ANTOLOGIA DI POESIA (Estratto III) “Il rumore delle parole Poeti del Sud” (2015) Giuseppina Di Leo, Michele Arcangelo Firinu, Maria Grazia Insinga, Eugenio Lucrezi, Abele Longo, Marco Onofrio a cura di Giorgio Linguaglossa

Antologia Il rumore delle parole (2)Estratto (III) da ANTOLOGIA DI POESIA “Il rumore delle parole. Poeti del Sud” Giuseppina Di Leo, Michele Arcangelo Firinu, Maria Grazia Insinga, Eugenio Lucrezi, Abele Longo, Marco Onofrio a cura di Giorgio Linguaglossa Roma, EdiLet, 2015 pp. 280 € 18 

 

giuseppina di leo

giuseppina di leo

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Giuseppina Di Leo

A nonno Leonardo

Su materassi di paglia dormivo da bambina
accanto la voce amata. Su due piedi possibili
il tempo sosta in attesa fino all’ultimo,
un piolo per volta, fino alla lunga stanza;
il pavimento in cemento lo scorgevi infine,
proscenio della camera dalle due finestre.
E sulla scena, l’odore delle pesche sotto il letto.

*

[Le quattro pietre]

Le quattro pietre ancorate al mare sembrano sorelle,
quattro dita in tutto afferrano il mare. Così, se tu temi
la luce vorrebbe dire dover lasciare l’uscio chiuso per
troppo ancora. Rimanda la paura. A dopo. E intanto
siediti. Resta. Con un gesto del piede allontana dunque
il pensiero dalla fronte, troppi angoli mostra il prisma,
troppi colori conta l’arcobaleno, nel sole i raggi,
tanti quanti i visi. Lontano dagli sguardi serba il seme
per piantarlo all’uso del lunario, e di quel che resta
a me basterà l’odore delle cotogne e della paglia.

*

L’uomo onda

All’inizio fu il silenzio e la terra era feconda
foreste lussureggianti racchiudevano suoni di vento
e nel mare era nascosta la voce profonda di un amore
sarebbe arrivato sulla riva nelle vesti di uomo scolpito
dal flusso delle onde, sarebbe salito sulla parte alta
e avrebbe poi urlato al silenzio il suo segreto.

«Dalle tasche del mare altri suoni arriveranno», disse al giovane fiore
e così parlando pensò lo avrebbe colto nel sonno di un’estasi.
«Si giunge lontano stando fermi», gli rispose allora il fiore
«nessuno tra noi due sa chi per primo cederà il suo stelo
al vento». Non si sa se fu lo stato di paura, irrazionale quanto basta
foriero e preannuncio di ogni altro eco terrifico a portarlo via
ma a quel dire colpì dapprima la terra sollevandola
con le mani aperte rivoltò più volte la zolla, afferrò poi
il bastone potente del comando e percosse con quello
stelo a stelo ogni singolo filo d’erba; ogni singolo gambo
si abbassò diventando tutt’uno con la terra
afferrò nuovamente con due mani la spada
l’elsa della forza lo istigò a tracciare scavi profondi nelle viscere
la terra rimasticava le sue radici d’oro e la farfalla si tramontò
in bruco e il bruco in terra, mentre l’uomo continuava a far
marcire nel sonno il silenzio prezioso di un tempo. La parola attesa
si trasformò in bestemmia, la bestemmia in rancore
fino a quando il fiore del silenzio si aperse in rosa di sangue
con due ali sui fianchi scese nell’imbuto del tempo
fino a che insieme al tempo non si squarciò il dolore.

