del poeta italo-albanese Gezim Hajdari, Atto di accusa contro il regime postcomunista in vigore in Albania – “Nell’Albania comunista di Enver Hoxha vennero imprigionate 30 mila persone, 60 mila internate nei campi dei lavori forzati, 17.900 condannate per motivi politici, 5500 uccise come avversari politici del dittatore Enver Hoxha, 9052 morirono nelle prigioni, 408 rimasero invalidi mentali a causa delle torture disumane subite, 7022 morirono nei campi dei lavori forzati. Furono fucilate o sono morte nelle varie prigioni 148 tra intellettuali, artisti, scrittori, poeti, politici, filosofi, giuristi, traduttori e professori di latino e greco. Mentre 4500 persone sono sparite e ancora oggi non si sa dove giacciono i loro resti”

Besnik Violenza-a-Tirana_1990

Manifestazione a Tirana, 1990

Negli ultimi giorni, la stampa italiana e quella mondiale ha più volte richiamato il caso dell’Albania come la nuova Colombia d’Europa per quanto riguarda il suo ruolo cruciale per la produzione e il commercio della droga. Inoltre il paese, ogni giorno, è all’epicentro di scandali politici, corruzione e traffici illegali. Notizie clamorose del genere non sono del tutto casuali. La corruzione, gli omicidi, i traffici illegali, gli intrecci tra mafia e governanti sono stati e continuano ad essere all’ordine del giorno sin dal 1992.
Prendendo spunto dalla cronaca più recente, pubblichiamo alcuni tratti scelti dalla raccolta Poema dell’esilio del poeta italo – albanese Gezim Hajdari che ha avuto il merito di denunciare già anni fa’, quasi profeticamente, le tragiche vicende sia del regime comunista di Enver Hoxha che quelle dei regimi postcomunisti di oggi. Ma purtroppo, in Albania come in Italia, nessun quotidiano ha dato spazio a questa denuncia pubblica e storica di Hajdari, anzi, il suddetto libro, come del resto anche l’autore stesso, non a caso, sono stati ignorati per ben 24 anni di seguito dalla stampa ufficiale albanese e italiana.
.
Gezim Hajdari cop inglese
Gëzim Hajdari
Poema dell’esilio/ Poema e mërgimit
.
I° edizione, Fara Editore, 2005
II° edizione ampliata, Fara Editore 2007

.

«Perché mai sono uscito dal seno materno per vedere tormenti e dolore e per finire i miei giorni nella vergogna?»
Geremia (L’antico Testamento. Libro dei Profeti)
.
«Nel tempo dell’inganno universale dire la verità è un atto rivoluzionario».
(George Orwell, La fattoria degli animali)
.
“…Eppure – chissà – là dove qualcuno resiste senza speranza è forse là che inizia la storia umana, come la chiamiamo, e la bellezza dell’uomo!”
Ghiannis Ritsos
.
Police breaks up violent protest in Tirana

Manifestazione a Tirana

Nell’Albania comunista di Enver Hoxha vennero imprigionate 30 mila persone, 60 mila internate nei campi dei lavori forzati, 17.900 condannate per motivi politici, 5500 uccise come avversari  politici del dittatore Enver Hoxha, 9052 morirono nelle prigioni, 408 rimasero invalidi mentali a causa delle torture disumane subite, 7022 morirono nei campi dei lavori forzati. Furono fucilate o sono morte nelle varie prigioni 148 tra intellettuali, artisti, scrittori, poeti, politici, filosofi, giuristi, traduttori e professori di latino e greco.
      Mentre 4500 persona sono sparite e ancora oggi non si sa dove giacciono i loro resti.
      Per motivi politici sono stati confiscati e imprigionati 19.250 ricchi latifondisti e commercianti. La dittatura comunista di Hoxha condannò 310 alti prelati religiosi, distrusse 220 istituzioni religiosi. Fucilò 95 cittadini del Kosovo e imprigionò 250 cittadini stranieri, tra questi 38 donne di nazionalità non albanese. Ma la cosa peggiore è che l’elenco dei nomi dei cittadini fucilati senza processo durante gli anni 1944-1955, non esiste in nessun archivio. Forse questo elenco non si troverà mai. Nelle prigioni e nei campi di internamento albanesi hanno sofferto le pene dell’inferno anche cittadini italiani, greci, tedeschi, austriaci, polacchi, russi, ecc. ecc. Nell’Albania di Enver Hoxha vi furono 40 prigioni e 50 campi di internamento.
      Gli artigli del regime stalinista di Hoxha non risparmiarono nemmeno le donne albanesi.
      Il regime ne condannò ben 7367, delle quali 308 impazzirono a causa delle torture macabre. Morirono nelle prigioni 45 e furono fucilate 450. Nei campi di internamento furono rinchiuse 46.790, morirono per le fatiche e gli stenti 5118 donne e 320 bambini di fame e malattie.
      La costruzione di una vera democrazia in Albania doveva basarsi su due pilastri: uno rappresentato dalla decisione politica di fare luce sui  crimini della tragedia comunista e il secondo fondato sulla restituzione dei beni agli ex proprietari. Sono trascorsi ben venticinque anni dal crollo della dittatura di Hoxha e nessuna di queste due questioni  è stata mai affrontata.
      Anzi, l’Albania è l’unico paese dell’Europa dell’Est che non ha aperto fino ad oggi gli archivi della polizia segreta di Enver Hoxha. L’ultimo tentativo ci fu alcuni anni fa’, ma la Corte Costituzionale, presidiata da Femi Avdiu si oppose. Femi Avdiu è stato il presidente del tribunale di Enver Hoxha responsabile della condanna all’impiccagione, avvenuta nel 1988, del poeta dissidente Havzi Nela. Questo giudice criminale comunista, dopo il crollo del regime rosso di Tirana, divenne deputato dei postcomunisti (PSA), nonché presidente della Corte Costituzionale della Albania “democratica”! Mentre l’ordine per l’esecuzione del poeta Havzi Nela fu firmato da Kristaq Rama, vice presidente del parlamento di Enver di Hoxha. Kistaq Rama è il padre dell’attuale premier dell’Albania, Edi Rama!
      Pertanto, ancora oggi i responsabili di questo massacro ricoprono alte cariche politiche nell’Albania postcomunista in tutti i segmenti della vita politica, economica, culturale e spirituale facendo di tutto per seppellire la memoria di quanto è successo. Loro non vogliono che la verità storica sia resa pubblica, né in Albania né all’estero. Coloro che tentano di far luce sugli efferati crimini commessi durante il regime di Enver Hoxha, come nel caso di chi scrive, sono considerati dei nemici e condannati perciò al silenzio. dalla mafia politica e culturale di Tirana.
      Il Terrore era un sistema, il principio su cui si basava la dittatura stalinista.
      Finché il Parlamento di Tirana non riconoscerà il Terrore di Stato come un crimine contro l’umanità, non ci sarà pace nelle coscienze dei cittadini e una vera democrazia in Albania. Il 25 gennaio 2006 l’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa ha approvato la risoluzione 1481 in merito alla “ Necessità di una condanna internazionale dei crimini dei regimi del totalitarismo comunista” in cui si condannano le violazioni di massa dei diritti umani commesse dai regimi totalitari comunisti. Inoltre, tale risoluzione stigmatizza il fatto che gli autori di questi crimini non siano mai stati portati in giudizio di fronte alla comunità internazionale e, di conseguenza, ne deriva una scarsa presa di coscienza pubblica sui crimini del totalitarismo comunista.
       Dal 1991 ad oggi il Parlamento albanese, nonostante questa risoluzione dell’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa, non ne ha mai tenuto conto. Il Passato si identifica solo con le vittime e si dimenticano i commissari che progettarono tale carneficina. Fino ad ora la tragedia del genocidio albanese non ha avuto nessun responsabile; non c’è stata una condanna, nemmeno morale. I governi post-comunisti attendono che scompaia la generazione dei perseguitati e, insieme a loro, ogni testimone oculare, ogni testimonianza, ogni ricordo vivente della tragedia storica.
      I familiari delle vittime attendono la verità su ciò che è accaduto nelle stanze del Sigurimi (polizia segreta di Enver Hoxha) e sperano che il Parlamento di Tirana condanni finalmente le atrocità perpetrate durante quell’epoca. Il paradosso è che, l’anno scorso il governo postcomunista di Edi Rama, ha premiato decine di ex-alti funzionari della nomenklatura del regime di Hoxha, in quanto ideatori ed esecutori del Terrore di Stato, per aver servito con devozione la patria comunista di ieri! L’Albania si è trasformata in un cimitero sepolto e rivelato: ogni giorno viene scoperta una fossa comune con resti di uomini, donne e bambini considerati nemici della dittatura del proletariato.
.
Gezim Hajdari colline di Fondi, 2006

Gezim Hajdari colline di Fondi, 2006

      Se fino a ieri, il Paese delle Aquile è stata vittima del regime sanguinario di Enver Hoxha, dal ’91 fino ad oggi, è diventato il paese più corrotto dell’Europa e la terra dei misteri, degli scandali politici inquietanti e degli intrighi internazionali diventando così un pericolo non solo per la sua gente ma anche per i Balcani. I due partiti politici, i democratici e i socialisti, che hanno governato il paese, scambiandosi il potere a vicenda dal 1991 ad oggi, sono nati dallo scisma dello stesso partito comunista di Enver Hoxha. Nella mia Albania, il paese della besa, dell’onestà, dell’ospitalità, dell’amicizia dell’epica; l’Albania dei padri del Rinascimento, della grande tradizione orale e mistica, nulla è cambiato. Anzi, la mia Albania continua a sprofondare ogni giorno di più nella corruzione e negli affari sporchi facenti capo alla nuova oligarchia, caratterizzata spesso da lotte interne spietate per il dominio e il potere. Responsabili di tutto questo disastro economico, sociale, morale, politico e culturale sono gli stessi politici della vecchia nomenklatura di ieri del regime comunista, divisi in clan mafiosi potenti e molto pericolosi, che tengono in ostaggio lo Stato e la vita dei cittadini.
      L’Albania e gli albanesi di oggi gestiscono il traffico internazionale della droga, delle armi, della prostituzione, degli esseri umani e del denaro sporco. È da venticinque anni che in Albania è in atto una distruzione generale, mai vista prima e ininterrotta, che pervade tutti gli angoli della vita, dell’ambiente, delle tradizioni e del patrimonio spirituale albanese creato con sacrifici dai nostri antenati nel corso dei secoli. Proprio  dall’Albania e dal Kosovo parte la maggior parte dei mercenari usati per arruolarsi nelle file del Daesh con lo scopo di rovesciare dei governi legittimi come si è tentato di fare recentemente in Siria. L’Albania e il Kosovo, con il voler della CIA americana,  hanno ospitato carceri di tortura dove sono stati torturati cittadini stranieri. Negli ultimi tre anni, sempre con il volere della CIA, l’Albania ha ospitato nel suo territorio 2500 cosiddetti ‘mujaheddin’iraniani, addestrati per destabilizzare paesi e nazioni e per seminare nuove guerre e morte in Iran e in varie parti del mondo in nome di quella che ormai è entrata nei manuali di strategia militare sotto l’appellativo di “Strategia della tensione”.
      La mia ‘nuova’ Albania, sorta sui crimini e sui traffici mafiosi, secondo un progetto dei ‘Poteri Oscuri’ dall’oltreoceano, con il consenso vergognoso dei politici mercenari di Tirana, è diventata il paese più pericoloso d’Europa. Sono stati proprio questi poteri oscuri che hanno portato al potere il dittatore Enver Hoxha, che hanno difeso e appoggiato la sua sanguinaria politica per mezzo secolo a Tirana. Sono stati proprio questi  poteri oscuri che hanno eliminato gli oppositori del regime comunista sia in Albania che all’estero. Sono stati proprio questi poteri oscuri che hanno portato al potere con la loro benedizione i postcomunsiti di Sali Berisha, Fatos Nano e di Edi Rama. Sono stati proprio questi poteri oscuri che tengono ancora oggi sotto la loro protezione i responsabili della tragedia comunista. Stranamente molti di questi boia oggi vivono tranquilli negli Stati Uniti. Sono stati proprio questi poteri oscuri che hanno voluto che la nuova Albania venisse costruita proprio sui crimini, sulla droga e sui traffici loschi.
      Sono stati proprio questi poteri oscuri che hanno programmato e innescato lo scontro etnico in Kosovo, la distruzione della convivenza balcanica innalzando muri di odio tra i nostri popoli vicini, che nei secoli scorsi, nel male e nel bene, hanno condiviso lo stesso destino. Sono stati proprio questi poteri oscuri che hanno costituito uno Stato fantoccio come quello del Kosovo, gestito ancora oggi da loro, non per il bene di quest’ultimo e del suo popolo, ma piuttosto per i loro interessi personali politici ed economici.
.
      Il Kosovo, usato come carne da macello dai  poteri oscuri, se fino a ieri è stato la culla dell’albanesità, oggi sta diventando la tomba dell’Albania. Sono proprio questi poteri oscuri che stanno tentando di destabilizzare oggi la Macedonia con l’aiuto degli albanesi macedoni. E non si fermeranno qui. Ma la cosa peggiore è che nell’arco di venticinque anni nessun politico, intellettuale, giornalista, partito o un’associazione albanese ha mai denunciato tutto questo. Nessuno. Anzi, sono pronti a vendere la propria madre in segno di devozione a questi poteri oscuri per avere in cambio di favori, carriera, donne, potere e soldi.
      I sedicenti intellettuali, scrittori, analisti, giornalisti, opinionisti, oppositori i quali trascorrono il tempo tra comparsa televisive, caffè e osteria di Tirana, è da venticinque anni che fanno finta di disputarsi tra di loro, ricevendo però premi letterari, titoli, alte cariche, onori e denaro dal potere criminale di Tirana. I loro stipendi, le alte cariche e i loro onori sanno di marcio, di crimine, di prostituzione, di sangue e non arrivano a comprendere che finché l’Albania sarà sotto le grinfie dei poteri oscuri di oltreoceano, non ci sarà mai pace, democrazia, prosperità e una sana sovranità per l’Albania e gli albanesi, ma solo un suicidio collettivo.
.
      I poteri oscuri, i quali hanno usurpato il mio paese nel lontano 1922, hanno fatto dell’Albania e del Kosovo una zona franca per poter far passare gli affari più sporchi, e la società albanese è la più incriminata d’Europa al cui interno fanno la legge gli assassini a pagamento. In Albania crescono più piante di droga che di erba. Oggi la mia Albania, è l’unico paese al mondo che ha eretto delle statue gigantesche  a due criminali di guerra come G. Bush jr e H. Klinton, come se non bastasse ciò che è stato detto fin qui. L’Albania e il Kosovo, e quest’ultimo ospita la più grande base militare statunitense in Europa, sono diventati delle portaerei di questi poteri oscuri.
.
A proposito della base militare americana in Kosovo, proprio in questi ultimi giorni, a Tirana, ha avuto luogo un’Assemblea della NATO nella quale, tra le altre cose, la Ministra albanese della difesa, M. Kodheli, ha dichiarato con fervore e passione perversa postcommunista che « la NATO rappresenta una comunità caratterizzata dalla democrazia, la libertà individuale, i diritti dell’uomo e lo stato di diritto (…) e che essa è l’incarnazione dei valori democratici di questa alleanza». Signora Ministra, la NATO, come ha dimostrato la storia, non è altro che un’organizzazione criminale in mano ai poteri oscuri che sin dalla sua nascita non ha fatto altro che seminare guerre, morti, crimini e lutto ovunque nel mondo.
Si fa presente alla Signora Ministra Kodheli che la “primavera araba” non si è trasformata in un “inverno arabo”, come pretendete Voi, ma è nata proprio come un “inverno arabo” programmato appunto dai poteri oscuri. E dietro il “diavolo della violenza estrema”, si nascondono sempre gli stessi poteri oscuri; e che sempre dietro al cosiddetto Stato Islamico, oppure DAESH, e gli altri gruppi terroristici”, o ancora “i mercenari da tutto il mondo”, i quali si arruolano e combattono per conto di questi gruppi criminali, come avete dichiarato Voi, si nascondono i poteri oscuri, i quali non solo minacciano “il Medio Oriente e l’Africa del Nord”, come affermate Voi, ma l’Europa intera e oltre ancora. E per di più dietro “l’ondata biblica di rifugiati nelle nostre case o nei paesi vicini” covano i programmi diabolici di questi poteri oscuri. Anzi sono gli stessi che hanno fatto da regia ai conflitti sanguinosi in Afganistan, Iraq, Libia, Siria, si tratta sempre della mano degli stessi poteri oscuri, Signora Ministra.
.
Con la caduta del Muro di Berlino, sono venute a mancare le condizioni sociali, politiche e ideologiche per mantenere in vita la NATO. D’ora in poi, è più che ragionevole creare un Blocco militare regionale europeo di difesa. Una proposta del genere sarebbe dovuta partire dai politici intelligenti e visionari davanti all’Assemblea della NATO a Tirana. Ma lo squallore insopportabile e isterico postcomunista dei politici-criminali di Tirana non si accontenta di questo. L’invito del Primo Ministro Edi Rama davanti all’Assemblea della NATO a Tirana, per la creazione di una base militare in Albania, è tanto spaventoso quanto pericoloso, e d’altronde può avere delle conseguenze nefaste per il paese, l’ambiente e il futuro dell’Albania.
.
Si fa presente al lettore che oltre alla Ministra bambola, M. Kodheli, hanno presenziato all’Assemblea della NATO  a Tirana anche: il Presidente del Parlamento albanese, Ilir Meta, accusato di corruzione come anche Milo Djukanovic, Presidente del Montenegro, accusato di corruzione. Quest’ultimo, per sfuggire alla giustizia, ha accettato di vendere il proprio paese alla NATO. Solo l’Assemblea della NATO poteva accettare di trafficare con questi personaggi incriminati sulle spalle dei loro popoli.
Sono trascorsi dei giorni ormai dalla dichiarazione di Kodheli, Rama, Meta e Djukanovic davanti all’Assemblea della NATO a Tirana, ma purtroppo nessuna reazione vi è stata da parte di cittadini, politici, intellettuali, scrittori, giornali, associazioni ecc. ecc. per opporsi a queste pericolose iniziative in campo militare. Un silenzio degno di un atteggiamento tipico della prostituzione spirituale e intellettuale.
.
L’Albania e il Kosovo hanno ceduto la sovranità nazionale a questi poteri oscuri, i quali gestiscono ogni angolo della vita politica, economica, militare, culturale e spirituale del paese, e non solo. E tutto ciò peserà a lungo sul destino e il futuro della nazione ma anche su quello dell’intera area balcanica. L’Albania e il Kosovo, che attualmente si trovano in un vicolo cieco, hanno una storia, meglio una ControStoria, tutta da riscrivere.
.
Gezim Hajdari a Venezia

Gezim Hajdari a Venezia

Gëzim Hajdari
Poema dell’esilio/ Poema e mërgimit
.
.
Ho contribuito al crollo della dittatura albanese
e alla ricostruzione democratica della patria,
perché aspiravo alla libertà e alla bellezza, ma vincitrice
è stata la nomenklatura di ieri, macchiata di sangue e crimini di Stato.
È per questo che sono in esilio, amici miei.

