POESIE SCELTE di Gary Geddes a cura di Angela D’Ambra – Prima pubblicazione in italiano

Hamburger Banhof, Berlino, Città trasparenti

Hamburger Banhof, Berlino, Città trasparenti

 Gary Geddes è nato a Vancouver, Columbia Britannica. Ha vissuto sulla costa ovest fino al 1963. Si è laureato in Inglese e Filosofia – U.B.C. Ha conseguito il diploma post laurea – Reading University, UK. Poi M.A. e Ph.D. in Inglese – Università di Toronto. Dal 1972 -1974 ha insegnato alla Victoria University. Ha insegnato scrittura creativa in varie università canadesi. In particolare, alla Concordia University, Montreal (1978-1998). In seguito, ha ottenuto l’incarico onorario per tre anni d’insegnamento come Professore Ospite col titolo di Professore Emerito di Cultura Canadese presso il Centro di Studi Canadesi-Americani della Western Washington University, a Bellingham. Le sue opere di poesia sono: Poems (1971), Rivers Inlet (1972), Snakeroot (1973), Letter of the Master of Horse (1973), War & other measures (1976), The Acid Test (1980),The Terracotta Army (1984; 2007); edizione francese, 2009, Changes of State (1986), Hong Kong (1987), No Easy Exit (1989), Light of Burning Towers (1990), Girl by the Water (1994), The Perfect Cold Warrior (1995), Active Trading: Selected Poems 1970-1995 (1996), Flying Blind (1998), Skaldance (2004), Falsework (2007); Swimming Ginger (2010), Poems New & Selected, di prossima pubblicazione, Red Hen Press, 2013. Fiction: The Unsettling of the West (1986). Non-Fiction: Letters from Managua: Meditations on Politics & Art (1990),,Sailing Home: A Journey through Time, Place & Memory (2001), Kingdom of Ten Thousand Things: An Impossible Journey from Kabul to Chiapas (2005; US edition, 2007), Drink the Bitter Root: A Writer’s Search for Justice and Redemption in Africa (2011; US edition, 2012). Teatro: Les Maudits Anglais (1984). Traduzione: I Didn’t Notice the Mountain Growing Dark (1986), poesie di Li Bai e Du Fu, tradotte con l’assistenza di George Liang. Opere di critica: Conrad’s Later Novels (1980), Out of the Ordinary: Politics, Poetry & Narrative (2009).

Gary Geddes (G) by Danielle Schaub

Gary Geddes (G) by Danielle Schaub

Antologie: 20th-Century Poetry & Poetics (1969, 1973, 1985, 1996, 2006), 15 Canadian Poets Times 3 (1971, 1977, 1988, 2001), Skookum Wawa: Writings of the Canadian Northwest (1975), Divided We Stand (1977), The Inner Ear (1983), Chinada: Memoirs of the Gang of Seven (1983), Vancouver: Soul of A City (1986), Compañeros: Writings about Latin America (1990), The Art of Short Fiction: An International Anthology (1993; edizione ridotta, 2000). Oltre alla stesura e all’editing di più di 35 libri di poesia, fiction, teatro, non-fiction, critica letteraria, traduzioni e antologie, Gary Geddes è stato attivo nel promuovere altri scrittori canadesi. È ideatore e direttore della collana di monografie critiche Studi di Letteratura Canadese (Copp Clark/ McGill-Queens). Ha recensito regolarmente poesia per il Globe&Mail, e ha dato avvio a diverse case editrici, fra cui Quadrant Editions e Cormorant Books, famosa per le sue pubblicazioni etniche e letterarie, inclusi Lives of the Saints di Nino Ricci, Lost Causes di José Leandro Urbina e When the World Burns: Modern Arabic Poetry in Translation di John Asfour. Le sue antologie più famose, 20th Century Poetry & Poetics e 15 Canadian Poets, entrambe per la Oxford, hanno avuto varie ristampe e un enorme impatto sull’insegnamento e la scrittura poetica in Canada. Geddes ha tenuto conferenze e presentato le sue opere in Cina, Giappone, Indonesia, Hong Kong, Cile, Costa Rica, Nicaragua, Stati Uniti, Inghilterra, Irlanda, Scozia, Olanda, Belgio, Germania, Israele, e Palestina. Le sue opere sono state tradotte in Olandese, Cinese, Spagnolo, Portoghese, Italiano e Francese, trasmesse varie volte dalla CBN e da radio BBC, e rappresentate in teatro. I suoi premi nazionali e internazionali includono la E.J. Pratt Medal, il National Poetry Prize, l’Americas Best Book Award nel 1985, il Commonwealth Poetry Competition, il Writers’ Choice Award, National Magazine Gold Award, Poetry Book Society Recommendation, UK, l’Archibald Lampman Prize (twice), il Gabriela Mistral Prize in 1996. I suoi archivi sono stati acquistati e collocati alla National Library, Ottawa. Gary Geddes vive a French Beach, Vancouver Island. Il suo “ritorno” in British Columbia nel 1998 è stato celebrato nel suo floating memoir , libro non-fiction dal titolo Sailing Home: A Journey Through Time, Place and Memory (Harper Collins, 2001), bestseller in tutto il Canada. Altri libri sulla Columbia Britannica sono: Rivers Inlet (1972), Skookum Wawa: Writings of the Canadian Northwest (1975) e Vancouver: Soul of A City (1986).