 

Michele Arcangelo Firinu

Michele Arcangelo Firinu

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Michele Arcangelo Firinu

a mia figlia Eleonora

Come usignolo, che becchetta il globo,
va razzolando chiccoli di grano,
così i miei occhi tremano inesausti
su troppi temi e testi
e mi avveleno delle carte sparse
e plastiche e fosfeni;
il mondo è troppo ricco e misero
ma io vorrei licheni
sulle palpebre, che ormai si fanno pietra
e io statua di sale,
granito
nel deserto
*
Più che le umane amai
le chiacchiere dei venti
che ridono dei templi sgretolando,
coi trapani dei grilli,
nelle statue i sorrisi, labbri e nasi.
E i muschi si sommano ai licheni tra le scaglie
di pinne bicaudate.
Mirabile monstrum!
Si va su ali di sirena,
tra castagni e querci.
Dorme un dono di bimba
e partorisce un sogno:
due leoni di pietra
che van cantando me, che son
Passato
Padre mio

 

(In memoria)

Avevo non so più quale
ragione di poesia,
padre mio, ora non so più quale,
se i pensieri s’inseguono nel tempo:
bucano il tempo, i tempi,
e una strana ragione
corre a riordinare
fili interrotti di pensieri:
incompiuto ordito della trama
del tempo già intessuto, ed ora liso,
trasognato e sognato:
i miei fili confusi
annodati a inglobare altri tempi:
i tuoi come miei, come gli altri
degli altri: come i tempi di tutti:
come tutti i tempi dei tempi rovesciati
nella ristretta lana del mio lacerto di tempo:
come una poesia che rifila gli enigmi:
le infinite trame dei tempi
nel buco della trama
in cui mi perdo: tremando
alla tua morte:
alla mia morte:
come a un buio
che fa ammenda di stelle.

maria grazia insinga

maria grazia insinga

Maria Grazia Insinga

[Nascita]

Nulla di poetico da segnalare:
sempre dall’inizio nella rimessa del mondo nel mondo
da un armadio appeso schiantano vestiti
e sospesa la camera in un lampo si iberna.
Cibarti – cibarmi – di me l’unico fuoco.

*

Tra le costole scorre via il nome.
Ne convengo: è morto. Sta un passo oltre.
Prima che io arrivi. Prima di voler andar via.
Asincronica affinità con la morte il mio povero nome!
E tu, per suo nome affondi la lingua. Tengo serrati
i denti sul rigoglio bachiano. Poi, disinfetto.
Disinfetto questa purezza così tecnicamente dolce
questa purezza antropizzata, per semplificare il male.
Metterlo alla porta. Ma è un incendio.

*

Al risveglio eravamo mostri in cima al mondo
affinché da lì fossimo scagliati come pietre
– avvolgi il sasso nella carta cesserà di battere
dappertutto assorella forbici a carta e carne
s’impallidirà bellezza – e al risveglio eravamo morti e non
è bastato lanciare quattro modanature
imperite sul marmo rosso imprestato ai dirupi a
fianco delle cave raccogliendo il quinto sasso non
recuperavo in aria gli altri piccoli marmi di
perfezione lingua di balena senza linguaggio da
consumare e non credo più o meno di quanto io non
creda rido di me e non riesco a credere come
io abbia potuto credere più o meno di quanto
io non avrei mai dovuto credere
hai dimenticato Orcaferone morte
immortale che il sasso batte dappertutto e io
sono un mare di giardini d’aranciare.

abele longo

abele longo

Abele Longo

Terra di nessuno

Non ricordo chi per primo
parlò di quel pezzo di terra
pietraia non lontana dalla cappella

Forse era della Chiesa
ma non lo chiedemmo al prete
o di qualcuno andato in Svizzera
e mai più tornato

Ci lasciammo una lavatrice arrugginita
seguirono altri elettrodomestici
materassi sventrati
pile di rifiuti che vedevamo
portando in spalla il santo alla cappella

Se nei meriggi d’estate
succedeva di passare
non potevamo non notare
come le cicale frinissero
quasi a coprire il silenzio
di quella terra di nessuno

.
Mappe

In una terra senza corsi d’acqua
m’inventai un ruscello dietro casa

Vennero in missione punitiva
raccontare balle non stava bene
ma se ne stettero ad ascoltarmi
e fumammo le nazionali