.

Ho partecipato alla fondazione del Partito Democratico all’una di notte e,
mesi dopo, anche a quella del Partito Repubblicano nella città di Lushnje,
entrambi partiti d’opposizione, quando tutti tremavano dalla paura e nessuno
credeva ed immaginava la caduta e la sopravvivenza della dittatura rossa.
È per questo che ho scelto l’esilio, amici miei.

.

[…]

.

Nel 22 marzo ’92, ho concorso al parlamento albanese nella città di Lushnje,
ma ha vinto colui che l’indomani è divenuto Ministro degli Esteri
e vice premier di Berisha , appoggiato dalla mafia di Tirana.
Mi sono chiuso in casa per tre giorni di seguito.
È per questo che soffro l’esilio, amici miei.

.

«Ma il peggio deve ancora venire!»

.

Due anni dopo, il popolo di Lushnje, prese in ostaggio allo stadio
il suddetto signore, T. Shehu, cioè il Ministro
e gli mise il porro nel culo,
perché non mantenne le promesse elettorali.
È per questo che mi trascino in esilio, amici miei.

.

Ora l’ex-ministro degli esteri, nonché ex-vice primo ministro di Berisha,
è vice rettore della nuova Università di Tirana,
fondata dalla Congregazione italiana “I figli della Signora Immacolata”!
Che la Signora Immacolata salvi l’anima macchiata del suo figlioccio!
È per questo che mi annullo nell’esilio, amici miei.

.

Dopo la tragica sconfitta della Democrazia
sono stato costretto ad abbandonare la patria, di notte,
sotto la pioggia, senza una stretta di mano,
perché minacciato di morte.
È per questo che mi perdo nell’esilio, amici miei.

.

«Ahimé, djemtë e shqipes a migliaia se ne vanno!
Miseri noi per la vostra sorte!»

.

La mia unica colpa è stata di non aver accettato compromessi,
denunciando gli abusi e i crimini del vecchio regime
e quelli del nuovo regime di Berisha
sulla stampa locale e nazionale.
È per questo che mi sento felice in esilio, amici miei.

.

[…]

.

Nella sede del Partito Democratico di Lushnje,
un suo militante mi ha colpito buttandomi a terra
perchè avevo scritto sul giornale, che i suoi, durante la dittatura,
avevano torturato gente innocente.
È per questo che mi rabbuio in esilio, amici miei.

.

Nel “Bar Blerimi”, a Lushnje, il figlio di un direttore “democratico”,
criticato da me sul settimanale Ora e fjalës (di cui sono stato uno dei fondatori
nonché vice direttore dello stesso), mi ha colpito in mezzo alla gente,
mentre stavo per prendere un caffè. Non era la prima volta che venivo aggredito.
È per questo che vivo in esilio, amici miei.

.

[…]

.

Nella sede del Partito Repubblicano, nel quale ero segretario
per la mia provincia, spararono. Fu una vera minaccia. Avevamo perso.
Non c’era più posto per me in patria. Sono fuggito sconfitto e disperato
in una notte di pioggia, senza una stretta di mano.
È per questo che raggiungo me stesso in esilio, amici miei.

.

«Che voi non possiate dimenticare la terra degli avi! Eravate la speranza!»

.

Gli “amici del Partito democratico” di Lushnje, dopo la mia fuga,
presero l’appartamentino fatto di una stanza, una cucina e un bagno,
dove abitavo e lo vendettero alla zia del sindaco ‘democatico’ della città,
mettendo per strada i miei genitori e migliaia di volumi di libri.
È per questo che grido in esilio, amici miei.

.

Oggi mia madre è malata, lo Stato albanese non le ha concesso
una pensione minima; invalido è anche mio padre, ex-partigiano
della resistenza. Tutti e due vivono in una baracca umida e fredda, senza luce,
né acqua, senza telefono. Non si sono mai sdraiati su di un letto caldo e asciutto.
È per questo che mi prostro nell’esilio, amici miei.

.

Mia madre non è riuscita ad avere il terreno di suo padre. L’hanno esclusa
dall’eredità, perché in Albania la giustizia è malata e corrotta; mia madre,
Nur, che compie 77 anni, non ha soldi per corrompere gli avvocati e i giudici.
Mia povera vecchierella, da una vita continua a chiedere prestiti ai vicini
per passare il mese!
È per questo che vigilo in esilio, amici miei.

.

Gli avvocati che difendono la causa di mia madre sono gli stessi che confiscarono
il terreno alla sua famiglia, e a quella di mio padre, durante il comunismo.
I funzionari di ieri sono i funzionari dello Stato albanese di oggi; hanno cambiato
solo colore, uffici e tessere di partito. Dietro le maschere si nascondono i loro volti
di sempre.
È per questo che denuncio in esilio, amici miei.

.

La stessa sorte ebbero anche i beni di mio nonno ad Hajdaraj , che da proprietario
terriero divenne kulak . Sul quotidiano del dittatore «Zëri i popullit»
(La voce del popolo), 23 giugno 1953) mio padre venne chiamato nemico
del popolo. Fu licenziato come geometra e ragioniere, per essere mandato
a pascolare i buoi della cooperativa dello Stato.
È per questo che affido il mio corpo all’esilio, amici miei.

.

Dopo essere stati confiscati di tutti i loro beni, i comunisti obbligavano i kulak
a salire sugli asini, con il volto rivolto all’indietro. Al collo di ogni kulak,
il segretario del partito appendeva dei campanelli. Li facevano “passeggiare”
per le strade dei villaggi e delle città, umiliandoli e insultandoli a furor di popolo.
È per questo che guardo in faccia l’esilio, amici miei

.

«Canta la lahuta la sciagura shqiptare!»
[…]
Gezim Hajdari Poema dell'esilio COPERTINA FARAGezim Hajdari Cop Poema dell'esilio 2png
L’ex-presidente Berisha vendette i beni dello Stato, cioè del popolo,
ai trafficanti e alla mafia per pochi soldi e diede ordine che venissero bruciate
le documentazioni delle privatizzazioni vergognose,
legalizzando pubblicamente il furto!
È per questo che adoro l’esilio, amici miei.

.

«Investite i vostri soldi nelle banche (fantasma)», – consigliava l’ex-presidente
dalla sua televisione di Stato; la gente vendette case, terreni, animali, per investire
il ricavato nelle casse dei ladri democraticimafiosi di Tirana. Solo l’ex-direttore
della polizia A. Shehu ha fatto scomparire 63 milioni di dollari!
È per questo che non rinuncio all’esilio, amici miei.

.

Migliaia di famiglie furono distrutte, si suicidarono anziani, giovani e donne,
ingannati dal loro governo; altri annegarono nell’Adriatico per la disperazione,
l’umiliazione e la fame. 1 milione e 600 mila cittadini albanesi hanno perso
nelle banche truffa 1.4 miliardi di dollari ! Berisha dovrebbe essere giudicati
per la tragedia che hanno causato al popolo albanese.
È per questo che impazzisco in esilio, amici miei.

.

I politici delinquenti albanesi sono responsabili della morte di migliaia di donne,
bambini e giovani, annegati e sbranati dai pescicani nel mare Adriatico;
mentre loro hanno fatto affari con gli scafisti e le banche fantasme. Il pesce
che viene mangiato dagli italiani e dagli stessi albanesi durante il pranzo
e la cena, si è nutrito con la carne di quei miei poveri connazionali!
È per questo che abbraccio l’esilio, amici miei.

.

«Mio dio, sentiamo cose inaudite!»

.

Il “democratico” Berisha pestò gli ex-perseguitati politici
seppellendo una volta per sempre le speranze della Democrazia,
perché chiedevano i propri diritti, mentre i kulak rimasero
per sempre ingannati dalla sporca riforma di Berisha e da quella di Nano.
È per questo che mi ubriaco di esilio, amici miei.

.

L’ex-presidente Alia , nel 1991, approvò la legge 7501 che distribuiva la terra
ai contadini albanesi, secondo il numero dei membri delle famiglie.
Berisha mise in pratica la legge di Alia, dando la terra e il diritto di proprietà (i tapì)
ai contadini, mentre gli ex-proprietari terrieri rimasero con le mani in tasca.
È per questo che sopravvivo in esilio, amici miei.
[…]
Gezim Hajdari, Siena 2000 (1)

Gezim Hajdari Siena 2000

Oggi, la squallida opposizione albanese del trafficante S. Godo “raglia” che venga
applicata la legge della proprietà sulla terra degli ex-proprietari. Ma la terra è stata
venduta e comprata per l’ennesima volta! Giochi sporchi sulla pelle di quelli
che non hanno preso nemmeno un metro dei loro beni confiscati dalla dittatura!
È per questo che sogno in esilio, amici miei.

.

«Che le fiamme dell’Inferno possano giudicare gli uomini perfidi!»

.

[…]

.

Dov’è andato a finire il patrimonio della Banca Nazionale o le riserve d’oro
dello Stato albanese, cioè del popolo? Ci hanno detto che erano stati rubati
da un contadino di Kërraba che girava con l’asino. Li rubarono, invece,
i comunisti di ieri, che sono gli attuali socialisti di Nano, e li chiusero
nelle casseforti delle banche europee.
È per questo che spero in esilio, amici miei.

.

Chi ordinò di aprire le caserme stracolme di armi in Albania? Milioni di armi
e munizioni sono state rubate e vendute all’estero ai trafficanti. La maggior parte
di queste armi sono andate a finire in Bosnia e in Kosovo durante la guerra.
Chi ha approfittato della vendita delle armi albanesi? Mai un’ inchiesta su quanto
è accaduto!
È per questo che urlo in esilio, amici miei.

.

I beni dello Stato albanese sono stati venduti agli stessi impiegati di Hoxha,
a prezzi irrisori. L’Albania martoriata è stata ingannata per l’ennesima volta.
I pochi intellettuali finirono per strada a vendere banane o fuggirono all’estero.
Perché non s’indaga sul patrimonio economico ed artistico albanese rubato?
È per questo che sono pensieroso in esilio, amici miei.

.

Radio, televisioni, giornali nazionali privati (con programmi e scritti surrogati),
si trovano nelle mani di ragazzini, che fanno i dirigenti e ne sono proprietari!
Le loro sedi sono superlussuose, costano miliardi.Dove hanno trovati i soldi?
Radio e televisione statali sono trasformate in stamberghe che non incidono più
nella vita del Paese!
È per questo che mi preparo in esilio, amici miei.

.

Sono i soldi del povero popolo albanese, quelli che i politici gestiscono
attraverso i parenti e gli amici dando loro dei soprannomi. Chi si nasconde dietro
le sedi televisive che sorgono come i funghi?! Nessun altro paese europeo
possiede 80 sedi televisive come l’Albania, con centinaia di impiegate
e giornaliste improvvisate, in quanto amanti dei boss e dei politici.
È per questo che infango ogni giorno l’esilio, amici miei.

.

Dietro le televisioni e i giornali albanesi si nascondono le imprese edilizie,
dietro agl’imprenditori, gli appalti dello Stato, le tangenti, la mafia, la cupola
del potere politico di Tirana. Non si è mai indagato sui patrimoni dei governanti,
dei politici di ieri e di oggi, degli scafisti, dei trafficanti, dei criminali…
È per questo che prego ogni giorno l’esilio, amici miei.
.
.
Il dittatore Hoxha stuprò l’Albania e gli albanesi mille volte,
mentre Berisha lo stuprò più di mille volte più cento, riducendola merda e piscio.
Perché non s’indaga sul denaro rubato dai “socialisti” e dai “democratici”?.
Gli albanesi stanno uccidendo la madre Albania!
È per questo che maledisco il mio esilio, amici miei.
.
«Che mallkìm è caduta su questo Paese!»
.
Le città, sotto la guida di Berisha, iniziarono a diventare pollai, a puzzare di fogna;
le piazze e i parchi vennero riempiti di bettole e cessi. Le case vennero modificate
a proprio piacimento, senza rispettare alcuna legge. In caso di terremoto i palazzi
albanesi crolleranno tutti. La costa è invasa dalle ville dei berishiani e dei naniani..
È per questo che mi incanta l’esilio, amici miei.
.
Nel pieno centro delle città sorgono come i funghi palazzoni orribili rifiniti
con marmi pregiati e con i rubinetti d’oro. Ogni sindaco appena eletto,
costruisce il suo grattacielo nell’area urbana che più desidera, senza rispettare
alcuna regola! Fiumi di denaro illecito entrano ed escono
dall’Albania! I prezzi sono dieci volte più alti che a Londra!
È per questo che giudico me stesso in esilio, amici miei.
.
Oggi il nuovo ministro del governo Berisha legalizza ufficialmente le costruzioni
illegali, dichiarando che con questa legge il nuovo governo realizza
una delle più maestose promesse elettorali! D’ora in poi noi dobbiamo subire
anche un altro crimine territoriale e urbanistico!
È per questo che dò conto solo all’ esilio, amici miei.
.
Sotto i governi di Berisha e Nano il territorio albanese è stato massacrato.
I luoghi turistici, la costa adriatica e quella jonica sono stati occupati dai politici
e dalle loro mafie, per quattro soldi. All’epoca del dittatore Hoxha,
tutto questo veniva difeso per legge. I governanti albanesi sono la peggior
specie umana.
È per questo che sorgo nell’esilio, amici miei.
.
«Che ne sarà di noi o Zana ?»
.
[…]
.
Gezim Hajdari Siena 2000

Gezim Hajdari Siena 2000

Il mio libro Antologia della pioggia non fu accettato per cinque anni
dai re-censori S. B., e A. I. e dalla redattrice S. A. nonché dal direttore-censore
di “N. Frasheri” F. K., e fu scritto: “Che poesia è questa?!”
Uscì solo due mesi prima del crollo della dittatura.
È per questo che attraverso l’esilio, amici miei.
.
Ma A. I. e S. B., sono diventati democratici della prima ora e Berisha
li ha nominati direttori generali della Televisione di Stato, nonché ambasciatori
d’Allbania in Occidente! Durante l’inaugurazione dei vari negozi, i poeti di Tirana
si notano accanto ai loro padroni, sorridenti come eunuchi.
È per questo che converso con l’esilio, amici miei.
.
Addirittura lo pseudopoeta A. I. fu per otto anni direttore del gabinetto
dell’ex-premier Nano; egli usava sei numeri di cellulari con una spesa senza limiti.
Mentre il suo capo solo in un mese spendeva 27 mila euro con il suo cellulare.
Povera mia patria, per otto anni (dal 1997 al 2005) fu gestita da un’altra banda
di ladri e criminali.
È per questo che percorro le strade dell’esilio, amici miei.
.
[…]
.
Ho studiato come un cane per tutta la vita, lavorando come operaio per 15 anni,
senza aver avuto mai una borsa di studio,
sia in patria che in esilio.
Con le mie deboli mani ho sopravvissuto e ho affrontato la vita, senza sottomettermi.
È per questo che sto per innamorarmi dell’esilio, amici miei.
.
[…]
.
Con una lettera aperta ho chiesto al governo albanese una borsa di studio.
Nel frattempo frequentavo l’ Università: “La Sapienza” di Roma e lavoravo
come pulitore di stalle. Un certo tizio Gjergji File del Ministero mi rispose
con due righe: “Non abbiamo fondi per dare borse di studio all’estero”.
È per questo che fuggo di esilio in esilio, amici miei.
.
Mi sono rivolto al Ministro albanese con queste parole: “Aiutatemi a fare
qualcosa per la cultura del nostro tragico paese”. La lettera aperta fu pubblicata
sul quotidiano Republika il 14 agosto del 1997. Nemmeno un saluto,
una telefonata o un augurio dal mio Partito per il quale mi sono sacrificato!
È per questo che lavoro in esilio, amici miei.
.
Nel 1997 Berisha buttò l’Albania nella guerra civile. Solo a Valona,
sono state uccise 2000 persone! E pensare che a quell’epoca il ministro
degli interni era un poeta, H. SH. Ma nessun poeta-deputato del suo Partito
denunciò la cosa. Nessuno di loro abbandonò il parlamento, perché Berisha
gettò loro, poveri servi, qualche osso di potere e altri favori.
È per questo che mi sacrifico in esilio, amici miei.
.
«Chi ora governerà questi lidi?!»
.
In quell’anno sono stato invitato al Campidoglio, a Roma, per leggere
i miei testi assieme ad altri poeti provenienti da vari paesi. Ho detto
ad un mio caro amico, politico di spicco: «L’Albania sta bruciando,
dimettiti e denuncia ciò che sta accadendo!» «Assolutamente no,
dobbiamo difendere Berisha», mi ha risposto.
È per questo che ho aperto la porta dell’esilio, amici miei.
.
[…]
.
I poeti di Hoxha sono diventati i politici di oggi, i politici di ieri
sono diventati i poeti di oggi. Quelli che giurarono in nome del realismo
socialista, sono diventati trafficanti e simboli della nuova Albania castrata.
I poeti albanesi sono gli uomini più ricchi del paese
più povero d’Europa. Il cinismo dei poeti albanesi non conosce limiti.
È per questo che mi hanno costretto all’esilio, amici miei.
.
Fino a ieri è stata l’Albania a imprigionare i poeti, oggi sono i poeti
a imprigionare l’Albania. I poeti albanesi sono uomini di potere,
in quanto consulenti della presidenza, segretari di partito, sottosegretari
dei servizi segreti, diplomatici, ambasciatori. Chi ha osato denunciare
l’immoralità della nuova casta dei poeti è stato licenziato,
come i giornlaisti I. J. B. K. e Sh. K.
È per questo che odio la razza dei poeti in esilio, amici miei.
.
Il dittatore Enver Hoxha inventò una sua morale perversa staliniana
da condannare all’inferno, ma questi pseudodemocraticimafiosisocialisti
non si sa di che merda siano fatti e stuprano il paese davanti e dietro.
La mia Albania sta diventando una vera minaccia per l’Europa.
È per questo che raccolgo i frutti dell’esilio, amici miei.
.
«Dovevamo vivere per vedere con i nostri occhi tutto quest’orrore?»
.
È dal 1992 che in Albania vige “la legge del sangue”, il Kanun.
Oggi in Albania 2500 famiglie del nord sono inchiodate nelle case
perché non possono uscire, per paura della vendetta. I montanari
delle Alpi albanesi hanno perso fiducia nelle leggi giuridiche dello Stato.
È per questo che mi arricchisco in esilio, amici miei.
.
Una famiglia, da 10 anni, non ha varcato la soglia della porta di casa;
il capo famiglia è paralizzato, la figlia imbraccia il kalashnikov giorno
e notte alla finestra. Da mangiare e da bere viene portato loro da parenti
e amici. Il nord del Paese vive una vera e propria tragedia!
È per questo che scrivo in esilio, amici miei.
.
«Dimmi, Kanun , è vero ciò che sentiamo?»
.
[…]
.
Gezim Hajdari, Siena 2000 (2)