 

jeff koons Balloons dog rosso

jeff koons Balloons dog rosso

Letter of the Master of Horse

I was signed
on the King’s authority
as master of horse.
Three days
(I remember
quite clearly)
three days after we parted.
I did not really believe it,
it seemed so much the unrolling
of an incredible dream.

*

Bright plumes, scarlet tunics,
glint of sunlight on armour.
Fifty of the King’s best horses,
strong, high-spirited, rearing
to the blast of trumpets,
galloping
down the long avenida
to the waiting ships.
And me, your gangling brother,
permitted to ride with cavalry.

*

Laughter,
children singing
in the market, women
dancing, throwing flowers,
the whole street covered
with flowers.
In the plaza del sol
a blind beggar kissed my eyes.
I hadn’t expected the softness
of his fingers
moving upon my face.

*

A bad beginning.
The animals knew, hesitated
at the ramps, backed off,
finally had to be blindfolded
and beaten aboard.

Sailors grumbled for days
as if we had brought on board
a cargo of women.

*

But the sea smiled.
Smiled as we passed
through the world’s gate,
smiled as we lost our escort
of gulls. I have seen
such smiles on faces of whores
in Barcelona.

*

For months now
an unwelcome guest
in my own body.
I squat by the fire
in a silence broken only
by the tireless grinding
of insects.
I have taken
to drawing your face
in the brown earth
at my feet
(The ears are
never quite right).

*

You are waving,
waving. Your
tears are a river
that swells, rushes beside me.

I lie for days
in a sea drier than the desert
of the Moors
but your tears are lost,
sucked
into the parched throat of the sky.

*

I am watched daily.
The ship’s carpenter is at work
nearby, within the stockade,
fashioning a harness for me
a wooden collar. He is a fool
who takes no pride in his work,
yet the chips lie about his feet
beautiful as yellow petals.

*

Days melt
in the hot sun, flow
together. An order is given
to jettison the horses,
it sweeps like a breeze
over parched black faces.

*

I am not consulted, though
Ortega comes to me later
when it is over and says:
God knows, there are men
I’d have worried less to lose.

*

The sailors are relieved,
fall to it with abandon.
The first horse is blindfolded,
led to the gunwales, and struck
so hard it leaps skyward
in an arc, its great body
etched against the sun.

I remember thinking
how graceless it looked,
out of its element, legs
braced and stiffened
for the plunge.

*

They drink long
draughts, muzzles submerged
to the eyes, set out like spokes
in all directions.
The salt does its work.
First scream, proud head
thrown back, nostrils flared,
flesh tight over teeth
and gums
(yellow teeth,
bloody gums).
The spasms, heaving bodies,
turning, turning.
I am the centre
of this churning circumference.
The wretch beside me,
fingers
knotted to the gunwales.

*

They plunge toward
the ship, hooves crashing
on the planked hull.
Soft muzzles ripped
and bleeding on splintered wood
and barnacles.
The ensign’s mare
struggles half out of the water
on the backs of two
hapless animals.

*

When the affair ended
the sea was littered with bodies,
smooth bloated carcasses.
Neither pike pole nor ship’s
boats could keep them off.
Sailors that never missed
a meal retched violently
in the hot sun. Only
the silent industry of sharks
could give them rest.