Parliamo ora di equilibrio
ma l’ascolto è gutturale
ha bisogno del vivavoce
ogni gioia si accomoda come
la tristezza all’odore della pioggia

Fermi tra un treno e l’altro
propositi e pensieri
a perderci è la vista
lo spazio oltre lo schermo

Molto meglio il libro delle letture
piccoli neri persi nella giungla

Il sussidiario dice
che ci inghiottirà il mare
e man mano che la cartina scende
spariscono i nostri nomi

eugenio lucrezi con la moglie paola nasti

eugenio lucrezi con la moglie paola nasti

 Eugenio Lucrezi

Guardare da lontano chi è vicino, guardare da vicino chi è lontano
Festa di compleanno

a Francesco Maria

.
Stordente come tutto ciò che torna
per volte numerose e persuase
nel punto dell’arrivo, alla partenza,
abile come so che siamo,
che sono e che sei,
all’esercizio della morte, del solo
abito che ci sta bene, arriva l’anteprima
che ride e che ci abbraccia, senza posa.
Ho fatto festa solo, da lontano,
tenendo tutti gli attimi per mano,
tutti i respiri tirati con le briglie,
ed il rumore che si tuffava cieco, beato,
nel buio del ristoro, in fondo a tutto.
O vita, vita, sonora eco e ricanto,
appena lascio il buio sento chiara
la voce cristallina dell’altro me
che mi segue e mi chiama, infante
del trabocco, ingenuo canto.
Tra il basso e l’alto, misuratore di spazi,
tu tutti li riempi, nato da poco,
esperto e trapassato, occupato da voci,
appena nato.

Fratelli

a Bernardo Kelz

.
La fratellanza aggiunge alla rinfusa,
se fosti tolto fu per dare terra
a una nuova radice, non fa niente
se la voce che parla dice forte
di stare al posto tuo. Qui, riparato
da te, il vento mi travolge. Abilitato
dal debito degli anni, prendo tempo,
convoco folle nuove al tuo cospetto.
Ma dare non è un dono, è la ventura
di chi nell’ecatombe chiude gli occhi.
Il tempo che mi prendo non mi è dato
da te, solo sfiorato nell’oscuro
dei sangui e delle lacrime. Nessuno
volle unirci nell’abbraccio. Ciascuno
per l’altro inconosciuto. Poco meno
di Dio, praticamente.

Marco Onofrio e Aldo Onorati

Marco Onofrio e Aldo Onorati sullo sfondo

 Marco Onofrio

Anatomia

È vuoto, il corpo del pianeta
in fondo al cosmo. Pare
l’anatomia dell’argine, la forma
invisibile e presente
da esplorare
nel rovescio nostro: ci tiene
e contiene, dal caderci dentro
come l’aria che aderisce
a quel che siamo.

Il respiro abita, materia
dove la luce crepa di salute
ma ci inocula una rara
malattia.

Lievita la terra come il pane
che mastico sapendo ogni boccone
mentre arranco sulle rapide
a sghimbescio: appeso
ai fili del silenzio, il cielo
diverso ogni volta che lo guardo
mi apre un grande buco
sotto i piedi. E inutilmente
corro, sono stanco.

Sera di giugno

Eccomi, sono arrivato. Tremo
di gioia fino ai bordi dell’estate
ancora nuovamente innamorato
dinanzi a una bellezza così pura.

Oh estasi, infinità sognante!
Profonda limpidezza della vita.

Scie d’azzurro viola nel gran blu
scavano gallerie nel sole:
isole, sulle foglie larghe
della tua magnolia.

Ondeggia – crisoberillo – il manto
luminoso della sera.
La ragazza si prepara per
il ballo. Annoda il tappeto del tempo:
ora dopo ora si fa storia.
Tra poco sarà notte.