Gezim Hajdari, Siena 2000

Da sempre, la storia della cultura albanese è stata fatta dai dissidenti,
dagli esuli, dai migranti denigrati, umiliati e divorati impietosamente
dalla madre-patria. I politici non hanno fatto altro che rubare e distruggere
l’Albania. Oggi a fianco dei politici mafiosi si schierano i poeti e gli scrittori
di Tirana.
È per questo che mi meraviglio dell’esilio, amici miei.
.
L’Albania fa nascere i poeti. Poi li umilia, li mette in prigione, violenta
le loro anime, li manda in campagna per essere “rieducati”, li condanna
al silenzio, li fa fucilare, li lascia senza tomba, li fa impiccare, li tortura,
per salvare in seguito il loro ricordo. L’Albania è come Medea: divora
i propri figli .
È per questo che mi difende l’esilio, amici miei.
.
«Ogni zolla di questi lidi goccia sangue e gemiti
[…]
.
Dove ha lasciato Berisha, ha continuato l’oligarca Nano, il quale dichiara
«Sono Fatos Nano e mi seguirà la (vergogna) Storia»! Cioè, finché sarò
al potere continuerò a scoparvi la madre. Albania vuol dire vergogna,
è il paese più corrotto d’Europa, pieno di misteri e umiliazioni.
È per questo che mi avvolgo d’esilio, amici miei.
.
«No, figliolo, con parole pesanti stai infamando colei che ti ha allattato!»
.
Il governo di Nano e quello di Berisha accettarono di mettere nel territorio
albanese le carceri segrete, in cui gli agenti della CIA torturavano i cittadini
stranieri, calpestando i diritti umani. Tali carceri di tortura sono state scoperte
anche in Kossovo. In Albania abitano i misteri più mostruosi dell’ Europa
di oggi. Non fidatevi dei criminali politici di Tirana.
È per questo che non si separa da me l’esilio, amici miei.
.
Quando il segretario generale del Consiglio d’Europa, Terry Davis,
ha chiesto al governo attuale di Berisha un rapporto più dettagliato
sulle carceri di tortura in Albania, il suo ministro di giustizia. A. Bumçi
ha risposto in modo vago e senza dire la verità. I politici albanesi
sono dei mercenari, che hanno servito con devozione, il padrone
e la sua violenza.
È per questo che la mia patria è l’esilio, amici miei.
.
Se cercate un paese in Europa dove regna un nepotismo mai visto,
è l’Albania. L’amministrazione dello stato albanese è fatta dai clan familiari
del presidente A. Moisiu e dei suoi governanti. I figli, i fratelli, i cognati,
i generi, i parenti, gli amici dei politici mafiosi hanno usurpato la patria.
Un altro colera sta insanguinando il Paese dell’alba.
È per questo che insegno a tutti l’esilio, amici miei.
.
Nelle Istituzioni pubbliche albanesi domina la cultura dei clan e della mafia.
La politica ha forti legami con il crimine e con i trafficanti di droga.
I giovani devono ribellarsi contro la feccia che ha guidato l’Albania finora
e prendere in mano il destino del Paese, che si trova sull’orlo del disastro.
È per questo che mi confesso davanti all’esilio, amici miei.
.
I partiti albanesi gestiscono aziende, fabbriche, banche, appalti e altri affari
loschi. Nessuno ha mai indagato su dove sia finito il finanziamento pubblico
ai partiti. Non c’è una legge che sancisce i rapporti tra l’economia e la politica.
Manca l’etica politica. Ci vorrebbe un patto sulle istituzioni per dividere
la politica dagli affari.
È per questo che mi prendo cura dell’esilio, amici miei.
.
L’Albania non vuole entrare in Europa, perché una volta entrati
nella Comunità Europea, non ci saranno più traffici e affari loschi tra mafia,
politici e letterati di corte. Lo slogan quotidiano è: «Chi ruba di più!»
L’Albania è la tana dei più grandi ladri e criminali d’Europa.
È per questo che vivo alla giornata in esilio, amici miei.
.
Solo un ex-vice ministro e il direttore generale della polizia di Stato rubarono
3 milioni di dollari con i passaporti! Il caso fece molto clamore, ma nessuno
ha pagato per questo fino ad oggi! Nessun responsabile è stato consegnato
alla giustizia perché sono loro stessi i super mafiosi del vertice dello Stato
albanese.
È per questo che tocco il fondo in esilio, amici miei.
.
«Dove sono gli uomini di besa ?»
.
Il premier Nano e Rama –
tutti e due socialisti dell’ex-corte di Hoxha –
oggi fanno a gara per essere fotografati come fantocci,
insieme al “satana” dell’imperialismo americano Bush.
È per questo che mi rabbuio di nuovo di esilio, amici miei.
.
Rama è stato accusato di essere il capomafia dei ladri e dei multimiliardari,
si nasconde dietro le grandi imprese edilizie e dei grattaceli. Per ogni licenza
di costruzione
nelle piazze delle scuole di Tirana, ha usufruito la sua percentuale d’oro.
Per sfuggire alle indagini, i soci hanno elleto R. segretario!
È per questo che abbatto muri in esilio, amici miei.
.
Il sindaco sceriffo-texano, ex-scultore delle statue del dittatore
(che solo la rivista inglese Time poteva includere tra i 35 eroi europei del 2005!),
si vanta in Europa, perché ha colorato vivacemente le facciate dei palazzi
della capitale, come fa lo zingaro con l’asino . Ma nessuna vernice
può mascherare i veri volti dei tiranni di Tirana!
È per questo che mi batto per l’esilio, amici miei.
.
Tirana adora i tiranni. Gli albanesi, secondo un sondaggio, hanno scelto Rama
come l’uomo dell’anno! Gli altri prescelti sono Nano,Gjinushi, Berisha,
nonché il più importante poeta del realismo socialista: il figlioccio
del Babbo Enver. Gli albanesi sono un popolo bue.
È per questo che non tradisco l’esilio, amici miei.
.
«Qui non cresce né l’erba, né l’assenzio!»
.
A Tirana vengono venduti passaporti falsi di tutte le nazionalità.
Nei laboratori si fabbrica qualsiasi cosa: permessi di soggiorno, visti per l’estero,
banconote false. In Albania si produce e si vende clandestinamente di tutto:
sigarette, birra, succhi di frutta e altre bevande…
È per questo che mi raccolgo in esilio, amici miei.
.
Gli scafisti della costa albanese hanno commesso crimini orribili.
Hanno caricato sui loro gommoni, uomini e donne, promettendo loro di portarli
sulla costa italiana. Una volta intascati i soldi del viaggio, li hanno gettati
in mare con la forza! Gli scafisti collaborano con la polizia.
È per questo che mi identifico in esilio, amici miei.
.
«Non possiamo credere a queste cose macabre, al diavolo! Chi sei?»
.
.
Besnik Scontri-a-Tirana 2001

Scontri-a-Tirana 2001

L’Albania è un Eldorado. Fa parte della lista nera, accanto ai paesi
del cosiddetto terzo mondo. In Albania ci sono 2100 criminali latitanti.
Che disgrazia vedere il mio Paese governato dai soliti Nano, Gjinushi,
Mejdani, Moisiu, Ruçi, Majko, Dokle, Xhuveli, Bufi, Fino, Ruka, Malaj, Rama…
È per questo che dichiaro la mia libertà nell’esilio, amici miei.
.
Nella mia Albania chi uccide non viene carcerato e chi vuole uccidere qualcuno,
basta che paghi. Vogliono trasformare il paese meno inquinato d’Europa
in basi militari e costruire pericolose industrie chimiche. Agli albanesi
non interessa l’ecologia e lo scempio del territorio, ma solo l’arricchimento
ad ogni costo.
È per questo che lotto in esilio, amici miei.
.
Essere direttore di un carcere in Albania è un affare d’oro. Spesso, come tali,
vengono nominati gli amici e i parenti dei politici e dei governanti.
Un prigioniero, criminale o ladro che sia, può godere della libertà, pagando
direttamente il direttore. Fare il direttore di un carcere, nel mio paese,
è una tombola; i fortunati fanno soldi
a palate.
È per questo che il mio credo è l’esilio, amici miei
.
In Albania, 120 aziende pubbliche, dal ‘70 ad oggi, usano materiali radioattivi
che minacciano la vita dei cittadini. Tutti i generi alimentari, le bevande
che vengono importate dall’estero non vengono controllati alla dogana.
I miei connazionali che vivono in Albania sono gonfi; il loro gonfiore
è dovuto ai cibi transgenici e agli ormoni dannosi.
È per questo che scavo trincee in esilio, amici miei
.
Molti alimenti vengono prodotti in Albania clandestinamente, in condizioni
poco igeniche, usando sostanze pericolose per la salute. Tali cibi vengono
venduti alla gente come se fossero dei prodotti importati dall’estero!
Dal ‘91 in poi, gli albanesi non sanno quello che bevono e che mangiano.
È per questo che trema il mio esilio, amici miei.
.
Mia madre, visto che in Italia le medicine costano di più che in Albania,
è andata in farmacia per comprare delle aspirine per me. Nessuna
delle confezioni aveva la data di scadenza. Quando sono andato dal farmacista
I. n. per reclamare, il dottore, con tranquillità, mi ha detto:
«Le può usare senza paura, non ha importanza la data di scadenza!”
È per questo che brindo con l’esilio, amici miei.
.
Ultimamente, tornando dall’Albania, al porto di Valona mi hanno fermato
dei poliziotti. Non mi lasciavano imbarcare, perché secondo loro, l’origano
che portavo nella mia borsa era cannabis! Ho ribadito che era l’origano
che la mia Nur aveva raccolto sulle colline di Darsìa. Non mi hanno creduto
e hanno iniziato a insultarmi.
È per questo che non riesco a scrollarmi di dosso l’esilio, amici miei.
.
«Miseri noi, orbi di voi! Esuli e mërgimtarë non smettete di pensare vatanë !»
.
Ora Berisha chiama gli scolaretti che hanno studiato all’estero per dirigere
lo stato albanese; sono i nipoti dei potenti che erediteranno il potere.
Cosa ci si può aspettare da un premier che controlla l’operato del suo governo
attraverso i messaggi(?!) e alla vigilia delle elezioni amministrative 2007
distribuisce la corrente elettrica solo alle città di destra, lasciando al buio
quelle di sinistra!
È per questo che fremo in esilio, amici miei.
.
Per avere un posto sicuro al parlamento di Tirana, oppure per candidarsi
come sindaco, basta pagare centinaia di migliaia di euro, sottobanco ai segretari
di partito, durante le elezioni. Così la mafia politica avrà di nuovo libero
accesso al potere. I candidati di Nano e di Berisha vogliono il potere,
non per servire la nazione e la povera gente, ma per i propri affari.
È per questo che sono rimasto “immacolato” in esilio, amici miei.
.
[…]
.
A. e i suoi ministri dichiarano pubblicamente che vogliono Nano alla presidenza
della repubblica nel 2007! Come è possibile? Invece di chiedere alla giustizia
di processarlo per le ruberie sul patrimonio del paese, per i traffici loschi,
per la svendita del territorio albanese… per tutto ciò che è accaduto sotto il suo
governo dal 1997 al 2005.
È per questo che prego l’esilio di non riconoscermi più, amici miei.
.
Tutto questo fa parte di un patto segreto tra i politici di Tirana per scambiarsi
i poteri e favori. Nessuno li fermerà! Ah, che danno morale, economico e culturale
sta causando al paese questa stirpe maledetta degli ex-comunisti! Sarà lungo
e atroce l’Inferno shqiptar! Nano e Berisha regneranno a vita! Ahimè, piango
per la mia Albania, un tempo il paese della besa e dei cantori epici senza pari!
È per questo che mi insegue ovunque l’esilio, amici miei.
.
[…]
.
Alcuni miei amici, veri democratici, che fecero politica con me a Lushnje,
vennero uccisi in pieno giorno. Sono 149 le persone uccise nella mia città
dalle bande più feroci del paese e non hanno un uccisore. Gli assassini girano
liberi e fanno affari con il giudice A. Gj., perché a Lushnje il potere
è di nuovo nelle mani dei comunisti di Hoxha.
È per questo che sono accecato di esilio, amici miei.
.
Chi condannerà gli uccisori delle vittime della mia città? A. Gjermëni,
ex-giudice del regime, oggi presidente del tribunale, ha usurpato dei terreni
con la forza, costruendo campi da calcetto, dove vengono a giocare governanti
e ministri da Tirana! Come compenso, i politici socialisti, ultimamente
lo hanno eletto membro dell’Alta Consulta di Giustizia albanese!
È per questo che chiedo la giustizia in esilio, amici miei.
.
E pensare che il suddetto membro dell’Alta Consulta di Giustizia, mentì
quando denunciò il suo patrimonio, nascondendo milioni di euro guadagnati
con affari sporchi, con bande criminali di Lushnje. Non a caso, lo hanno eletto
tale, per salvarlo da un’eventuale condanna, dandogli l’immunità!
Il governo di Berisha ha tentato di condannarlo, ma non ci è riuscito.
È per questo che guardo dritto negli occhi solo l’esilio, amici miei.
.
Mi ricordo che, nel ‘97, alcuni spietati criminali di Lushnje entravano nei bar
della città con la testa di un giovane tra le mani. Ogni tanto la prendevano a calci,
poi le aprivano la bocca per versarci la grappa, ridendo! Non scorderò mai la testa
di quel giovane, che somigliava alla mia, e mi venivano i brividi.
È per questo che fuggo di esilio in esilio, amici miei.
.
.
Gezim Hajdari delta-del-tuo-fiume cop
«Chi chiuderà gli occhi ai nostri figli nel përmatanë ?
Chi laverà i loro corpi per l’ultima volta?»
.
È stato un anno di atrocità inaudite. Sul boulevard della città giacevano corpi
Insanguinati dalla mattina alla sera. Nessuno osava avvicinarsi per paura di fare
la stessa fine della vittima. Mentre, davanti ai corpi, gli uccisori brindavano.
Ma c’era di peggio: i criminali provavano piacere nell’inchiodare le loro vittime
ai tronchi degli ulivi della città!
È per questo che non trovo la via del ritorno in esilio, amici miei.
.
La maggior parte degli imam delle moschee della mia città sono individui
insospettati. Al tempo della dittatura facevano i ladri e i delinquenti, oggi predicano
il Corano ai fedeli! Tutti gli aiuti destinati alla gente, sono andati a finire
nelle loro tasche. E pensare che i musulmani devono pregare cinque volte
al giorno davanti a certa gentaglia!
È per questo che prego il dio dell’esilio, amici miei.
.
Il Comune di Lushnje ha conferito la cittadinanza onoraria a cani e porci
alla vigilia di ogni elezione. In Albania conferire la citadinanza onoraria ai pedofili
e alle persone senza meriti, è diventata una moda . I sindaci corrotti di Lushnje
continuano a massacrare il piano urbanistico della città. Mai una protesta dai membri
del consiglio del comune di Lushnje!
È per questo che non vedo speranza in esilio, amici miei.
.
Coloro che sono stati eletti sindaci di Lushnje hanno sfruttato il proprio mandato
per rubare e fare solo soldi. I primi cittadini della mia città (sia di destra che di sinistra)
sono dei ladroni. Dopo essersi saziati, sono scappati negli Stati Uniti o nei paesi esotici.
Chi è stato sindaco a Lushnje è diventato miliardario con il volere dei cittadini.
I leader politici di Lushnje sono dei trafficanti e dei mafiosi.
È per questo che faccio da guardia all’esilio, amici miei.
.
[…]
.
L’Albania è il paese dove entrano e escono cani e porci. Coltivare piante di droga
è normale. In Albania si può riciclare tutto. I giudici costruiscono le ville
con il compenso dei criminali assolti. L’ex-onorevole socialista L. H., che rubò
3 milioni di dollari truffando gli albanesi fece solo tre mesi di carcere! Ammazzare
in Albania non è un crimine.
È per questo che parlo con la mia Ombra in esilio, amici miei.
.
«Non sei altro che un folle! Basta! Basta!»
.
[…]
.
faslli_gezim hajdari

Gezim Hajdari

Per qualsiasi cosa, gli albanesi richiedono consulenti stranieri: giudici, avvocati,
procuratori, costituzionalisti, architetti, ingegneri, medici, agenti segreti, sacerdoti…
Dove sono andati a finire i miliardi di dollari che lo stato albanese ha speso
per i propri figli e nipoti, mandandoli a studiare nelle migliori università straniere?!
È per questo che ammetto solo l’esilio, amici miei.
.
Nello stesso tempo, vengono onorati e premiati i poeti mediocri, gli imprenditori,
i business trufaldini, i politici senza scrupoli, i giornalisti lecca culo, i militanti
di partito, gli ex-agenti segreti e i carnefici della dittatura di Hoxha. In Albania
esiste solo una legge
santa e sacra: uccidere, rubare, stuprare, distruggere, per arricchirsi a tutti
i costi. È per questo che rendo autentico il mio esilio, amici miei.
.
In Albania, tutto fa brodo.
Sui quotidiani albanesi può scrivere e pubblicare chiunque passa per strada.
Alle televisioni albanesi vengono intervistati cani e porci.
Manca una vera politica culturale.
È per questo che mi rende uomo l’esilio, amici miei.
.
[…]
.
In Albania, i figliocci del Babbo hanno inventato dei premi letterari quali
La penna d’oro, La penna d’argento.; al posto dei premi De Rada, N. Frasheri,
Noli, Fishta, Konica, Prennushi, Migjeni, Poradeci, Bilal Xhaferri.
Vengono premiati ogni anno gli stessi poeti di Tirana, sia quelli che hanno
celebrato la dittatura di Hoxha, sia quelli di oggi, che applaudono
la demo(ne)crazia di Berisha e di Nano.
È per questo che resisto alla punizione dell’esilio, amici miei.
.
Mentre la presidente della giuria dei premi letterari, presso il Ministero
della Cultura è D. Ç. È un nome lugubre nella memoria dei poeti albanesi.
Al tempo delle purghe si divertiva, denunciando i poeti come nemici
del socialismo, presso la polizia segreta. Questa signora ha trascorso
la sua vita inneggiando agl’insegnamenti di letteratura staliniani!
È per questo che sprofondo in esilio, amici miei.
.
La pseudo-scrittrice D. Ç. è stata nominata dall’ex presidente albanese
R. Mejdani, presidente delle Donne albanesi, in quanto cugina di sua moglie.
Ironia del destino: D. Çuli. è stata eletta onorevole al parlamento, proprio
nei villaggi dove sono nati i poeti G. L. e V. B., fucilati dalla dittatura perché
accusati da questa signora!
È per questo che sto scoppiando in esilio, amici miei.
.
Gli incarichi di questa prediletta signora non hanno fine; inoltre, è presidente
di varie associazioni nazionali e rappresentante dell’Albania per la cultura,
presso alcune commissioni internazionali, rappresenta la donna albanese
negli organismi balcanici e mediterranei! Tutto questo sui dolori e sulle ferite
delle sue vittime.
È per questo che onoro l’esilio, amici miei.
.
Oggi, la signora in questione viene invitata in Italia e in Europa per parlare
delle donne albanesi e per presentare i suoi romanzi surrogati. Tempo fa,
mi è capitato di sentire da un direttore di una biblioteca italiana, che la suddetta
signora, aveva fatto un fax a tutte le biblioteche italiane, per presentare
le sue “opere”.
È per questo che dò retta all’esilio, amici miei.
.
[…]
.
Con il sudore e con il sangue, in piena povertà umana, ho scritto i miei libri.
Mai un invito dalla patria-gorgone, perché la mia poesia fa paura ai poeti
di partito, che già hanno fissato i propri posti nel Pantheon d(e)i Tiran(ni)a.
È da anni che non vado più a Tirana. Andrò a Tirana solo quando sarà liberata
dai tiranni!
È per questo che non torno indietro in esilio, amici miei.
.
Ogni anno, gli editori albanesi, partecipano alle fiere del libro sia in patria
che all’estero. I miei libri non compaiono mai negli stands albanesi.
Sono il poeta che è stato ignorato nella maniera più cinica dalla mafia politica
e letteraria di Tirana, anche se la mia opera rappresenta un contributo molto
importante nella poesia contemporanea europea.
È per questo che mi hanno massacrato di esilio, amici miei.
.
[…]
.
Gezim Hajdari a Udine 2011