*

What is the shape of freedom,
after all? Did I come here
to be devoured by insects, or
maddened by screams in the night?
Ortega, when we found him,
pinned and swinging in his bones,
jawbone pinned and singing
in the wind: God’s lieutenant,
more eloquent in death.

*
Sooner or later hope
evaporates, joy itself
is seasonal. The others?
They are Spaniards, no more
and no less, and burn with a lust
that sends them tilting
at the sun itself.
Ortega, listen, the horses,
where are the sun’s horses
to pull his chariot from the sea,
end this conspiracy of dark?

The nights are long, the cold
a maggot boarding in my flesh.

*

I hear them moving,
barely perceptible, faint
as the roar of insects.
Gathering,
gathering to thunder
across the hidden valleys
of the sea, crash of hooves
upon my door, hot quick
breath upon my face.

My eyes, he kissed my eyes,
the softness of his fingers
moving. . . .

*

Forgive me, I did not
mean this to be my final
offering. Sometimes the need
to forgive, be forgiven,
makes the heart a pilgrim.
I am no traveller,
my Christopher faceless
with rubbing on the voyage
out, the voyage into exile.

Islanded in our separate
selves, words are
too frail a bridge.

*

I see you in the morning
running to meet me down
the mountainside, your face
transfigured with happiness.
Wait for me, my sister,
where wind rubs bare
the cliff-face, where we rode
to watch the passing ships
at day-break, and saw them
burn golden, from masthead
down to waterline.

*

I will come soon.

Gary Geddes*

Lettera del Connestabile

Fui nominato
per ordine del Re
Connestabile
Tre giorni
(lo ricordo
chiaramente)
tre giorni dopo che ci separammo.
Quasi non ci credevo,
sembrava tanto il dipanarsi
di un sogno incredibile.

*

Piume brillanti , giubbe scarlatte,
guizzi di sole sulla lorica.
Cinquanta dei migliori cavalli del Re,
forti, briosi, cabranti
allo squillo di trombe,
al galoppo
lungo l’avenida
fino alle navi all’ancora.
E io, il tuo smilzo fratello,
in sella con i cavalleggeri.

*

Risate,
bimbi che cantano
al mercato, donne
che danzano, gettano fiori,
l’intera strada ricoperta
di fiori.
Nella plaza del sol
un accattone cieco gli occhi mi baciò.
Inattesa fu la delicatezza
delle dita
brancolanti sul mio volto.

*

Inizio infausto.
Gli animali, presaghi, esitarono
alle rampe, arretrarono,
infine li dovemmo bendare
e pungolarli a bordo.

I marinai mugugnarono per giorni
nemmeno avessimo imbarcato
un carico di donne.

*

Ma il mare sorrise.
Sorrise mentre varcavamo
la grata del mondo,
sorrise quando la scorta di lari
ci lasciò. Ho visto
sorrisi simili su facce di sgualdrine
a Barcellona.

*

Da mesi ormai
un ospite sgradito
nel mio corpo.
Vicino al fuoco m’acquatto
in un silenzio rotto solo
dall’incessante logorio
d’insetti.
Ho preso
a disegnare il tuo volto
sulla terra bruna
ai miei piedi
(Gli orecchi non mi
vengono mai bene).

*

Con la mano saluti,
saluti. Le tue lacrime
un fiume in piena sono,
che rapido mi scorre accanto.

Giaccio giorni interi
in un mare arido più del deserto
dei Mori
e perse sono le tue lacrime,
risucchiate
nella gola riarsa del cielo.

*

Sotto controllo ogni giorno.
Il carpentiere della nave è al lavoro
nei paraggi, dentro lo steccato,
a fare una briglia per me
un collare di legno. È un folle
che non va fiero del suo lavoro,
pure ci sono scaglie ai suoi piedi
belle come petali gialli.

*

Giorni fondono
nel sole ardente, fluiamo
insieme. È dato ordine
di gettare a mare i cavalli,
passa come brezza
su nere facce riarse.

*

Non mi interpellano, anche se
dopo, quanto è finita, Ortega
viene da me e mi dice:
Lo sa Dio, ci sono uomini la cui
perdita m’avrebbe afflitto meno.

*

I marinai rincuorati,
si abbandonano al compito.
Il primo cavallo è bendato,
condotto al parapetto, e colpito
così forte che fa un arco nel balzo
verso il cielo, la sua mole
incisa contro il sole.

Ricordo che pensai
come appariva sgraziato,
fuori del suo elemento, zampe
accostate e irrigidite
per il tuffo.