C’è del pulviscolo che rotea lento
dentro i raggi obliqui:
vaga per l’aria tenera
giallo d’opale e amaranto
l’oro misterioso verderame
il dolce incanto…
e il cielo, gonfio, s’introna
con gli uccelli a frotte:
cupa spelonca purpurea
lucido reame
spento dal suo ultimo bagliore…

Ecco, i colori lasciano le cose.
Un altro giorno muore.

La stella dell’alieno

«Se potessi andare lassù
su quella stella!»
mi dici trasognando in un sospiro.
Come fosse un luogo più degno,
più bello o straordinario
del gabinetto rotto di casa tua
e non fosse già un miracolo
che esistiamo, che pensiamo
e possiamo parlarne.
Anche qui, quaggiù, è universo:
nel posto che ti sembra più banale
nel giorno più imperfetto del dolore.
È questa la stella, su cui l’alieno
vedendola brillare da lontano
sogna di arrivare!

Annunci

10 commenti

Archiviato in antologia di poesia contemporanea, Autori dei Due Mondi, poesia italiana contemporanea, Senza categoria

10 risposte a “ANTOLOGIA DI POESIA (Estratto III) “Il rumore delle parole Poeti del Sud” (2015) Giuseppina Di Leo, Michele Arcangelo Firinu, Maria Grazia Insinga, Eugenio Lucrezi, Abele Longo, Marco Onofrio a cura di Giorgio Linguaglossa

  1. gino rago

    La sorprendente facoltà di agguantare l’inafferrabile, la icasticità di dettato
    poetico e il magistero verbale (Giuseppina Di Leo, Marco Onofrio, con uno scatto linguistico più persuaso) sono punti di forza dei componimenti lirici oggi proposti, nello scontro inevitabile fra autobiografico ed esistenziale.
    Gino Rago

  2. antonio sagredo

    Dispiace che ci siano pochi commenti… per questa antologia che pure mostra e dimostra pregevoli meriti, come p.e. aspetti meridionalistici visitati da prospettive distinte e diversamente opinabili. I versi scorrono lungo contrade a me tanto note fin dall’infanzia che mi paiono – così come son descritte e dette – mai sentite e ascoltate. L’antologia privilegia il moto ondoso di diversi limguaggi poetici e non la staticità delle immagini e di un idioletto staganti… vuole significare che i poeti sanno dire di ciò che conoscono con perizia metaforica, e il ritmo è sostanzialmente simile in tutti… le parole meridionali sono parole di passione… divorante, lavica e non puoi prescindere dal cantare fuori da un paesaggio che t’assilla: lo sforzo di ciascu poeta qui è mettere in fuga vecchie ossessioni che una volta determinavano una soggezione alla letania e al rosario, alla cantilena asfittica… dunque vanno premiatiquesti linguaggi poetici e questi versi che celebrano nuove direzioni poi che si affrancano da canoni di un meridione orripilante e assassino di istanze liberatorie

  3. vedo che il dibattito è ancora incentrato su De Angelis, questo non toglie che Abele Longo ed Eugenio Lucrezi, due autori che conosco poco, alla luce di quanto letto su questo post siano assai pregevoli come del resto tutti gli altri: anche la Di Leo (parente forse del mitico Fernando?) è autrice sempre e da sempre ragguardevole, ha ragione Sagredo questa è parola viva

    • Valerio Gaio Pedini

      io apprezzo più le poetesse. Però ci sono svariate direzioni, accomunate da una zona metaforica. Importante notarlo.

  4. ubaldo de robertis

    Sono d’accordo con quanto scritto da Flavio Almerighi: “su questo post ci sono bravi autori e pregevoli poesie”, e con Antonio Sagredo “ i poeti sanno dire di ciò che conoscono con perizia metaforica…”
    In particolare trovo nei versi della Di Leo la consueta maestria e naturalezza come se le parole arrivassero dall’alto e con la loro vitalità tutta interna di suggestione, “un piolo per volta”, scendessero in superficie per poi raggiungere la profondità (del ricordo), ben oltre la quota dell’impiantito dove insistono i piedi del letto. Essendo, io, nonno, ho seguito lo scorrere dei versi di “A nonno Leonardo” come un sussurro che sa di emozione, di grande rispetto. Ubaldo de Robertis

    “Su due piedi possibili
    il tempo sosta in attesa fino all’ultimo,
    un piolo per volta, fino alla lunga stanza;
    il pavimento in cemento lo scorgevi infine,
    proscenio della camera dalle due finestre.
    E sulla scena, l’odore delle pesche sotto il letto.