Gezim Hajdari a Udine 2011

Purtroppo, io e la mia opera, siamo stati sconfitti e umiliati per l’ennesima volta
dalla mafia politica e culturale albanese. Non ho mai cantato ai tiranni,
ma all’Uomo. Vado avanti, lottando contro i falsi oracoli, perchè la letteratura
ha valori universali ed io, come ospite dei mondi, lotto per creare valori letterari
eterni per l’umanità, impegnandomi sia con l’opera che con la vita.
È per questo che ho regalato la mia vita all’esilio, amici miei.
.
Una volta, mia madre Nur, (una donna semplice come la madre terra) mi ha detto:
«Qui ad Hajdàraj non ti conoscono come poeta. Ho detto ai contadini che tu
hai scritto anche sul nostro villaggio». Ma loro mi hanno risposto: «Signora Nur,
mai visto suo figlio alla televisione di Tirana!» E lei: «Non so se vivrò
così a lungo da vedere le donne del villaggio leggere le tue poesie!»
È per questo che mi fa tenerezza l’esilio, amici miei.
.
Ma io non ho amici politici, amici ministri o segretari di partito,
perché non diventerò mai il loro servo. Alcuni giornalisti di Tirana non vogliono
sentire il mio nome. Spesso hanno corretto gli articoli della stampa estera,
togliendo gli epiteti che sono stati usati dai critici europei sulla mia opera
letteraria. È incredibile!
È per questo che sono servo dell’esilio, amici miei.
.
La poesia è come il grano, Nur, ti ricordi quando lo coltivavamo sulla nostra
collina? Prima aravamo la terra, poi seminavamo i chicchi. Ci alzavamo
ogni mattina di buon’ ora. Sotto la pioggia, nei meriggi di ghiaccio
e di vento tagliente, ci prendevamo cura delle nostre piante.
Dovevamo aspettare l’estate per raccogliere le spighe dorate di sole.
È per questo che io faccio il contadino in esilio, amici miei.
.
La poesia è come i nostri ulivi secolari sulla collina di Darsìa,
mia vecchierella. Quelli che li hanno piantati, sapevano già di non avere
la gioia di godere i loro frutti, ma li hanno piantati lo stesso,
per noi e per gli altri che verranno dopo di noi. Come è duro il mestiere
di tuo figlio, Nur!
È per questo che nascondo l’esilio a mia madre, amici miei.
.
In Albania è crollata la dittatura di Hoxha, ma non è crollata la cultura
comunista di Enver. È questa la peggiore tirannia che regna oggi
nel mio Paese. Per fare carriera letteraria, devi essere onorevole,
ministro del petrolio, consulente del presidente della repubblica
o portavoce dei segretari di Partito, oppure un ex-comunista.
È per questo che vengo schiacciato dall’esilio, amici miei.
.
Non andate a mangiare nei ristoranti dei mafiosi, perché il boccone
vi andrà di traverso; non comprate le case dei mafiosi, perché di notte
sentirete i gemiti delle vittime; non andate a bere un caffè nei bar dei mafiosi,
perché il caffè diverrà veleno nero; non accettate l’invito delle televisioni
dei mafiosi, perché diventerete complici dei crimini.
È per questo che consulto l’esilio, amici miei.
.
Per essere più esatto, l’Albania è il secondo paese al mondo,
dopo l’Afganistan, per il commercio della droga. La droga in Albania
viene trasportata con elicotteri dai centri di produzione.
Ministri e onorevoli albanesi vanno a spasso con macchine da 200.000 mila
dollari, mentre il 68 % degli albanesi vive di assistenza.
È per questo che scherzo con la mia povertà, in esilio, amici miei.
.
Gezim1

Gezim Haidari

Nel mio Paese la ricchezza dei nuovi ricchi gronda sangue e gemiti.
Cosa ti puoi aspettare da un paese in cui un ministro di Nano P. K.
viaggiava con macchine rubate all’estero! È stato anche fermato dalla polizia
greca. Quello che hanno fatto i miei connazionali in Italia, lascia senza parole!
È per questo che chiamo l’altra costa dall’esilio, amici miei.
.
[…]
.
L’Albania gestisce il traffico dei bambini e il traffico degli organi umani.
Un tempo regalava al mondo sapienti, condottieri, artisti e santi; oggi esporta
droga, armi, prostitute e denaro sporco verso il mondo! L’Albania si è trasformata
in una banda legalizzata di ladri. In Albania i trafficanti comprano bambini
per 3000,00 euro, per essere venduti poi nei mercati di Atene!
È per questo che ho vinto l’esilio, amici miei.
.
«Tutto questo nella terra shqiptare ?!»
.
Durante quest’anno si è aperto un nuovo traffico macabro. Nei villaggi
e nelle campagne albanesi, molti contadini vanno a caccia di vecchie salme!
Riesumano le osse di ignoti dai cimiteri antichi e le vendono alle famiglie
dei soldati greci, spacciandole come ossa dei loro cari! Mio dio
come si è ridotto questo popolo, un tempo fiero e tra i più rispettati nei Balcani!
È per questo che sono partito in esilio, amici miei.
.
Quando un giornalista londinese A. A. Gill, denunciò sul Sunday Times la mafia
albanese, durante una sua visita nel mio paese, una marea di eunuchi isterici
gridarono vendetta, reclamando la sua testa su di un vassoio.
Per loro sono stati sporcati l’(orrore) onore e l’identità della propria nazione.
È per questo che rispetto l’esilio, amici miei.
.
Sono loro stessi responsabili della tragedia albanese. Hanno distrutto il paese
e il popolo per 66 anni di seguito. So che farò la fine del sig. Gill;
quando leggeranno questo libro, le “belve” mi sbraneranno e diranno:
«Infame, come ha osato infangare la sua patria?»
Le belve si nascondono dietro la visione mitica di una volta dell’ Arbëria .
È per questo che mi bagna la pioggia dell’esilio, amici miei.
.
Così ingannavano la gente anche ieri nella dittatura, facendo credere
che l’Albania fosse il paese più bello del mondo e gli albanesi il popolo
più felice della terra. Se qualcosa non andava, il rimprovero collettivo era:
«Non dobbiamo fare contenti i nemici
della nazione, oppure non ci faranno entrare a far parte dell’Europa!»
È per questo che mi trovo per strada in esilio, amici miei.
.
La stessa cosa accade anche oggi quando qualcuno osa criticare i figliocci
del babbo Enver e lo sfascio in cui si trova il paese. Dopo il crollo
del comunismo, gli ex-comunisti giocano con i sentimenti del popolo,
nascondendosi dietro il ridicolo nazionalismo.È una pratica già conosciuta
dei tiranni.
È per questo che schiaffeggio l’esilio, amici miei.
.
«Ahi! Ahi! I nostri grembi non hanno partorito uomini, ma mostri!»
.
Si è dimenticato l’insegnamento di Platone: «Non ci si può conoscere
se non ci si specchia negli occhi dell’altro». Gli albanesi non vogliono
saperne dell’OSBE che classifica l’Albania come uno dei paesi
più corrotti del mondo, al pari della Nigeria e della Sierra Leone.
La giustizia albanese è complice dei crimini.
È per questo che ho conosciuto me stesso in esilio, amici miei.
.
È incredibile! In Albania solo ai mafiosi, ai trafficanti, ai politici ladri…
è concesso, per legge, il diritto e l’onore di rappresentare la vera morale
della nazione! Mentre a noi, che lavoriamo onestamente e che vogliamo
rappresentare il nostro Paese in Europa, attraverso la nostra arte, è proibito!
È per questo che parto alla ricerca della verità in esilio, amici miei.
.
Nano appare alla televisione pubblica come un ciarlatano, ubriaco, cena
con i gangsters, si diverte nelle discoteche europee, gioca d’azzardo
spendendo miliardi, si rilassa nelle ville degli sceicchi arabi ed organizza
traffici e congiure nell’arena della politica albanese senza politici. I due
balordi dichiarano: “Il popolo ci vuole come leader perché ha fiducia in noi!”
È per questo che riconosco il mio popolo in esilio, amici miei.
.
I ministri corrotti di Nano hanno le famiglie negli USA, mentre loro,
con passaporti americani, fanno i pascià e gli affari loschi sulle spalle
del popolo più povero e più stremato d’Europa. Ogni mattina, la televisione
statale, apre le trasmissioni con questo augurio al popolo albanese:
«Amate la patria come l’Albania ama gli Stati Uniti d’America!»
È per questo che mi sfiorano le notti dell’esilio, amici miei.
.
«Mërgìm , che possa sparire il tuo nome, stai invecchiando i nostri figli!»
.
Se n’è andato il mostro Nano, è tornato di nuovo Berisha! Due balordi
che tengono in pugno come despoti l’Albania. In Albania non esistono
i Partiti, ma i clan tribali. Un giovane ministro trentenne di Berisha,
ha denunciato un reddito di quasi 1 milione di dollari! Dove li ha trovati?
Naniani e berishiani stanno spartendo il territorio albanese come se fosse
una preda di caccia.
È per questo che subisco l’esilio, amici miei.
.
D’altronde non può essere diversamente: la figlia di Berisha A. M.,
nell’arco di cinque anni ha guadagnato 800 mila dollari e possiede
8 conti bancari! Inoltre, possiede sei appartamenti nella capitale, una villa,
un negozio e altri terreni nella località turistica di Priskë, ma nessuno
di questi Ben di dio è stato registrato al catasto; tutto questo per non pagare
le tasse al Governo di suo padre!
È per questo che conto i giorni in esilio, amici miei.
.
Perché in Albania non esiste una legge approvata dal parlamento che vieta
agli indagati, agli ex-segretari di partito, agli ex-deputati, agli ex-ministri
e a tutti gli ex-funzionari di Hoxha, di Berisha e di Nano di candidarsi
o di rappresentare il governo e lo Stato. Chi approverà una tale legge
di mani pulite, gli stessi criminali e i mafiosi ex?! Il popolo albanese
non può vivere senza gli ex!
È per questo che dubito dell’esilio, amici miei.
.
Un ex dirigente della CIA, T. R. per arrotondare lo stipendio,
è giunto dagli Stati Uniti per lavorare a Tirana, presso lo staff
del premier Berisha, come “consulente”! Nel mio paese gli impiegati
dell’amministrazione, i funzionari dello stato, i segretari di partito,
i sindaci, possono essere nominati o rimossi in qualsiasi momento,
secondo i desideri e gli interessi dei politici.
È per questo che mi sono trasformato in esilio, amici miei.
.
Da sedici anni il paese vive sull’orlo del baratro, ma da parte
degli uomini di buona volontà non è stata presa nemmeno
un’iniziativa per fermare il disastro. Non si sono resi conto che,
per salvare l’Albania, dovrebbero mandare via Nano e Berisha:
i due kmer rossi che hanno occupato lo Stato. Ahimè! Ahimè!
È per questo che mi sono appoggiato all’esilio, amici miei.
.
L’indomani della vittoria di Salì Berisha, nell’lezioni politiche
del 2005, i capi dei gabinetti dell’ex-premier Nano, sono passati
come capi del gabinetto del nuovo premier! È accaduta la stessa cosa
anche con i direttori dei ministeri, con gli alti funzionari politici
delle istituzioni, con i giornalisti, con i poeti che hanno cambiato
all’improvviso padrone!
È per questo che sono convinto dell’esilio, amici miei.
.
Gli ospedali sono stamberghe, se non paghi non ti curano.
L’assistenza pubblica è scomparsa! Che paradosso, al tempo del faraone
le cure erano gratis. Le medicine sono scadute, come i cibi.
Non ci sono controlli alla dogana; le dogane lavorano per il partito di Nano.
I comunisti più zelanti di ieri, oggi sono diventati estremisti di destra.
È per questo che mi fa male l’esilio, amici miei.
.
Faslli Haliti con Gezim Hajdari

Gezim Hajdari con Faslli Haliti

Una volta, assieme a mia madre, ho accompagnato in ospedale di Lushnje
mio padre ammalato, quasi in fin di vita. Era notte fonda. Appena il medico
di turno l’ha visto, mi ha detto che non c’era niente da fare e di portarlo a casa.
Tutto questo, senza visitarlo. Li ho pregati di fargli una flebo.
Da quella notte sono passati diversi anni e mio padre è ancora vivo.
È per questo che condivido la solitudine con l’esilio, amici miei.
.
Più tardi, ho saputo che quel medico di turno, non voleva fare la flebo
a mio padre, per interesse personale. Se mio padre fosse deceduto,
il dottore non avrebbe guadagnato niente, in quanto, negli ospedali albanesi
le medicine e le prestazioni mediche vengono pagate dai pazienti
agli stessi medici. E chiaramente, se ci scappa il morto, nessuno paga.
È per questo che sono in cerca di qualcosa che non trovo in esilio, amici miei.
.
Più tardi, ho saputo che quel medico di turno, non voleva fare la flebo
a mio padre, per interesse personale. Se mio padre fosse deceduto,
il dottore non avrebbe guadagnato niente, in quanto, negli ospedali albanesi
le medicine e le prestazioni mediche vengono pagate dai pazienti
agli stessi medici. E chiaramente, se ci scappa il morto, nessuno paga.
È per questo che sono in cerca di qualcosa che non trovo in esilio, amici miei.
.
Come mai i poeti di Tirana non sono scesi mai in piazza a protestare
contro una cosa del genere, alzando la voce contro lo squallore
e la catastrofe in cui si trova la patria che loro amano così tanto?
Ovviamente i poeti di Tirana non possono alzarsi contro loro stessi
perché fanno parte del sistema cantato da loro stessi.
È per questo che mi sono ammalato di esilio, amici miei.
.
Ricordo ai poeti di Tirana che per gli arabi, il termine sufi (mistico)
indica un gruppo di “puritani”, insorti contro la corruzione del potere.
È accaduto nel 821 d. C., in Alessandria d’Egitto.
«Vedi questi ignoranti (e trafficanti), dominano il mondo.
Se non sei uno di loro, ti chiamano infedele», diceva Khayyam.
È per questo che inseguo l’esilio, amici miei.
.
«Rondini che partite, tanti saluti ai djemve tanë përmatanë !
Ci hanno divisi da vivi!»
.
Anzi, gli ex-dirigenti del Partito di Hoxha, nonché i boia di ieri,
a richiesta dell’amministrazione americana, sono stati chiamati a risiedere
negli States(!), lasciando lo zio Marx in uno ospizio. Tengono conferenze
contro il comunismo, giurando fedeltà al capitalismo. Li insegue l’ombra d
ei dossier e del sangue guastato in patria.
È per questo che credo solo all’esilio, amici miei.
.
Del resto, furono proprio l’America e l’Inghilterra ad appoggiare la nascita
della dittatura comunista di Hoxha nel mio paese, come testimoniano
i documenti degli archivi. Questi alleati divisero anche il territorio albanese
in zone d’influenza, ma gli albanesi, chiamano padre, quelli che scopano
la loro madre.
È per questo che colloquio con l’esilio, amici miei.
.
Nelle prossime elezioni politiche del 3 luglio 2005 gli americani già stanno
trafficando per riportare al potere di nuovo Berisha! In Albania per mungere
una mucca nel villaggio o per nominare un usciere del comune,
ci vuole il parere dell’ambasciatore americano a Tirana!
Mio dio, al mio popolo hanno messo il cervello dell’asino!
È per questo che inneggio all’esilio, amici miei.
.
Una sera, a casa dei miei, mentre seguivo il telegiornale albanese,
sono rimasto allibito all’immagine di un contadino del nord del Paese
che chiedeva aiuto al suddetto ambasciatore americano, per avere alcuni
sacchi di farina; in quanto il suo villaggio, non era raggiungibile a causa
della neve e lui era rimasto senza provviste.
È per questo che mi sono fermato al confine dell’esilio, amici miei.
.
I politici albanesi sono i servi ubbidienti dei giochi loschi.
Passeranno alla Storia con la vergogna. Gli intellettuali albanesi
sono cani bastonati che non abbaiano più. Le facce senza pudore
dei politici sono le più brutte d’Europa; i volti degli pseudo-intellettuali
albanesi sono maschere tragi-comiche di se stessi.
È per questo che mi rispecchio nell’esilio, amici miei.
.
Mai provata una vergogna più grande quando sento i miei connazionali
parlare di intellettuali albanesi! I veri intellettuali albanesi sono stati tutti
imprigionati o fucilati per ordine di Hoxha, oppure morti nel lager. Forse
è stato questo il crimine più orribile di Hoxha. Quelli che applaudono i tiranni
di Tirana oggi, hanno perso l’opportunità di divenire dei veri intellettuali.
È per questo che viaggio in esilio, amici miei.
.
Si è sempre abusato di questo nobile termine. Per i britannici,
l’unico intellettuale esemplare è stato Orwell, perché gli altri sono nati
a Vienna. Essere intellettuale, ci insegna T. Gartonash, è una vocazione,
non un marchio di fabbrica. Vuol dire essere generoso, onesto, lottare
per il bene comune, per la libertà e per i diritti umani, contro ogni dittatura,
per la crescita culturale del Paese..
È per questo che trascorro le notti ascoltando l’esilio, amici miei.
.
Nel mio paese il malgoverno è intoccabile. Chi ha osato denunciare
le malefatte, è stato messo a tacere o punito duramente. Vivere in Albania
è un brivido. Quei pochi che resistono sono isolati dalle ombre
degli ex-servizi segreti. Basta ricordare il libro di P. Kolevica fatto sparire
dalla tipografia, di notte, da uomini misteriosi!
È per questo che conosco il rischio che corro in esilio, amici miei.
.
Oggi l’Albania è invasa da “fondazioni” ed “associazioni” straniere;
la maggior parte di esse porta ombre e misteri. Grandi interessi si nascondono
sotto il potere del Don Chisciotte Nano. Ahimè, mia Patria, arena di affari
loschi! Nessuno controlla l’attività delle società e delle “banche” occidentali!
È per questo che mi pongo domande in esilio, amici miei.
.
Vorrei sapere chi ha gestito la fondazione Soros e altre ancora? Chi sono stati
i loro direttori? Quale è stata la destinazione dei loro denari?
Chi ha approfittato dei soldi spesi nell’arco di 16 anni di “democrazia” albanese?
Quale beneficio ha portato al paese e alle istituzioni la suddetta fondazione?
Vorrei sapere se qualcuno ha esercitato un controllo su tutto questo?
È per questo che insulto l’esilio, amici miei.
.
I servizi segreti albanesi hanno creato uno Stato parallelo a quello attuale,
pericoloso per gli interessi della nazione! I servizi segreti albanesi
non dipendono dal Ministero degli Interni del governo. Chi comanda i servizi
segreti del mio Paese?! Come mai nessuna interrogazione in parlamento,
da parte dei deputati-poeti, per questa gravità?
È per questo che condivido la stanza sgombra con l’esilio, amici miei.
.
Lo stato parallelo dei servizi segreti albanesi porterà seri problemi al paese,
alla libertà dei cittadini e alla vita politica. Il governo e lo stato devono
intervenire in tempo, affinché non sia troppo tardi. Altrimenti sarà un danno
irrimediabile per il futuro. Nel mio Paese si nascondono misteri spaventosi.
È per questo che chiede conto a me l’esilio, amici miei.
.
Un ingegnere di Hoxha che ieri aveva progettato un milione di bunker
per “difenderci” dai nemici imperialisti, oggi è diventato il presidente
del Paese delle aquile. Stava giocando a carte in una bettola con i pensionati
di Tirana, quando ha saputo della sua nomina. Uno altro più grezzo come lui,
non si poteva trovare.
È per questo che non mi sottometto all’esilio, amici miei.
.
Besnik Tirana_Skenderbeu