*

Bevono lunghi
sorsi, musi sommersi fino
agli occhi, disposti come manizze
in ogni direzione.
Il sale fa il suo lavoro.
Prima nitriti, la testa fiera
all’indietro, froge dilatate,
carne tesa su denti
e gengive
(denti gialli,
gengive sanguinose).
Gli spasmi, i corpi sussultanti,
vorticano, vorticano.
Io sono il centro
di questa schiumante circonferenza.
Lo sciagurato accanto a me,
dita
aggrappate alle murate.

*

Si tuffano verso
la nave, schianti di zoccoli
sulle assi dello scafo.
Morbidi musi lacerati
sanguinano su legno scheggiato
e crostacei.
La giumenta dell’alfiere
si dibatte fuor d’acqua a metà
sul dorso di due
sventurati animali.

*

Quando la faccenda finì
il mare era disseminato di corpi,
enfiate, lisce carcasse.
Né gaffe né scialuppe
li tenevano lontani.
Marinai che mai saltavano
un pasto in preda a vomito
violento nel sole rovente. Solo
l’opera silente degli squali
dava loro requie.

*

Quale è la forma della libertà,
in sostanza? Sono venuto qui
a farmi divorare da insetti, o
ad impazzire per grida nella notte?
Ortega, quando lo trovammo,
era fisso nel dondolio delle sue ossa,
mascella fissa che cantava
nel vento: luogotenente di Dio,
in morte più eloquente.

*
Prima o poi la speranza
evapora, anche la gioia
è stagionale. Gli altri?
Sono Spagnoli, né più
né meno, e bruciano d’una brama
che li porta a battersi
col sole stesso.
Ortega, ascolta, i cavalli,
dove sono i cavalli del sole
per tirare il suo carro dal mare,
porre fine a questa trama di tenebra?

Le notti sono lunghe, il freddo
una larva imbarcata nella mia carne.

*

Li sento muoversi,
appena percettibili, flebili
come rombo d’insetti.
S’adunano,
s’adunano a tuonare
nelle valli nascoste
del mare, schianto di zoccoli
alla mia porta, rovente rapido
respiro sul mio volto.

Gli occhi, gli occhi mi baciò,
la delicatezza delle sue dita
brancolanti . . .

*

Perdonate, non intendevo
fosse questa l’ultima mia
oblazione. A volte il bisogno
di perdonare, d’essere perdonati,
fa del cuore un pellegrino.
Non sono un viaggiatore,
il mio Cristoforo senza volto
a causa logorio del viaggio
per mare, viaggio nell’esilio.

Isolati nei nostri io
introversi , le parole sono
un ponte troppo fragile.

*

Ti vedo nel mattino,
corrermi incontro lungo
il fianco del monte, il tuo viso
trasfigurato dalla felicità.
Aspettami, sorella mia,
là dove il vento sferza brulla
la fronte della falesia, là dove,
all’alba, correvamo a guardare
le navi di passaggio, e le vedevamo
ardere d’oro, dalla cima d’albero
fino alla linea d’emersione.

*

Io verrò presto.

Angela D’Ambra vive in Toscana, regione in cui si è laureata in Lingue e Letterature Straniere nel 2008 (Univ. di Firenze). Il Master II Livello in traduzione di testi letterari (Univ. di Pisa 2008-2009) segna l’incontro con la letteratura post-coloniale in lingua inglese, in particolare con la poesia canadese. Il DITALS I conseguito nel 2010 (Univ. di Siena) unitamente all’attività – sempre come volontariato – di insegnamento dell’Italiano a studenti non madrelingua (Harding University: 2013; scuole private: 2010-2012) le hanno consentito di ampliare la gamma di interessi, conoscenze culturali, amicizie internazionali.

Dal 2010 ha tradotto no-profit, con discreta regolarità, poesia post-coloniale inglese ancora inedita in Italia. Le traduzioni sono state pubblicate su varie riviste online. Gli autori che le hanno inviato testi, accordato fiducia, in alcuni casi persino amicizia, sono autori pubblicati e figure di spicco nella cultura mondiale. Dal 2012 alle voci poetiche canadesi si sono aggiunte quelle dall’America, Australia, Europa, India.