    • Ambra Simeone

      sotto consiglio di Giorgio vorrei postare una mail che gli ho inviato oggi subito dopo la lettura dell’antologia

      Caro Giorgio,

      La tua introduzione è molto interessante direi anche più dei nostri testi e ho avuto la possibilità e il piacere di comprenderne meglio – ad una seconda lettura – tutte le sue sfumature.
      La nota di Eco da cui parti è ovviamente uno spunto di riflessione enorme per la tua analisi sul fatto “che la poesia sembra girare attorno a se stessa in un movimento perpetuo” e che concordo pienamente, anche quando ho avuto modo di leggerla sul blog.
      Ci sono poi nodi cruciali sui quali è bene riflettere, ma che ahimè sembra impossibile sciogliere, ci sono fior fior di filosofi che ne stanno parlando.

      Che alla poesia non venga chiesto niente come tu noti è grave, ma ancor più grave è che essa non immagina neanche di rispondere.
      E la mia domanda è: perché non ne è più capace (nell’era dell’incomunicabilità) o perché non vuole proprio rispondere? Magari per pigrizia… Forse un po’ tutte e due.
      Direi che ormai i poeti non dovrebbero più trincerarsi dietro la scusa che siamo in tempi di incomunicabilità e allora al poeta basta rispondere rappresentando questa situazione e scrivendo poesie incomprensibili… non è più accettabile una poesia come quella del Zanzotto dei Conglomerati…. Basta siamo stufi, abbiamo bisogno di concretezza!

      Quando tu parli di “continuum storico” è chiaro però che in termini estetici questa problematica è stata superata da un pezzo, non si può più parlare di “storicità dell’arte”.
      Danto scrive:

      [dopo le avanguardie, dopo Hegel] “tutto era permesso dal momento che niente era più prescritto nella Storia. Chiamo questo periodo “ periodo post-storico dell’arte” e non c’è motivo che esso giunga mai ad una fine.
      L’arte può ancora ricevere costrizioni provenienti dall’esterno, dalla moda o dalla politica ad esempio, ma l’ordine proveniente dall’impulso della sua Storia particolare appartiene ormai al passato. “

      Secondo punto cruciale è quello della Lingua, quando dici che la lingua ha una sua legislazione fatta di regole sintattiche e semantiche hai ragione, ma che nessuno le può infrangere, lo trovo troppo assoluto come concetto.
      La lingua è in continuo mutamento, non evolve né involve, è solo un mezzo da usare per entrare in contatto con il mondo e gli altri. Altro fatto poi è come usarla, e con quale fine e obiettivo, questo conta, un po’ come quando dici che alcuni libri di poesia li trovi incomprensibili!

      Purtroppo la “resistenza dei materiali” – e aggiungerei materiali linguistici – di cui parla Fortini è saltata per aria, non c’è più nulla di solido e fisso, i punti cardinali sono saltati, la bussola gira e gira senza sosta, come si fa a testare dei materiali adatti?
      Forse la risposta è provarli e vedere cosa succede… potrebbe non succede nulla, ma il piacere nel provarli deve esserci, altrimenti perché siamo qui a scrivere poesie? Forse basta il piacere, non si deve arrivare per forza ad una conclusione o ad una Verità!