Tirana Skenderbeu

«Piangete o donne, i nostri esuli-argatë alle porte dell’Occidente!»
.
Berisha, in un anniversario, ha conferito la medaglia del secondo premio al poeta
martire della dittatura Havzi Nela; mentre il presidente albanese A. Moisiu
(un rospo con due occhi sulla fronte), ha conferito la medaglia d’onore
a Femi Abdiu., colui che firmò l’ordine di fucilazione del suddetto poeta.
È per questo che alzo la voce in esilio, amici miei.
.
Il presidente albanese Moisiu appoggia il procuratore generale della giustizia
Th. Sollaku, accusato di esseee la cupola della criminalità organizzata in Albania.
Il presidente Moisiu deve essere consegnato alla giustizia popolare,
per aver imprigionato, per mezzo secolo, un popolo intero nei bunker. Invece,
continua a difendere il crimine e ad ostacolare le riforme dello Stato.
È per questo che squarcio l’esilio, amici miei.
.
[…]
.
Tutti i politici del mondo ingrassano normalmente, i politici albanesi ingrassano
alla testa e alla nuca. Sono brutti come il peccato; sono porci, bestie spietate,
cannibali che succhiano il sangue di un popolo martoriato e insecchito. L’Albania
sprofonda ogni giorno nella corruzione e nella lotta per il potere e il dominio.
È per questo che mi abbellisco di esilio, amici miei.
.
L’Albania ha mandato i soldati in Iraq in nome di una guerra sporca.
Quelli che creano i Saddam, li armano, fanno affari sporchi, poi vengono
a rompere i coglioni, dicendo sono dittatori! Per giustificarsi, inventano
lo scontro tra le civiltà e l’esportazione della “Democrazia”!
È per questo che mi sento campana di mare in esilio, amici miei.
.
[…]
.
Anzi, il popolo di sinistra di Berat ha dichiarato pubblicamente alla televisione
Albanese è pronto a stare anche senza corrente elettrica, senza acqua,
e se c’è bisogno anche senza fare l’amore. A condizione che l’unità del partito
di Nano non venga spaccata dai correntoni interni! È un popolo che vive
amorosamente il passato.
È per questo che scambio il mio nome con quello dell’esilio, amici miei.
.
I militanti sinistrini di Berat mi fanno ricordare le parole dell’ex-dittatore
Enver Hoxha: «Erba mangeremo, i principi marxisti non li calpesteremo!»
Mentre alcuni alunni delle scuole elementari – plagiati dai testimoni di Geova
– si suicidano, impiccandosi, per raggiungere la vera vita nell’aldilà!
È per questo che ho nostalgia dell’esilio, amici miei.
.
«O vaporrë , un amanèt ai nostri esuli: nelle tombe non si scioglieranno
le nostre anime!»
.
È dovere del parlamento di Strasburgo di fare pressione presso l’attuale
governo, affinché avviino le riforme istituzionali, per inserire la mia nazione
nella Comunità Europea. E inoltre non bisogna più appoggiare i responsabili
della tragedia albanese. Solo la famiglia europea potrà salvare l’Albania!
È per questo che non abbandono l’esilio, amici miei.
.
I diplomatici che rappresentano l’Albania all’estero sono militanti di partito,
commercianti e trafficanti che curano affari loschi. Hanno venduto migliaia
di passaporti agli albanesi migranti, guadagnando miliardi.
Gli ex-ambasciatori albanesi a Roma ed all’estero, sono figure losche
e trafficano in Italia. I diplomatici albanesi all’estero sono gli stessi
del tempo di Hoxha.
È per questo che mi chiudo ogni giorno nell’esilio, amici miei.
.
Il governo albanese ha nominato ambasciatori, addetti culturali e consoli:
gli ignoranti, i delinquenti e i trafficanti che hanno isolato l’Albania dal resto
del mondo. Oltre a sopravvivere e competere con il mondo, noi altri dobbiamo
affrontare anche le porcherie dei diplomatici albanesi e dei loro nipoti.
È per questo che mi ribello in esilio, amici miei.
.
[…]
.
Besnik tirana_square

Tirana square

Alcuni ex-ambasciatori albanesi a Roma, dopo la scadenza del loro mandato,
non sono rientrati a Tirana; oggi lavorano come titolari di agenzie
di compra-vendita di case. Altri, controllano da Roma, la merce che entra
in Albania, oppure sono diventati alti dirigenti presso l’Istituto Mediterraneo
di Bari (AMB), o consulenti presso la FAO, l’Ifad e l’Unops.
È per questo che rigurgito l’esilio, amici miei.
.
Gli ambasciatori albanesi all’estero nominano come “Ambasciatori della cultura
albanese nel mondo” danzatori di quartiere, umiliando i veri artisti che creano
valori culturali universali ed eterni. In 60 anni di comunismo, l’Albania
non ha mai dato all’Europa né un pittore, né un regista, né un compositore,
né un architetto, né uno scienziato, né un poeta, né un attore, né un cantante,
né un narratore, né…
È per questo che mi consumo insieme all’esilio, amici miei.
.
E quando capita che un albanese onesto, ma offeso e umiliato di fronte
agli occhi del mondo, “cambia” cittadinanza e passaporto, gli squallidi politici
di Tirana, lo chiamano infedele, traditore e venduto! In uno Stato democratico,
onesto, acculturato, progredito e rispettato, nessun cittadino sente il bisogno
di chiedere la cittadinanza. Andrò a Tirana solo quando sarà liberata dai tiranni!
È per questo che mi imbestialisco in esilio, amici miei.
.
«Ahimè, burrnia dhe ndera del nostro fis shqiptar!»
.
[…]
.
I poeti albanesi cantano solo ai tiranni, sia ieri che oggi; vanno in esilio (asilo)
dopo la caduta del padrone e ragliano come asini a Parigi contro il comunismo
che li ha incoronati con il potere e la fama; sono responsabili dell’isolamento
dell’Albania e della letteratura albanese dal resto del mondo.
È per questo che cresco in esilio, amici miei.
.
I poeti albanesi che sono stati spie e servitori devoti della dittatura
e hanno servito con obbedienza di cane il proprio padrone, inneggiandolo,
oggi gridano al complotto degli stranieri contro l’Albania.
Così faceva anche il loro faraone Enver Hoxha ieri.
È per questo che mi sciolgo in esilio, amici miei.
.
[…]
.
besnik Polizia di tirana

Macchina della Polizia di Tirana

Essere poeta a Tirana vuol dire stare con Nano o con Berisha.
Essere un letterato in Albania vuol dire servire Berisha o Nano.
Sono Nano e Berisha quelli che decidono sui valori dei letterati,
secondo la devozione e il servizio che gli uomini di cultura dimostrano
nei loro confronti! Un esercito di eunuchi al servizio dei loro padrini!
È per questo che smaschero l’esilio, amici miei.
.
«O cantori shqiptar, perché per tutta la vita siete rimasti asqèr e nizàm !»
.
Ho saputo che ieri ha chiuso l’ultima libreria nella città di Kukës.
A Kukës, città delle Alpi albanesi, non c’è più una libreria.
Un’intera città senza libri! Mentre i poeti di Tirana scrivono a pagamento,
libri per gli imprenditori ladri e per i mafiosi. Come ricompensa,
gli imprenditori donano terreni e ville ai poeti di Tirana!
È per questo che abito nel sud dell’esilio, amici miei.
.
Il 2 agosto 2006, nella città di Korça alcuni ignoti hanno rubato la statua
di bronzo di N. Veqilharxhi, uno dei padri del rinascimento albanese;
l’autore del primo abbecedario albanese. Il suo bronzo, trascinato,
in pieno giorno per la città , è stato venduto al mercato per pochi euro!
È per questo che prego che l’esilio abbia cura di me, amici miei.
.
Ma tempo fa è stata rubata da ignoti un’altra statua famosa,
quella di un personaggio storico del rinascimento albanese: Th. Gërmënji.
Non è una casualità. Lo scopo è quello di colpire i simboli di un popolo,
le opere d’arte, la cultura. In Albania è in atto un progetto per distruggere
la memoria e l’identità di una nazione.
È per questo che affido anche il mio destino all’esilio, amici miei.
.
Una brutta fine l’ha fatta anche la statua di Lasgush Poradeci.
Le sono stati segati gli arti, perché non entrava nella cassa usata dai ladri
per portarla via. Che ne poteva sapere, questo grande poeta delle violenze
che avrebbe subito la sua scultura nella città natale!
Ahimè! Sarà questa la fine che toccherà ad ogni vero cantore albanese?!
È per questo che ingurgito l’esilio, amici miei
.
I poeti albanesi hanno affermato: «Prima dobbiamo formarci come nazione,
cioè come Albania etnica, poi dobbiamo integrarci in Europa!
Ai poeti è cresciuto il gozzo e stanno diventando gli uomini più pericolosi
per il futuro del Paese e dei Balcani. Sogno un giorno Tirana liberata
dai tiranni e dai poeti tiranni.
È per questo che mi consolo in esilio, amici miei.
.
«Oh! Oh! Mai così in basso è caduta l’antica stirpe di Scanderbeg !»
.
Mentre nei testi scolastici regnano ancora le stesse opere del realismo
socialista, colme di fedeltà alla vecchia dittatura e di nemici di classe!
Coloro che curano i libri per le scuole e per le università albanesi
sono sempre gli stessi. Gli stessi, gli autori antologizzati, gli stessi,
gli insegnanti, i presidi e i docenti universitari, gli stessi, i rettori delle facoltà.
È per questo che dono la mia voce all’esilio, amici miei.
.
Come mai nessun premio letterario a Kasëm Trebeshina? Fu il primo grande
scrittore dissidente con il coraggioso promemoria contro il dittatore nel 1953,
rivolgendosi a lui con queste parole: “Enver, ti stai comportando
come Luigi XIV!” Fu denunciato dai suoi colleghi scrittori. Come mai nessuna
pubblicazione della sua opera? Un quotidiano di Tirana scrive
che non interessa la questione Trebeshina!
È per questo che mi copro di esilio, amici miei.
.
Come mai il Partito Democratico non ha denunciato questo atteggiamento
della mafia culturale di Tirana nei confronti di Trebeshina! Oggi il suddetto
scrittore sopravvive isolato nella capitale, in mezzo agli sciacalli e ignorato
dalle istituzioni, rinunciando persino alla cittadinanza albanese. Sicuramente,
un domani, il Padre eterno chiederà conto anche a me di tutto questo.
È per questo che non trovo pace in esilio, amici miei.
.
[…]
.
Gezim Hajdari nel suo studio

Gezim Hajdari nel suo studio

Oggi il figlioccio del Babbo(I. Kadaré) per far contenti i membri
delle accademie europee e di quelle nord americane, ha creato un’altra
invenzione perversa, quella di mettere i cristiani albanesi contro
i musulmani, chiamando quest’ultimi, con disprezzo, “turchi e ottomani”!
Come se non bastassero le sofferenze che sta attraversando l’Albania!!
È per questo che svergino l’esilio, amici miei.
.
Quest’uomo diabolico nel 2006, ha dichiarato che, nel 1989, aveva suggerito
al dittatore R. Alia (l’erede di Hoxha), di aprire le chiese cattoliche
e quelle ortodosse per far indebolire l’identità islamica. Un suggerimento
da terrorista, pericoloso, cinico e irresponsabile. Quest’uomo sta tenendo
in ostaggio il paese e la cultura albanese.
È per questo che ho sacrificato me stesso in nome dell’esilio, amici miei.
.
Molto tempo fa, ha dichiarato all’agenzia Kossovo Pres che i musulmani
albanesi sono “bislacchi, rozzi e ignoranti”. Quest’affermazione Èstata
una delle tante che il figlioccio ha usato per prendere la patente di militante,
nella lotta contro il terrorismo islamico. I veri scrittori sono dei profeti,
artefici del dialogo, della convivenza e della fratellanza tra le culture.
È per questo che ho deciso di dire la verità all’esilio, amici miei.
.
Come è possibile che uno scrittore cerchi di sottolineare violentemente
l’identità cristiana degli albanesi?! Il credo religioso è un sentimento intimo
e personale e come tale, deve essere vissuto. Un’ affermazione del genere
è aggressione, è guerra.Un’affermazione del genere presuppone
una divisione che finisce per mettere gli uni contro gli altri.
È puro integralismo.
È per questo che mi riconosce l’esilio, amici miei.
.
«Tu non rispetti né gli uomini, né la legge delle Bjeshkët e Nëmuna !»
.
Un’affermazione del genere vuol dire intolleranza. L’identità che lui appoggia,
è un’ identità che uccide, da crociato e il suo nazionalismo è patetico
e pericoloso, sciovinista. La ricchezza della cultura albanese è proprio
l’interazione secolare tra le religioni e le loro culture. La teoria del figlioccio
del Babbo Enver è razzista, perché prevale una religione sull’altra.
È per questo che divento altro in esilio, amici miei.
.
Che vergogna! Coloro che hanno distrutto, massacrato, violentato, stuprato
per mezzo secolo la vera identità del paese, sostituendola con quella dell’ uomo
nuovo plasmato dalla dittatura, oggi si dichiarano difensori della morale,
dei diritti umani e dell’identità nazionale! Prima di negare il comunismo
e Hoxha, essi devono negare le opere politiche dedicate al terrore rosso.
È per questo che cerco i veri poeti in esilio, amici miei.
.
L’Albania non è né cristiana, né musulmana, ma nello stesso tempo è cattolica
e musulmana, ortodossa e dervìsh, laica e atea, ebrea e budhista. Del resto,
l’identità di una nazione, non s’identifica con la religione. “La patria
è la sapienza”, scriveva S. Agostino. Per far tornare l’Albania un paese normale,
dobbiamo liberare la cultura albanese dai falsi miti, da una mentalità feudale.
È per questo che ho riscoperto l’umanità in esilio, amici miei.
.
Non esiste la “purezza” delle lingue, delle culture o delle nazioni.
La singolarità non è un valore, la pluralità è un valore. In tibetano essere umano
vuol dire “viandante” e per gli arabi, “abitatore” di tende. La bellezza
delle nazioni, delle loro culture e delle loro religioni è la mescolanza;
lo scambio è interazione reciproca.
È per questo che cammino sulle orme di Abramo in esilio, amici miei.
.
L’Albania è un paese esemplare, dove hanno sempre convissuto cattolici,
ortodossi, musulmani ed ebrei in pace tra di loro da secoli,
scambiandosi le preghiere. Nei poemi epici albanesi, i personaggi hanno il nome
cattolico e il cognome musulmano, come Gjergj Elez Alia e viceversa!
È straordinario! Fermate questo figlioccio delirante del Babbo Enver,
sta spaccando il paese.
È per questo che mi metto sulla croce e prego Allah in esilio, amici miei.
.
L’Europa come unità culturale non esiste, è fatta di diverse Europe. Nel mito,
nasce come la bella principessa d’Oriente rapita da Zeus, cioè dalla migrazione.
Ogni europeo proviene da qualche parte. Nelle nostre vene scorre sangue
“impuro”. Èquesta la forza dell’Europa. «La diversità de las criaturas»,
ci consigliava Borges.
È per questo che brucio nelle fiamme dell’esilio, amici miei.
.
Non a caso, nella Costituzione della Comunità Europea non sono accentuate
le radici cristiane dell’Europa. Nell’Iliade e nell’Odissea di Omero,
troviamo tracce di civiltà arabe e indiane. D’ora in poi dobbiamo,
più che sottolineare le differenze, celebrare le somiglianze.
Ahimè, non si farà mai l’Albania con certi sanguinari!
È per questo che insegno l’arte del dialogo in esilio, amici miei!
.
Chi lo fermerà? la massa dei poeti-eunuchi di Tirana che fanno a gara
per essere i suoi amanti? dei giornalisti mafiosi e ubbidienti di Tirana
che sognano di bere la sua piscia? i poveri lettori albanesi frustrati e plagiati
dal metodo del cosiddetto realismo socialista? oppure il governo Berisha
che spenderà mezzo milione di dollari per ristrutturare la sua casa natale?!
È per questo che ubbidisco all’esilio, amici miei.
.
.
Gezim-Hajdari,-Foto-di-Piero-Pomponi

Gezim Hajdari, Foto di Piero Pomponi

Anzi, ogni volta che il sosia del Babbo si arrabbia, i suoi sudditi
gli conferiscono un premio! Più il sosia li frusta, più li considera mediocri,
più sputa loro in faccia, più li calpesta, più i suoi servi si inchinano
davanti a lui. Lo adorano come la patria. Lo amano più delle proprie mogli.
Nel mio villaggio c’è un detto: “Come se lui avesse messo nelle loro orecchie
il veleno per i topi”.
È per questo che obbedisco all’esilio, solo all’esilio, amici miei
.
L’ortodossia del tiranno è cinismo e crudeltà. Secondo i tiranni stessi,
gli altri non sono altro che eunuchi e sabotatori della sua opera.
«La piazza del Cremlino era sempre al buio, solo la luce della finestra di Stalin
era sempre accesa, perché lui lavorava e pensava al popolo russo».
Si vestiva sempre nello stesso modo. Aveva creato un mito.
È per questo che sputo in faccia ai falsi miti in esilio, amici miei.
.
Questo fatto mi riporta alla mente i versi del figlioccio dedicati al Babbo Enver:
«Dal gran boulevard / si scorgevano le finestre del Comitato Centrale/
illuminate fino a notte fonda». Anche lui, come Stalin, lavorava e pensava
al popolo albanese e agli altri figliocci di Tirana.
È per questo che non seguo luci fatue in esilio, amici miei.
.
«Sei un inquisitore!»
.
È lo stesso che fino a ieri negò i poeti e gli scrittori cattolici: V. Prenushi,
Gj. Fishta, E. Koliqi, chiamandoli reazionari, nemici del Partito Comunista
di Enver Hoxha e della dittatura del proletariato. Nemmeno le autorità
religiose albanesi hanno osato creare una divisione pericolosa tra i fedeli
albanesi. Che delirante follia!
È per questo che navigo nel mare dell’esilio, amici miei.
.
È colui che ha scritto: «Ti hanno stordito il timpano/ i sacerdoti e gli imam»,
(il timpano del Partito). E ancora: «Uomini dalle tuniche nere./…/
Ma le masse del popolo vi soffocarono/ E i poeti ribelli divorarono
con le unghia le loro tuniche».Gli albanesi hanno un detto: «Frusta,
se vuoi che ti chiamino Babbo!»
È per questo che bevo l’assenzio dell’esilio, amici miei.
.
Oggi il çuni Babës fa il pellegrinaggio in Kossovo come missionario cattolico,
predicando il Verbo del Vangelo. Cercando di evangelizzare i kossovari
smarriti. Nel novembre del 2006 ha chiesto al presidente Sejdiu di costruire
una cattedrale a Prishtina. Oh, salavteci da quest’uomo senza volto e senza
principi.
È per questo che l’esilio non mi tradisce, amici miei.
.
«Neghi perfino i sacramenti e il nostro Creatore?!»
.
[…]
.
Un vero scrittore deve insegnare a tutti ad essere migranti e stranieri
e l’arte del dialogo…Un vero scrittore deve essere un distruttore di identità,
di confini e di bandiere. Ogni giorno io creo una nuova patria, in cui muoio
e rinasco. La mia patria è il mio corpo, Gëzim è la mia identità. Per me l’Albania
è la lingua albanese. Un vero scrittore deve essere ospite dei mondi.
È per questo che condivido il mio essere con l’esilio, amici miei.
.
[…]
.
gezim hajdari_foto

Gezim Hajdari

Si parla molto dell’apertura dei dossier dei politici in Albania.
Ma chi aprirà i dossier?! Gli stessi che fino a ieri li hanno scritti?!
È una farsa politica; I democratici e i socialisti hanno fatto sparire i dossier
che volevano, lasciando quelli dei pesciolini, che ora li ricattano!
È per questo che ammonisco l’esilio, amici miei.
.
Sono gli stessi scrittori che hanno firmato le accuse contro altri poeti durante
la dittatura. Mentre loro erano alti funzionari di Stato e legislatori
del parlamento di Hoxha, poeti straordinari venivano fucilati o deportati
nei campi di rieducazione per essere temprati nell’incudine della classe
operaia e contadina.
È per questo che mi santifico di esilio, amici miei..
.
«Invochi l’Inferno e i demoni!»
.
I dossier non si apriranno mai. I dossier sono stati manipolati sia dai socialisti
di Nano, che dai democratici di Berisha. Oggi accade il contrario: vengono
celebrati e decorati gli ex-torturatori di ieri! È incredibile! Il popolo albanese
non vuole l’apertura dei dossier della polizia segreta. Il popolo albanese
è un popolo bue, adora la dittatura, non la democrazia.
È per questo che abbatto il muro dell’esilio, amici miei.
.
Forse non c’è bisogno di aprire i dossier. Basta pubblicare in un grande
volume tutti i nomi e il lugubre destino di quelli che sono morti nelle galere,
oppure sono stati fucilati o internati nei lager, spariti senza lasciare tracce.
Il suddetto volume andrebbe consegnato ad ogni famiglia albanese e studiato
nelle scuole, per non dimenticare.
È per questo che mi ascolta dio in esilio, amici miei.
.
Come è possibile che la radio La voce libera d’America, con sede a Washington,
sulla questione dei dossier albanesi, intervista soltanto gli scrittori-servi
della dittatura di Hoxha e mai Kasëm Trebeshina?! È incredibile!
Ma tutto questo fa parte dei misteri albanesi. I nemici degli ex-perseguitati
dalla dittatura di Hoxha sono gli ex-perseguitati stessi!
È per questo che dubito dell’esilio, amici miei.
.
Non è colpa loro, purtroppo vivono la sindrome di Stoccolma.
Decenni trascorsi nelle galere più spaventose d’Europa, alcuni ex-perseguitati
albanesi si sono innamorati dei loro carnefici. Nella mente dei loro boia,
i superstiti vivranno sempre come nemici del popolo e del comunismo sconfitto.
È per questo che si vogliono così bene tra loro.
È per questo che perdòno l’esilio, amici miei
.
«Pratichi il culto del diavolo!»
.
Nel mio paese, i poeti di Tirana nutrono un disprezzo profondo
per le vittime della dittatura comunista e un amore viscerale per i boia di Hoxha.
I poeti di Tirana sono onorevoli, direttori dei ministeri, sottosegretari…,
ma nessuno di loro ha alzato la voce per condannare (almeno moralmente)
i crimini del comunismo.
È per questo che mi vergogno in esilio, amici miei.
.
In Albania sono passati sedici anni e non esiste nemmeno un museo che raccolga
le sofferenze e le memorie di tutti coloro che hanno subìto la dittatura più feroce
che ci sia stata in Europa. Nessuna fondazione, per raccogliere le opere
dei martiri e di quelli che subirono l’inferno dello stalinismo di Hoxha,
come testimonianza per i giovani.
È per questo che non rinuncio all’esilio, amici miei.
.
Il passato non interessa più a nessuno, né alla giustizia, né al governo.
Per i miei cittadini, il passato dell’Inferno di Spaç o di Burrel , è come
se non fosse mai esistito. Nulla viene ricordato. I giovani devono sapere i crimini
commessi contro l’umanità, per contribuire a costruire uno Stato democratico
basato sul diritto.
È per questo che non dimentico in esilio, amici miei.
.
[…]
.
Gezim Hajdari 3 davanti la sua casa natale, nel villaggio Hajdaraj, povincia di Darsìa, Lushnje, Albania 2012

Gezim Hajdari davanti la sua casa natale, nel villaggio Hajdaraj, povincia di Darsìa, Lushnje, Albania 2012

Nella mia città di Lushnje, alla piazza centrale, s’innalza ancora,
sin dai tempi del dittatore, il monumento che celebra la collettivizzazione
forzata dei contadini! Ma non c’è nulla che ricordi le vittime del comunismo,
visto che in questa regione c’era una delle più terribili prigioni
per i perseguitati politici e 11 lager su 19 di tutta l’Albania!
È per questo che mi comprende l’esilio, amici miei.
.
Ho visto L. Radi messo alla berlina, nel lager di Savra. È successo
il 20 ottobre 1982, al palazzo di cultura, in presenza di 600 persone.
Le persone al seguito del segretario di partito P. N. lo hanno insultato
e gli hanno sputato addosso, tirandogli sassi. Ma lui, fermo come una statua
non ha mosso ciglio, sfidando le pietre con la sua parola.
Tra le mani stringevo la mia pietra colma di rabbia.
È per questo che non posso vivere senza l’esilio, amici miei.
.
Si è alzato un collaboratore della dittatura R. B. gridando: “ Lazer Radi,
vogliamo sapere, perché continui a parlare male del comunismo?
Che male ti ha fatto il potere del proletariato?” Fiero e coraggioso Lazer
ha risposto: «Mi ha condannato a 10 anni di carcere e a 30 anni internati
nel lager; questo per me non è un male che mi ha fatto il potere del proletariato!»
È per questo che sono diventato esilio, amici miei.
.
Era un uomo alto, bello, con i capelli bianchi, laureato in Letteratura
e filosofia a “La Sapienza” negli anni ’30. Lasciò Roma per contribuire
alla crescita culturale del suo paese. Tutti i suoi amici e compagni
che avevano studiato all’estero, finirono sotto il plotone d’esecuzione
o morirono nelle terribili prigioni della dittatura enveriana.
È per questo che divento un testimone in esilio, amici miei.
.
«Ciò che dici è un omaggio a Satana!»
.
Da prigioniero, Lazër, accompagnato dai poliziotti, veniva portato spesso
alla biblioteca nazionale di Tirana per tradurre dei volumi
per il Ministero degli Interni. Conosceva numerose lingue. Un suo illustre
professore del liceo, rimase sgomento, quando lo vide incatenato
in mezzo ai carcerieri, mentre traduceva.
È per questo che non mi dà tregua l’esilio, amici miei.
.
Negl’ultimi anni della sua vita, Lazer, scriveva giorno e notte.
Copiava i suoi manoscritti riesumati dal giardino della baracca
del lager di Savër, dove li aveva seppelliti durante gli anni del terrore.
Si trattava di poesie giovanili e traduzioni da varie lingue, compreso Platone.
È per questo che mi interrogo in esilio, amici miei.
.
Non scrisse mai niente sulle sofferenze passate nei lager e nelle prigioni
per 40 anni. Preferì raccontare i bei ricordi degli anni giovanili, quando
frequentava il liceo e l’università. Lazer morì nel ‘98, ma la sua vita si fermò
al ‘41, anno dell’evento del comunismo che avrebbe segnato la sua vita.
È per questo che sono sgomento in esilio, amici miei.
.
.
V. Kolevica di Korça, un mio amico con il quale ho fatto il militare a Poliçan,
mi ha raccontato che suo padre, pittore, è stato condannato perché nemico
del popolo. Ogni volta che si avvicinava il compleanno di Hoxha,
la vittima-pittore, per ordine dei dirigenti del partito, doveva fare il ritratto
al dittatore!
È per questo che mi fa da guardia l’esilio, amici miei.
.
«Tu credi nel demonio!»
.
Le colpe dei genitori le hanno subite anche i figli. Frequentavo l’ultimo anno
del Ginnasio di Lushnje, quando il mio carissimo amico di banco J. Radi,
figlio di Lazer, è stato espulso dalla scuola, solo perché figlio del “nemico”
di classe. Il resto della sua vita l’ha trascorsa nei lager albanesi per 40 anni.
È per questo che incendio l’esilio, amici miei.)
.
Nel 1982 la raccolta poetica di Jozef, scritta nel fango delle paludi di Tërbuf,
non venne accettata dall’editore statale N. Frashëri di Tirana,
perché figlio del nemico del popolo. Sia lui che suo padre, hanno dovuto
aspettare più di mezzo secolo per pubblicare le loro opere!
È per questo che imparo la lingua dell’esilio, amici miei.
.
Nemmeno un incontro organizzato dalle scuole o dal comune, per ricordare
tutti coloro che morirono o passarono i più begl’ anni della loro vita nelle paludi
della Myzeqese . Nemmeno un giorno in segno di lutto dedicato a coloro
che si sacrificarono per la libertà. Nei testi di scuola della, e nella mia città
non esistono tragedie, crimini e vittime della dittatura!
È per questo che spezzo la penna in esilio, amici miei.
.
Sono passati sedici anni dal crollo dello stalinismo, ma nulla è cambiato.
Nessun problema è risolto, né la legge della terra, né l’apertura dei dossier,
né la mea culpa per i crimini del passato, né il problema della giustizia
e della corruzione, né la disoccupazione, né quello dell’ordine,né i problemi
culturali ed etici, degli stipendi e delle pensioni, né i problemi dell’ecologia…
È per questo che stringo i denti in esilio, amici miei.
.
Alcuni poeti di Tirana (dopo 16 anni?!) insistono che vengano allontanati
i politici dell’ex-regime che ordinarono la preparazione dei dossier
e che oggi, sono al vertice della politica e dello stato albanese.
Penso che insieme con quest’ultimi, debbano essere allontanati anche i poeti,
in quanto braccio destro della dittatura. Perché le loro opere hanno cantato
al dittatore, al suo partito e al terrore.
È per questo che mi nutro di esilio, amici miei.
.
Non c’è nessuna differenza tra coloro che obbligarono i cittadini a divenire
delle spie e gli scrittori che aizzarono il terrore e la violenza contro
il loro popolo. Sono stati complici di uno Stato e di una ideologia criminale.
Il crimine che hanno commesso gli scrittori della corte è stato un micidiale
veleno che ha alimentato la macchina del terrore, per mezzo secolo.
È per questo che è sacro l’esilio, amici miei.
.
Il nostro popolo ha avuto più che mai bisogno dei poeti nei momenti bui
della propria storia. Il nostro popolo, negli anni della violenza e del terrore rosso,
aveva bisogno di sogni, di speranze e di immaginazione, che solo i poeti
potevano dare con i loro versi. Invece, sono stati proprio questi versi a negare
anche la più piccola emozione.
È per questo che è vergine l’esilio, amici miei.
.
È per questo che i poeti di Tirana sono diventati eunuchi che, per padre,
per amante, per padrone, conoscono solo il figlioccio del Babbo Enver.
È per questo che un esercito accecato di lettori albanesi considera il tiranno
dei tiranni di Tirana, padre dell’Albania tiranna! Sembra che l’agonia
del mio paese non avrà mai fine!
È per questo che rinasco in esilio, amici miei.
.
Stanno facendo di tutto per imporre lui, agli albanesi e all’Occidente, come
l’icona del paese! Berisha gli diede il titolo “Onore della Nazione”, i comuni
delle città di Gjirokastra e quella di Tirana gli hanno conferito la cittadinanza
onoraria. Una volta a Roma, un poeta delle sue milizie, durante un convegno,
disse che la voce del figlioccio è la voce dell’Albania! Mio dio!
È per questo che la mia voce è la voce dell’esilio, amici miei.
.
Come mai Tirana non ha mai conferito la cittadinanza onoraria a Trebeshina,
a P. Gjeçi e a F. Reshpja? In 16 anni di democrazia albanese, tra i governi
di destra e di sinistra, solo un ex-perseguitato politico P. Arbnori ha fatto parte
delle istituzioni dello stato albanese. Tutti i ministri e le più alte cariche
dello stato sono stati rappresentati dagli ex-comunisti facenti parte d
ella ex-nomenklatura. mici miei.
È per questo che cerco una risposta in tutti questi anni in esilio, a
.
Che strano paradosso: chi osò ribellarsi alla dittatura, chi protestò nelle piazze
in nome della democrazia, mettendo in pericolo la propria vita e chi usurpò
il potere in Albania! Gli ex-perseguitati dalla dittatura di ieri ancora oggi
sono visti come nemici del popolo! Nel mio paese, le speranze della democrazia
sono state uccise, una volta per sempre, il 22 marzo 1992.
È per questo che la mia stanza sgombra si riempie d’esilio, amici miei.
.
«Chi li coprirà con la savanë ?
Chi metterà un pugno di terra sulle loro tombe?»
.
I poeti di Tirana stanno vivendo un periodo di ascesi. Hanno deciso
di non scrivere più, di non essere chiamati più con i propri nomi,
di non parlare più, di autocastrarsi per non fare più l’amore,
di vivere in anonimato, di identificarsi in lui. È impressionante!
È un tentativo assai disperato fare lo scrittore e il poeta oggi in Albania!
È per questo che è puro l’esilio, amici miei.
.
«Sei un infame! Vuoi soddisfare solo i tuoi desideri perversi!»
gezim2