      Io non sono contraria alla poesia più riflessiva e che non sia facilmente comprensibile, che richieda sforzo come affermi più volte; sono contraria ai pensieri indecifrabili o confusi, talmente confusi che forse dietro tante belle parole non se ne hanno affatto!!!
      La semplicità o meno di un testo non pregiudica il mio gusto estetico o il mio piacere nella lettura, è solo una modalità comunicativa diversa. Quel che mi preoccupa invece è il fatto che molti autori dietro questa incomprensibilità si dimostrino vuoti di pensiero… a mio avviso il nostro tempo non ha bisogno di questo, di vuoto ce n’è così tanto che non c’è bisogno di insistere anche in letteratura, ecco secondo me si dovrebbe invertire senso di marcia. Tutto qui!

      Un abbraccio
      Ambra

  5. Giuseppina Di Leo

    Desidero ringraziarvi di cuore per i vostri commenti alle poesie presenti in antologia.
    Sagredo, uomo e poeta del sud, conosce e sa cosa significa aver attraversato gli anni Sessanta e Settanta vivendo nei paesini dove le uniche ‘novità’ arrivavano via tele e ci apparivano così distanti. Dunque è certo che i ricordi dell’infanzia e dell’adolescenza lasciano, ancora oggi, pur a distanza di decenni, un richiamo molto forte e forse impossibile da cancellare.
    Ed è stata questa la ragione per cui ho voluto scrivere per una persona, per me davvero speciale quale è stata la figura del nonno paterno. Ammetto però a me stessa la stessa osservazione che mi sono permessa di fare a Chiara Moimas alla sua poesia, e cioè della difficoltà di rendere in poesia un mondo intero di sentimenti ed emozioni. Temevo, sempre quando provavo a scrivere su nonno Leonardo, di cadere nel sentimentalismo (che aborro) o nel patetico (che è anche peggio), per cui, dopo vari tentativi, ho scelto delle immagini – tra le tante – che si attestavano in maniera evidente dentro me, quasi fossero passaggi di una crescita. Per questa ragione, mi toccano particolarmente le parole di Ubaldo De Robertis quando parla di “sussurro che sa di emozione”, e sono certa che lui è un nonno amorevole con i suoi nipotini.
    Mi piace aggiungere che il legame affettivo così forte, con un uomo che aveva quasi sessant’anni più di me, è stato innanzitutto frutto della grande sensibilità che lo contraddistingueva, ma è stato anche per quella sua tenacia e costanza nell’affetto mostrate, quasi volesse ‘sopperire’ nella maniera più giusta al ‘vuoto’ rappresentato dalla mancanza, o quasi, di mio padre, quasi sempre lontano da casa per lavoro (era marittimo).
    E, aggiungo, l’elemento della caparbietà dell’amore è un altro oggetto di interesse nelle mie poesie.
    Per quanto riguarda la tua domanda, Flavio, se ti riferisci, come penso, al regista, direi di no, però non ne escluderei la possibilità: nonno Leonardo (classe 1902) era l’ultimo di dodici figli, per cui tutto può essere.

  6. UbaldoDerobertis

    Cara Di Leo,
    ancora una volta lei ha visto “giusto” . Giorgio ha il mio indirizzo di posta elettronica, se lei volesse comunicarmi il suo le inviero’ una foto che mi ritrae con i nipotini. Per restare nel campo della poesia, Elena, 8 anni, in classe ha scritto, perche’ richiesto, dei versi sul tema dell’amicizia. Ne ricordo due:
    “anch’io ho un’amica che si chiama Giuditta, mi dice il suo pensiero
    anche quando sta zitta”

  7. Pasquale Balestriere

    Ho letto con partecipazione i versi di questi poeti, voci diverse, ricche, singolari. Convincenti, per attestata cifra stilistica ed intensità creativa.
    Bravi tutti. Più vicini al mio sentire Di Leo e Lucrezi.
    Pasquale Balestriere

  8. Tutti pregevoli gli scritti di questi “poeti del Sud”, ciascuno con il suo stile. Una preferenza speciale per la poesia “Sera di giugno” di Marco Onofrio, in cui trovo sensazioni, immagini ed emozioni che mi coinvolgono.
    Congratulazioni a tutti
    Giorgina Busca Gernetti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...