gezim hajdari

Non è la sua opera che ha fatto di lui uno peudosantuario, ma è il suo fascino
di tiranno. Gli albanesi, dopo la morte del dittatore, non riescono a vivere
senza tiranni. L.Myftiu, F. Lubonja, K. Myftari, E. Tase, P. Kolevica, A. Klosi,
I.Jubica, B.Kraja, R. Elsie, A. Dule, S. Fetiu, H. Ibrahimi, conoscono bene
il “mal di tiranno” degli enveriani. Nessun altro popolo in Europa adora
i tiranni come il mio popolo.
È per questo che lancio l’allarme dall’esilio, amici miei.
.
Dopo la morte di Hoxha, il figlioccio del Babbo si presenta come il padre
padrone della nazione. Come tutti i tiranni, pretende che anche il Paese e il popolo
diventino la sua opera e l’Albania s’indentifichi in lui! È un fantasma
del passato, circondato da altri fantasmi che abitano la sua coscienza.
È per questo che raggiungo me stesso in esilio, amici miei.
.
[…]
.
Tempo fa è uscito a Tirana il libro monografia Vilsoni dhe Genci,
che parla di due giovani poeti di talento, fucilati dalla dittatura comunista
nel 1977. Solo perché amavano la poesia e avevano osato tradurre Baudelaire,
Rimbaud, Mallarme, Hugo, D’Annunzio. E pensare che la prefazione
della suddetta monografia è stata scritta da colui che odiava i poeti “reazionari”!
È per questo che insulto me stesso in esilio, amici miei.
.
Non c’è da stupirsi. Il manoscritto Vilsoni e Genci è stato rifiutato
da tre case editrici di Tirana! Il curatore è stato chiamato “vecchio rimbambito”
e il suo manoscritto considerato una minaccia per coloro che accusarono
i due promettenti poeti della città di Librazhd! Alla presentazione di questo libro,
a Tirana, c’era poca gente e quasi nessun poeta!
È per questo che l’esilio è il domani, amici miei.
.
Per non parlare di Musine Kokalari che trascorse 20 anni in prigione
e 20 nei campi di concentramento. L’eterna sign.na Kokalari lasciò Roma
negli anni ’30, dove si era laureata alla Sapienza, per aiutare il suo Paese.
È stata scrittrice ed anche fondatrice del Partito Socialdemocratico. La donna
più acculturata dell’Albania, ma gli artigli del regime la chiusero in galera.
È per questo che vedo oltre l’esilio, amici miei.
.
Kokalari morì sola nei campi di concentramento, malata, le fu negato
il ricovero in ospedale, in quanto “nemica” del popolo! Per legge, nessuno
poteva avvicinarsi a lei. Prima di essere sepolta, è stata trainata dal furgone
dell’immondizia. Quando i suoi parenti la riesumarono, trovarono le sue mani
e i suoi piedi legati con il filo spinato. Musine Kokalari non aveva commesso
nessun crimine, oltre l’amore per l’arte.
È per questo che ho deciso di scambiare il mio Paese con l’esilio, amici miei.
.
Nell’agosto del 1988, il poeta H. Nela veniva impiccato nella piazza della citta
Kukës. Per terrorizzare la gente, il suo corpo è rimasto per tre giorni di seguito
appeso alla corda. La gioventù del poeta era invecchiata nelle galere infernali
dei comunisti. Mentre il figlioccio profetizzava: «Questo secolo appartiene
al comunismo che illuminerà il mondo intero».
È per questo che mi sono accecato in esilio, amici miei.
.
Dove era il figlioccio del Babbo quando venivano fucilati i poeti?! Era deputato
al parlamento del dittatore. Il figlioccio, a quell’epoca, era vice presidente
del Fronte “Democratico”, il cui presidente era la moglie del dittatore.
A quell’epoca, erano i poemi del figlioccio (che incitavano al terrore
della dittatura del proletariato contro i nemici di classe) a fucilare i poeti
innnocenti albanesi.
È per questo che accuso l’esilio dall’esilio, amici miei.
.
«Confèssati! Il tuo corpo si è impossessato del male!»
.
Inaugurava, attraverso i suoi versi, la stagione dei Grandi Processi
e delle deportazioni, cantando: «Aprite la strada, poeti di poesia declassata,
/…/ stiamo arrivando noi,/ i poeti del realismo socialista».
Come se non bastasse l’uccisione di Mandel’stam, Babel, oppure
l’umiliazione di Ba Jin, costretto a inginocchiarsi davanti alle masse
popolari nello stadio di Shangai.
È per questo che cerco la verità in esilio, amici miei.
.
Da comunista convinto egli ammoniva i nemici di classe:
«Per sradicare le tue radici, mio partito /…/ Fondato su ossa e sangue
/…/ devono riesumare dal fango i caduti e ucciderli di nuovo».
Nessuno come lui ha santificato lo stalinismo. Se qualcuno avesse osato
minacciare la guida sanguinaria, avrebbe commesso il più grave peccato,
facendo una fine orribile.
È per questo che dico soltanto la verità all’esilio, amici miei.
.
In verità, chi ha osato strappare le radici al partito del figlioccio
e delle sue opere dedicate a esso stesso, è stato punito dal plotone.
Si sono scagliati come sciacalli contro coloro che hanno cercato
di commettere una tale eresia. Guai a chi tocca le istituzioni culturali
del passato! I mercenari enveriani continuano ad uccidere ancora
le vittime della dittatura di ieri.
È per questo che è illibato l’esilio, amici miei.
.
Il palcoscenico della poesia albanese è stato bagnato con il sangue
vero dei poeti. Ancora oggi il mio Paese porta l’immagine dei suoi poeti
uccisi. Mentre lui si appellava alle armi per forzare il ruolo del partito
e della dittatura proletaria e creare l”uomo nuovo”:
«Non è la Bibbia quella che parla,/ è il PARTITO. /…/. Con te mi sento
alto come le montagne,/ Senza di Te, muoio come un verme!»
È per questo che scalo la montagna dell’esilio, amici miei.
.
A quell’epoca, il figlioccio piangeva il “Grande pianeta Stalin”,
scriveva versi per il cane omunista del confine albanese che vigilava
sugli imperialisti, nemici del comunismo e delle sue vittorie gloriose:
«Quel che nessuno mi ha dato,/ me l’hai dato tu, mio Partito”.
Odiava persino il sorriso dei nemici del popolo : “In mezzo allo smalto
dei suoi denti abbaglia il vostro terrore bianco».
È per questo che affondo nell’esilio, amici miei.
.
Gezim Hajdari a Filettino 2012

Gezim Hajdari a Filettino 2012

Un contadino della mia provincia mi ha raccontato una storia atroce.
Negli anni ’70 faceva il militare al confine con la ex-Jugoslavia.
Una sera, le guardie fermarono un giovane che aveva tentato di passare
il confine. Lo legarono e prima di ucciderlo, gli chiesero come preferiva
morire: con un proiettile o con i morsi del cane comunista!
È per questo che mi viene la pelle d’oca in esilio, amici miei.
.
«Fèrmati, meglio morire con onore che sentire i tuoi racconti macabri!»
.
Il povero ragazzo, con mani e piedi legati con il filo spinato,
scelse la seconda versione, sperando di salvarsi. Ma non ci fu scampo
per lui, la bestia inferocita lo sbranò. Il suo corpo dilaniato
fu gettato in un burrone, come pasto ai lupi e alle volpi.
Il contadino, testimone di tanta crudeltà, è impazzito.
È per questo che ho degl’incubi in esilio, amici miei.)
.
Il figlioccio dedicava versi al segretario del partito comunista,
lasciando come testamento ai giovani, un odio eterno per il “nemico kulak”.
Quando l’Occidente denunciava il terrore del tiranno,
il figlioccio rispondeva che erano solo «Pettegolezzi, Pettegolezzi/…
/I nostri giorni/ marciano insieme al partito/…/ verso orizzonti nuovi.
All’Albania / è nato un figlio, finalmente!»
È per questo che io e l’esilio ci guardiamo negli occhi, amici miei.
.
A quell’epoca, il figlioccio era ossessionato dal sangue dei nemici
e dal proiettile della dittatura del proletariato. Cantava alla canna del fucile,
alle armi, alle mine, al pugno di ferro del popolo, «Questo canto per te
(dedicato al Partito) /…/come una rosa rossa sulla canna del fucile, /…/
L’Albania: un prato sorridente, dove abbagliano le baionette», puntate
sui “traditori”.
È per questo che è crudele l’esilio, amici miei.
.
A quell’epoca, il figlioccio militante sorvegliava i nemici che tentavano
di distruggere “l’arte rivoluzionaria”, scrivendo 1200 pagine dedicate
al dittatore Enver Hoxha. Ancora oggi, le sue “opere monumentali”
sono utilizzati come testi fondamentali nelle scuole,
per educare i giovani alla morale comunista.
È per questo che faccio conoscere l’esilio a tutti, amici miei.
.
La sua opera aveva bisogno di nutrirsi del sangue dei nemici di classe.
Alcuni mesi, dopo la fuga in Francia (1990), aveva dichiarato:
«In un’ Albania libera non è mai esistita e non esiste la censura,
il che fa onore allo Stato socialista». Mentre centinaia tra intellettuali,
poeti e artisti furono massacrati barbaramente dal partito dei figliocci.
È per questo che non sopporto più l’esilio, amici miei.
.
«È stata una mattanza e nessuno ha alzato la voce!»
.
A quell’epoca, i becchini della dittatura riesumavano le ossa
del grande poeta epico Gj. Fishta, per gettarle nelle acque torbide
del fiume Buna, di notte. Mentre il figlioccio del Babbo Enver
riesumava l’opera di Fishta, per maledirla e infangarla con il suo odio
di classe. Lo scopo era quello di cancellare la memoria della letteratura
nazionale non allineata allo stalinismo di Hoxha.
È per questo che esiste l’esilio, amici miei.
.
Il noto poeta F. Reshpja è marcito in carcere, perché aveva osato urlare
ad alcuni giovani della città di Lezha queste parole: «Voi siete poeti
e non dovete leggere le opere del dittatore e nemmeno quelle del figlioccio
del Babbo, che è solo un poeta di corte». E i poeti di Lezha divennero
immediatamente poeti, facendolo imprigionare per ben 17 anni!
È per questo che il mio carcere è l’esilio, amici miei.
.
Uscito di prigione, gli stessi poeti (ex-comunisti, oggi militanti di destra)
o “crocifissero“, perché simpatizzante di sinistra. Lui, che non aveva mai
avuto una tessera di partito. Morì amareggiato, solo, in povertà.
I suoi testi sono stati strappati dalle antologie ufficiali
per ordine del partito e mai inseriti nei libri di scuola.
È per questo che i miei peccati li confesso solo all’esilio, amici miei.
.
«Non so se mi è rimasto qualcosa che mi può far gioire in questo mondo.
Ciò che ho amato, l’ho perduto. È per questo che scrivo». Furono le parole
drammatiche del poeta alla sua uscita dal carcere nel ‘92. Oggi, i suoi
ex-carcerieri si riuniscono a Tirana per celebrarlo! Sono gli stessi
che fucilarono i poeti A.Harapi, L. Shantoja, D. N. Zadeja, T. Xhargjika,
Xh. Koprëncka, B. Çela…
È per questo che la mia gioia e il mio dramma sono l’esilio, amici miei.
.
Pieno di debiti morì anche lo scrittore F. Konica, a Boston. Fu una delle menti
più brillanti che l’Albania abbia mai avuto. Tutta la sua vita è stata dedicata
agli ideali politici della patria e dell’identità nazionale. Konica venne
seppellito con l’aiuto degli albanesi di Ëirton e della Virginia.
Mentre i suoi debiti vennero pagati dalla Federazione Albanese d’America.
È per questo che sono in debito con l’esilio, amici miei.
.
Ti ho sognato ieri sera, Konica. Sei venuto a trovarmi in Ciociaria.
Abbiamo bevuto insieme un bicchiere di vino sardo, parlando a lungo.
Eri molto preoccupato per i tuoi debiti e per le spese di sepoltura.
Ti ho rassicurato e ti ho dato la mia besa, rassicurandoti che avrei pensato
a tutto io, aggiungendoli ai miei debiti.
È per questo che ospito le anime dei martiri in esilio, amici miei.
.
Gezim Hajdari davanti la sua casa natale, nel villaggio Hajdaraj, povincia di Darsìa, Lushnje, Albania 2012

Gezim Hajdari davanti la sua casa natale, nel villaggio Hajdaraj, povincia di Darsìa, Lushnje, Albania 2012

Ma la mafia politica e letteraria comunista chiama il figlioccio del Babbo,
genio, Zio. E lo propone al mondo come un simbolo della nuova letteratura
albanese. Apriti cielo! Diventerà mai l’Albania un paese normale?
Diventeranno mai gli albanesi un popolo civile? Diverranno mai,
i poeti di Tirana, poeti normali?!
È per questo che porgo la mano dall’esilio, amici miei.
.
Non sono per tagliare le teste, ma tutti coloro che hanno goduto dei privilegi
della dittatura e l’hanno inneggiata, non hanno il diritto morale
di condannare il comunismo e i suoi crimini, dopo il suo crollo.
Non hanno il diritto morale e civile di spacciarsi come difensori dei diritti
umani, dopo una mattanza, che loro stessi non hanno mai denunciato
e condannato fino ad oggi.
È per questo che non mi innamoro dell’esilio, amici miei.
.
Non sono per negare del tutto la storia della letteratura albanese
e bruciare libri al rogo, sarebbe ingiusto. Come invece fanno alcuni
miei connazionali, quando intervengono nei convegni all’estero.
Anzi, sono per analizzare la storia della letteratura del mio paese
nel male e nel bene, e storicizzarla. Perché ha dominato la vita culturale
e spirituale di una nazione per mezzo secolo.
È per questo che tollero l’esilio, amici miei.
.
Non sono per condannare poeti e scrittori, ma i colpevoli devono chiedere
almeno perdono per le sofferenze inflitte al proprio popolo e ai loro colleghi,
affinché i giovani ne prendano atto. Papa Ëojtila chiese mea culpa per coloro
che misero al rogo Giordano Bruno e Giovanna D’Arco e per tutti i dolori
e le ferite che la chiesa ha causato agli uomini migliaia di anni fa.
È per questo che non perdo la memoria in esilio, amici miei.
.
Altrimenti la devono smettere di manipolare il consenso della povera gente
e dei poveri lettori (imprigionati nelle stalle del realismo socialista),
affascinati dai loro letterati tiranni. Un solo suggerimento a quest’ultimi:
“Entrate nel silenzio e non provocateci più, lasciateci lavorare e creare.
Nella Storia si entra solo una volta e voi avete perso una grande occasione!”
È per questo che vivo il futuro dell’esilio, amici miei.
.
[…]
.
Gezim  Hajdari con la sua testa in ceramica, opera dell'artista Marica Bisacchi

Gezim Hajdari con la sua testa in ceramica, opera dell’artista Marica Bisacchi

A Tirana non c’è libertà di parola. Il mensile controcorrente Ars è stato messo
a tacere per ordine del Ministero della Cultura, con il volere dei figliocci
del Babbo. I giornali di Tirana, che non sono allineati con il potere,
non percepiscono fondi governativi e i loro direttori sono stati minacciati
di morte, come I. Jubica e B. Kraja.
È per questo che rovino me stesso in esilio, amici miei.
.
[…]
.
Ahimè, la mia Albania! Che brutto destino l’aspetta. Tremendi scenari
si giocano sul palcoscenico del suo corpo martoriato. Il mio paese è passato
da una guerra civile a una divisione tra nord e sud. Solo un governo di unità
nazionale potrebbe salvarlo! L’unico futuro per questa azione è guardare
alla Unione Europea
È per questo che annuncio dall’esilio, amici miei
.
[…]
.
Che tragedia che si è abbattuta sul mio popolo, Geremia!
Come potevo immaginare che avrei vissuto la stessa tragicità del tuo destino!
Beffardo il mio destino, dover trascorre i miei giorni in esilio,
chiuso nella stanza sgombra.
È per questo che conto le piogge dell’esilio, amici miei.
.
Preparate la gogna, innalzate la forca sul patibolo, accendete il rogo, lapidatemi.
Sono pronto ad affrontare il linciaggio. Sono nelle vostre mani.
La legge è dalla vostra parte. Carcerieri, aprite la porta della mia cella!
Inquisitori, processatemi! È per questo che l’esilio non mi assolve, amici miei.

.

Gezim  Hajdari con la sua compagna Iris Hajdari, Marsiglia 2012

Gezim Hajdari con la sua compagna Iris Hajdari, Marsiglia 2012

Gëzim Hajdari, è nato nel 1957, ad Hajdaraj (Lushnje), Albania, in una famiglia di ex proprietari terrieri, i cui beni sono stati confiscati durante la dittatura comunista di Enver Hoxha. Nel paese natale ha terminato le elementari, mentre ha frequentato le medie, il ginnasio e l’istituto superiore per ragionieri nella città di Lushnje. Si è laureato in Lettere Albanesi all’Università “A. Xhuvani” di Elbasan e in Lettere Moderne a “La Sapienza” di Roma.
In Albania ha svolto vari mestieri lavorando come operaio, guardia di campagna, magazziniere, ragioniere, operaio in una azienda per la bonifica dei terreni, due anni come militare con gli ex-detenuti, insegnante di letteratura alle superiori dopo il crollo del regime comunista; mentre in Italia ha lavorato come pulitore di stalle, zappatore, manovale, aiuto tipografo. Attualmente vive di conferenze e lezioni presso l’università in Italia e all’estero dove si studia la sua opera.
Nell’inverno del 1991, Hajdari è tra i fondatori del Partito Democratico e del Partito Repubblicano della città di Lushnje, partiti d’opposizione, e viene eletto segretario provinciale per i repubblicani nella suddetta città. È cofondatore del settimanale di opposizione Ora e Fjalës, nel quale svolge la funzione di vice direttore. Allo stesso tempo scrive sul quotidiano nazionale Republika. Più tardi, nelle elezioni politiche del 1992, si presenta come candidato al parlamento nelle liste del PRA.
Nel corso della sua intensa attività di esponente politico e di giornalista d’opposizione, ha denunciato pubblicamente e ripetutamente i crimini, gli abusi, la corruzione e le speculazioni della vecchia nomenclatura di Hoxha e della più recente fase post-comunista. Anche per queste ragioni, a seguito di ripetute minacce subite, è stato costretto, nell’aprile del 1992, a fuggire dal proprio paese.
La sua attività letteraria si svolge all’insegna del bilinguismo, in albanese e in italiano. Ha tradotto vari autori. La sua poesia è stata tradotta in diverse lingue. È stato invitato a presentare la sua opera in vari paesi del mondo ma non in Albania, dove il suo contributo letterario viene ignorato volutamente dalla cultura di potere. È presidente del Centro Internazionale Eugenio Montale e cittadino onorario per meriti letterari della città di Frosinone. È considerato uno dei maggiori poeti contemporanei.
Dirige la collana di poesia “Erranze” per l’editore Ensemble di Roma. È presidente onorarario della rivista internazionale on line “Patria Letteratura” (Roma), nonché membro del comitato internazionale della Revue électronique “Notos” dell’Université Paul-Valery, Montpellier 3. Ha vinto numerosi premi letterari. Dal 1992, vive come esule in Italia.
Opere
Opere pubblicate in Albania
  • Antologia e shiut, “Naim Frashëri”, Tirana 1990;
  • Trup i pranishëm / Corpo presente, I edizione “Botimet Dritëro”, Tirana 1999 (in bilingue, con testo italiano a fronte).
  • Gjëmë: Genocidi i poezisë shqipe, “Mësonjëtorja”, Tirana 2010
 
Opere in bilingue pubblicate in Italia
  • Ombra di cane/ Hije qeni, Dismisuratesti, Frosinone 1993
  • Sassi controvento/ Gurë kundërerës, Laboratorio delle Arti,Milano 1995
  • Antologia della pioggia/ Antologjia e shiut, Fara, Rimini 2000
  • Erbamara/ Barihidhët, Fara, Rimini 2001
  • Erbamara/ Barihidhët, (arricchita con nuovi testi rispetto alla prima edizione). Cosmo Iannone Editore Isernia 2013
  • Stigmate/ Vragë, Besa, 2002. II edizione Besa, Lecce 2007, III° edizione, Besa 2016
  • Spine Nere/ Gjëmba të zinj, Besa, 2004. II edizione Besa, Lecce 2006
  • Maldiluna/ Dhimbjehëne,Besa, 2005. II edizione Besa, Lecce 2007
  • Poema dell’esilio/ Poema e mërgimit, Fara, Lecce 2005,
  • Poema dell’esilio/ Poema e mërgimit, II edizione arricchita e ampliata, Fara, 2007
  • Puligòrga/ Peligorga, Besa, Lecce 2007
  • Poesie scelte 1990 – 2007, EdizioniControluce, Lecce 2008
  • Poesie scelte 1990-2007, II edizione (arricchita con nuovi testi). EdizioniControluce, Lecce 2014
  • Poezi të zgjedhura 1990 – 2007 (versione in lingua albanese di Poesie scelte), Besa, Lecce 2008
  • Corpo presente/ Trup i pranishëm, Besa, Lecce 2011
  • Eresia e besa/ Nur. Herezia dhe besa, Edizioni Ensemble, Roma 2012
  • I canti dei nizam/ Këngët e nizamit(i canti lirici orali dell’800,con testo albanese a fronte). Besa, Lecce 2012
  • Evviva il canto del gallo nel villaggio comunista/ Rroftë kënga e gjelit në fshatin komunist (con testo albanese a fronte). Besa, Lecce 2013
  • Delta del tuo fiume / Grykë e lumit tënd. Edizioni Ensemble, Roma 2015
  • Poesie scelte 1990 – 2015, Edizioni Controluce, Lecce 2015
 
Libri reportage di viaggio
  • San Pedro Cutud. Viaggio nell’inferno del tropico, Fara, Rimini 2004
  • Muzungu, Diario in nero, Besa, Lecce 2006
 
Monografie sull’opera di Hajdari
  • Poesia dell’esilio. Saggi su Gëzim Hajdari, a cura di Andrea Gazzoni. Cosmo Iannone Editore, Isernia 2010.
  • La besa violata. Eresia e vivificazione nell’opera di Gëzim Hajdari – di Alessandra Mattei. Edizioni Ensemble, Roma 2014
  • In balia delle dimore ignote. La poesia di Gëzim Hajdari – di Sara Di Gianvito. Besa, 2015
 
Traduzioni
Ha tradotto in albanese:
  • L’antologia Poesie /Poezi, ( con testo italiano a fronte) di Amedeo di Sora. “Botimet Dritëro”, Tirana (Albania), 1999.
  • Forse la vita è un cavallo che vola, / Ndoshta jeta është një kalë fluturak, (con testo italiano a fronte). Edizioni Empiria, Roma 2000.
  • L’antologia/ Eshka dhe guri/ Il muschio e la pietra (con testo italiano a fronte) di Luigi Manzi. Besa, Lecce 2004.
Ha tradotto in italiano:
  • I canti dei nizam/ Këngët e nizamit(i canti lirici orali dell’800,con testo albanese a fronte). Besa, Lecce 2012.
  • Leggenda della mia nascita/ Legjenda e lindjes sime (con testo albanese a fronte) di Besnik Mustafaj. Edizioni Ensemble, Roma 2012
  • Evviva il canto del gallo nel villaggio comunista/ Rroftë kënga e gjelit në fshatin komunist (con testo albanese a fronte). Besa, Lecce 2013
  • Poesie scelte / Poezi të zgjedhura (con testo albanese a fronte) di Faslli Haliti. EdiLet, Roma 2015
 
È co-curatore in italiano
  • dell’antologia I canti della vita(con testo arabo a fronte) del maggior poeta tunisino del Novecento, Abū’l-Qāsim Ash-Shābb, Di Girolamo Editore, Trapani 2008.
  • È co – curatore, insieme ad Andrea Gazzoni, dell’antologia Dove le parole non si spezzano(con testo originale a fronte) di Gémino H. Abad (Edizioni Ensemble, 2015. È la prima pubblicazione in italiano delle poesie di Gémino H. Abad)

 

Annunci

19 commenti

Archiviato in poesia albanese, poesia italiana contemporanea, Senza categoria

19 risposte a “Il “Poema dell’esilio” del poeta italo-albanese Gezim Hajdari, Atto di accusa contro il regime postcomunista in vigore in Albania – “Nell’Albania comunista di Enver Hoxha vennero imprigionate 30 mila persone, 60 mila internate nei campi dei lavori forzati, 17.900 condannate per motivi politici, 5500 uccise come avversari politici del dittatore Enver Hoxha, 9052 morirono nelle prigioni, 408 rimasero invalidi mentali a causa delle torture disumane subite, 7022 morirono nei campi dei lavori forzati. Furono fucilate o sono morte nelle varie prigioni 148 tra intellettuali, artisti, scrittori, poeti, politici, filosofi, giuristi, traduttori e professori di latino e greco. Mentre 4500 persone sono sparite e ancora oggi non si sa dove giacciono i loro resti”

  1. antonella zagaroli

    Grazie Gezim per le tue informazioni sul tuo Paese d’origine. Nutrienti per una visione a 360° desiderata da chiunque come me è interessata a non lasciarsi influenzare dalla comunicazione maggioritaria e a non negoziare sugli abusi alle persone e alle società proveniente da chicchesia.

  2. ubaldo de robertis

    Le lanterne di Gëzim Hajdari, a cui invio il mio caldo saluto, sono accese di notte e anche in pieno Sole, di giorno, per creare un cono luminoso che rischiara le coscienze.
    “La mia ‘nuova’ Albania, sorta sui crimini e sui traffici mafiosi, secondo un progetto dei ‘Poteri Oscuri’ dall’oltreoceano, con il consenso vergognoso dei politici mercenari di Tirana, è diventata il paese più pericoloso d’Europa./ Sono stati proprio questi poteri oscuri che hanno voluto che la nuova Albania venisse costruita proprio sui crimini, sulla droga e sui traffici loschi./”
    Questo è il drammatico oscuro sottobosco in cui si muovono i professionisti europei del lutto, così li chiamo io, forti del fatto che tutte le atroci colpe fin qui commesse sono state enigmaticamente prescritte!
    Ubaldo de Robertis

  3. Ricordo una vacanza, quella dei 18 anni nell’ahimè lontano 1977, a Nociglia un paesino vicino a Santa Maria di Leuca, nelle mattine chiare dai tetti a terrazzo si distinguevano le coste dell’allora chiusa e misteriosa Albania. Ricordo anche il 1990 col crollo del regime comunista filocinese e l’arrivo dei primi profughi da un paese che credemmo di aver liberato insegnando l’italiano di Raiuno e Pippo Baudo.
    I versi potenti di Gezim Hajdari sono bollettini di guerra da un paese di tartufi fin troppo simile all’Italia di cui fu possedimento fino al 1943. Le analogie stanno in una sola, nell’Italia del 1945 molti cambiarono la camicia nera col fazzoletto rosso, nell’Albania del 1990 è successa la stessa cosa, stessi burocrati parassiti, criminali, pericolosi e sempre pronti a rifarsi una verginità a seconda della direzione in cui tira il vento.

  4. Francesco

    Avete letto tutto in così breve tempo da poter commentare? Ma che bravi!

  5. L’Atto di Accusa di Gezim Hajdari contro la tirannia “democratica” in vigore in Albania è un atto politico, come quello di Zola contro l’ipocrisia della borghesia francese.
    Mi chiedo: quando verrà un Atto d’Accusa così preciso e circostanziato contro la classe politica italiana che ha preso in ostaggio il paese Italia?
    È possibile, anzi, probabile che il ceto politico affaristico e letterario italiani faranno pagare a caro prezzo a Gezim Hajdari il suo coraggio, tagliandogli l’accesso ad ogni residuale risorsa economica.
    È possibile, anzi, probabile che i letterati del nostro paese faranno di tutto per prendere silenziosamente le distanze da questo poeta eslege, scomodo che dice cose scomode per le orecchie bene educate dei letterati di casa nostra.
    La verità è che i nostri poeti e narratori sono dei burocrati timidi e opportunisti che se ne stanno all’ombra del Palazzo a godere dei piccoli benefici che quello concede loro.
    Noi però stiamo qui, stiamo dalla parte dei poeti coraggiosi, dei poeti autentici che non si fanno intimidire.

  6. Su questo Poema dell’esilio di Gezim Hajdari non va ricercato il seme della Poesia ma solo la narrazione di fatti ed eventi che hanno umiliato l’umanità nel suo percorso nei secoli da parte dei regimi totalitari. Non si tratta di un unico caso riportato da Hajdari. Ce ne sono stati diversi, che con altrettanta efficacia, hanno descritto sofferenze e dolore. Arrivare a comprendere il contrasto tra teodicea e antropodicea è rimettere in campo vecchie e nuove posizioni culturali e filosofiche le cui dottrine non fanno che ricollocare al centro della questione Dio e l’uomo. Nel rapporto del biblista Andrea Lonardo, riportato nel saggio dal titolo Unde malum? “Da dove viene il Male?” Per una riflessione teologica. Pensieri da condividere, leggendo insieme testi dei teologi Joseph Ratzinger e Walter Kasper e del filosofo Vittorio Possenti,” si legge che ”Auschwitz è diventato un luogo centrale per la comprensione dell’uomo e di Dio, del Bene e del Male”. Nella nota n. 15, in appendice al saggio si legge:”Soprattutto Auschwitz, presentando l’abisso del Male, chiama in causa Dio: o per negarlo e annunciarne la morte nel senso che la creazione è un dramma in cui Dio infine è sconfitto. (In Dopo Auschwitz, 1966, il rabbino americano Richard Rubinstein domanda che si accetti il fatto bruto della pura e semplice morte o fine di Dio ad Auschwitz).; oppure per ripensare e alterare la natura di Dio, come propone Hans Jonas, per il quale la bontà divina si accompagna ad una sua assoluta impotenza ad intervenire nella storia del mondo; o infine attraverso una più approfondita riflessione sul Male che si appoggi ai dati biblici e alle più sicure tradizioni teologico-filosofiche”.
    Ma Hajdari non è l’unico testimone di tante aberrazioni. Anche Abram Terz Sinjavskij con la sua opera “Una voce dal coro”, si immette in questo suo romanzo?, diario?, saggio? nella realtà e documentazione dell’uomo recluso nei campi di prigionia. Né va dimenticata la realtà delle Bloodlands di Timothy Snyder, col romanzo Terre di sangue. L’Europa nella morsa di Hitler e Stalin, la cui disumana politica di annientamento degli oppositori, registrò tre milioni di prigionieri sovietici lasciati morire dai tedeschi. “Noi pensiamo ai campi di concentramento, ma la grande maggioranza delle vittime non vide mai un campo. Furono fucilate o gassate vicino ai luoghi in cui avevano vissuto. Simonetta Fiori, La Repubblica 10 Novembre. 2011. Ecco perché questo Poema dell’esilio di Gezim Hajdari va letto con molto rispetto e pazienza fino all’ultimo capitolo.

  7. Consiglio a tutti, a tal proposito la visione del film “Anni difficili” di Luigi Zampa, ispirato da una novella di Vitaliano Brancati, la trama:Modica (Rg), (Sicilia), 1935. Un semplice e onesto impiegato municipale è costretto a iscriversi, non proprio entusiasticamente, al Partito Nazionale Fascista.

    Il figlio dell’impiegato intanto poiché soldato, viene chiamato in varie battaglie e in tutte queste riesce a scampare dalla morte. Morirà però ucciso a tradimento da dei soldati tedeschi mentre tornava a casa col rimpianto di non aver mai visto suo figlio, nato mentre lui era in guerra.

    Nel 1943, allo sbarco degli Alleati, l’uomo si ritrova ad essere epurato dallo stesso sindaco che, quando era podestà, gli aveva imposto di prendere la tessera fascista.

  8. Canto epico e tribale di un poeta che andrebbe recitato, meglio se da una compagnia teatrale di giovani albanesi; meglio ancora se ripetuto in piccoli gruppi dentro tepee – come indiani nord americani – d’estate, sulla terra ritrovata.

    “L’Europa come unità culturale non esiste, è fatta di diverse Europe. Nel mito, 
nasce come la bella principessa d’Oriente rapita da Zeus, cioè dalla migrazione. 
Ogni europeo proviene da qualche parte. Nelle nostre vene scorre sangue 
“impuro”. È questa la forza dell’Europa. «La diversità de las criaturas», 
ci consigliava Borges.

    Non a caso, nella Costituzione della Comunità Europea non sono accentuate 
le radici cristiane dell’Europa. Nell’Iliade e nell’Odissea di Omero, 
troviamo tracce di civiltà arabe e indiane. D’ora in poi dobbiamo, 
più che sottolineare le differenze, celebrare le somiglianze.

    …Un vero scrittore deve essere un distruttore di identità, 
di confini e di bandiere. Ogni giorno io creo una nuova patria, in cui muoio 
e rinasco”

  9. Giuseppe Panetta - Talìa

    Quando si scrive di verità, quando si denunciano le tirannie “democratiche”, le mafie, la politica collusa, i poteri forti, le immense ingiustizie mondiali, non si può che plaudire al Poeta coraggioso.
    GP

  10. gabriele fratini

    Trovo in questa ballata accusatoria una straordinaria vena poetica, al modo pasoliniano ma anche superiore. Hajdari è un poeta che non ho mai capito e apprezzato fino in fondo, ma stasera l’ho sentito come non mai. Le sue graziose canzonette anche poco comprensibili che ho letto in precedenza erano solo un gradino per accedere a questo monumento letterario e vitale che mi pone l’autore in tutta un’altra prospettiva.
    Un saluto.

  11. Giuseppina Di Leo

    Non scendere a compromessi con i regimi e denunciare è quanto Gezim Hajdari ha fatto mettendo in gioco la sua vita. Come dice Giorgio, abbiamo tanto da imparare.
    “Non c’è nessuna differenza tra coloro che obbligarono i cittadini a divenire
    delle spie e gli scrittori che aizzarono il terrore e la violenza contro
    il loro popolo. Sono stati complici di uno Stato e di una ideologia criminale.
    Il crimine che hanno commesso gli scrittori della corte è stato un micidiale
    veleno che ha alimentato la macchina del terrore, per mezzo secolo.
    È per questo che è sacro l’esilio, amici miei. /…”

  12. nON SO SE QUALCHE STORICO ABBIA MAI FATTO IL CONTO DELLE MOLTE CENTINAIA DI MORTI AMMAZZATI DA PARTE DI POTERI OSCURI ITALIANI A PARTIRE DALLA STRAGE DI UOMINI, DONNE E BAMBINI DI PORTELLA DELLA GINESTRA PER PASSARE ALL’ASSASSINIO DEL PRESIDENTE DELL’ENI ENRICO MATTEI, AI SINDACALISTI E UOMINI POLITICI AMMAZZATI DALLA MAFIA, AGLI UOMINI DELLE FORZE DELL’ORDINE E DEI MAGISTRATI IMPEGNATI NELLA LOTTA ALLE MAFIE, DEI MORTI DELLE STRAGI DI STATO E DEI SERVIZI SEGRETI ITALIANI CON LA COMPLICITA’ DEI POTERI OSCURI ITALIANI E INTERNAZIONALI, DELLE STRAGI DEI NEOFASCISTI ISTIGATI DAI LORO MANDANTI, DELLA MASSONERIA, DEL GAGLIOFFO GOLPE BORGHESE, ALL’ASSASSINIO DI PIERPAOLO PASOLINI FINO AD ARRIVARE ALLA TRISTISSIMA PAGINA DELLE TRATTATIVE STATO-MAFIA E AI GIORNI NOSTRI…
    NON SO SE MAI VERRA’ UNO STORICO ITALIANO CHE FACCIA IL COMPUTO ESATTO DEI MORTI AMMAZZATI DAL REGIME DEMOCRATICO IN VIGORE IN ITALIA DAL DOPO GUERRA AD OGGI.
    NON SO SE MAI VERRA’ NEL FUTURO UNO STORICO CHE SI DEDICHERA’ A QUESTO INGRATO COMPITO…

    • di tutte queste stragi terribili, di tutti questi obbrobri e intrallazzi di regime dal 1947 a oggi, soltanto due sono stati condannati Mambro e Fioravanti, solo due.

  13. Nessun ragioniere potrà mai contare il danno che hanno arrecato il cinismo, la mediocrità,l’ignoranza ,alla nostra Italia.Eppure abbiamo avuto uomini tanto grandi, che il loro insegnamento, il loro “martirio”
    ( come pena e come testimonianza) non ci consente di abbassare la guardia

  14. gino rago

    Dimenticarsi di sé per occuparsi degli altri. Ecco il martirio del poeta.
    Accompagnare gli altri verso una fiamma che arda… Tocca essere credibili
    per essere creduti perché nessuno tollera gli sdoppiamenti. E l’atto d’accusa di Gezim Hajdari verso la “vecchia” e la “nuova” classe dirigente
    albanese interpella la coscienza libertaria di tutti. In un suo inedito, Gezim
    pensò a César Vallejo con questi versi:
    “Ieri sera nessuno mi ha chiamato dalla strada,/ ieri sera nessuno mi ha
    telefonato dall’altra costa,/ dei passanti nessuno mi ha chiesto./ Ieri sera
    nessuno ha bussato alla mia porta (…)/ nessuno mi ha fatto gli auguri/
    per l’anno nuovo.// Con un bicchiere di vino davanti/ e la pioggia alla
    finestra,/ ho festeggiato la mia solitudine in Ciociaria,/ ieri sera”
    Un frammento del poema dell’esilio, un frantume del poema dall’esilio – della storia umana e poetica di Gezim Hajdari –
    che ricordano drammaticamente una delle ” Ultime prove mostruose, Poesie dall’Anno Zero” di Antonio Sagredo: “La gorgiera di un delirio
    mi mostrò la Via del Calvario Antico e a un crocicchio la calura fiaccò
    i miei pensieri…” A sigillo dell’esilio del sapiente.
    Gino Rago

  15. Salvatore Martino

    Sono tornato al blog dopo giorni di silenzio necessario per decantarmi da tante invasioni. Torno e trovo un infinito poema che nulla ha di poetico, ancorché interessante e coraggioso. Da quel poco che ho letto ( per leggere non dico tutto ma una buona parte ci vorrebbero giornate) mi sembra più cronaca che storia e quasi priva di pathos Certo per esprimere un giudizio più realistico bisognerebbe ripeto leggere tutto il poema, cosa al di sopra delle mie scarse disponibilità.Al culmine di questa ormai lunga vita mi permetto di scegliere, e le cose che mi interessano diventano sempre più rare. Salvatore Martino

  16. letizia leone

    Già soltanto scorrendo i numeri e le proporzioni di questa catastrofe civile e politica si può intuire come l’operazione poetica di Gëzim Hajdari si possa definire epica. La parola di Hajdari è dentro il motore della storia, e dunque parola incandescente forgiata nell’autenticità dell’Erlebnis e il suo esilio civile e politico si rivela soprattutto esilio linguistico, condizione esistenziale. Un parola che si carica della forza della testimonianza corale di tutto un popolo e si dissocia da un’estetica contemporanea che fa del principio creativo-formale l’oggetto del suo contenuto.
    Qui c’è identificazione immediata con la materia da trattare, un’autenticità del fare che ci riporta a interrogarci con Heidegger in merito alla questione “se l’arte sia ancora o non sia più il modo necessario ed essenziale dell’avvento della verità che decide del nostro esserci storico.”
    Concordo pienamente con Lucio Mayoor sul fatto che queste lunghe lasse andrebbero recitate e ascoltate nella cavea di un teatro per essere ricollocate nell’ascendenza della ricca tradizione orale del popolo albanese.

  17. In questo caso, anziché esprimere una valutazione se si tratta di poesia o di prosa, ritengo preferibile ammettere che è la forma più idonea per rivolgersi al potere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...