Alcuni nomi — cercando di seguire per quanto possibile l’ordine cronologico di pubblicazione ovvero senza alcuna intenzione tassonomica basata su criteri di prestigio o di valore estetico-letterario — danno un’idea della varietà geo-culturale dei testi tradotti e proposti: Desi di Nardo, Rudyard Fearon (Canada, Ontario): El Ghibli, 2010; Francis Webb (Australia), Gary Geddes, Glen Sorestad, Bruce Hunter (Canada): El Ghibli,2012-2013, David Mc Lean (Galles): El Ghibli , 2013; il compianto Patrick White (Canada), il prof. Ram Krishna Singh (India), il prof. Bruce Bond (USA), la sperimentale Kim Clark (Canada, B.C.): El Ghibli 2013-2014.

Altre traduzioni sono apparse (gennaio –aprile- luglio- ottobre 2014: Glen Sorestad, Canada; Alfred Corn, Bruce Bond, USA; Laurence Hutchman, Canada) sulla rivista Sagarana di Julio Monteiro Martins venuto a mancare di recente, proprio durante le festività natalizie 2014, e alla cui umanità, disponibilità, talento qui rendiamo omaggio. Collaborazioni desultorie, ma molto proficue per la competenza e professionalità dei revisori, con le riviste online Nazione Indiana: Gary Geddes, aprile 2014; Okema Road di Glen Sorestad (prossima uscita); con Poetarum Silva: Alfred Corn, giugno 2014; Ben Nuttall-Smith (Canada B.C.): settembre 2014.

Traduzioni di articoli accademici: Toronto Quarterly, settembre 2010: traduzione dall’Italiano in Inglese dell’articolo di M. Marchese sulla poesia di Desi di Nardo. Al momento, sta traducendo, nel tempo libero, nuovi autori e testi: Ira Sadoff, David Huddle, Bruce Bond (USA); Bruce Meyer, Laurence Hutchman, Penn Kemp (Canada, Ontario); Richard Blackburn (UK); Murray Alfredson, Robert Adamson (Australia).

Annunci

7 commenti

Archiviato in antologia di poesia contemporanea, Autori dei Due Mondi, poesia americana

7 risposte a “POESIE SCELTE di Gary Geddes a cura di Angela D’Ambra – Prima pubblicazione in italiano

  1. Diario di bordo di un olandese volante di se stesso, quanto spazio, quanta aria rispetto a molti claustrofobici poeti nostrani! Un sentito ringraziamento alla curatrice di questa pubblicazione.

  2. Mi sembra che la critica dell’io e della presunta poesia dell’io abbia in Gary Geddes un seguace affidabile. Nella sua poesia parlano le cose, non gli oggetti. L’io sta in disparte, muto come un pesce marcio:

    Isolati nei nostri io
    introversi , le parole sono
    un ponte troppo fragile.

    Una dichiarazione di poetica molto chiara, no?, al di là e al di sopra dei cadetti ufficiali del conformismo della pseudo poesia italiana che si somigliano un po’ tutti e che annoiano un po’ tutti.

    • Pasquale Balestriere

      Dissento profondamente dalla tua lettura, caro Giorgio. Qui -dico almeno in questa poesia- c’è l’esatto contrario di quanto tu affermi, e cioè il trionfo dell’io, non solo sotto l’aspetto “gestionale” della narrazione, ma anche sotto l’aspetto complessivo, in particolare espressivo e percettivo (tutto è detto, sentito e partecipato, sia pure in modo apparentemente parco, da una prima persona). La lente attraverso cui tutto viene osservato, e anzi passa, è quella dell’io, non altra, che filtra e centellina e dosa sentimenti, sensazioni, scene. E devo aggiungere con qualche punta di grande intensità e crudezza nella scena dell’annegamento dei cavalli.
      Qui, caro Giorgio, non “parlano le cose”, ma l’io attraverso le cose. E non “sta in disparte, muto come un pesce marcio” (che bisogno c’era di quel “marcio”? Tanto intensa e radicale è la tua polemica con la poesia dell’io?). Anzi, l’io -come ho già detto- domina la scena. A mio parere.
      Pasquale Balestriere

    • Un pesce marcio? Che disgustosa immagine. Spiace ricordare che, anche se vivo o appena pescato, il pesce è muto.
      I versi qui riportati sono chiarissimi. Arriveremo all’afasia?
      Giorgina BG

  3. Giuseppina Di Leo

    “Le parole sono / un ponte troppo fragile”. Ed il mare? verrebbe da chiedersi. Come in tanti altri viaggi, esso sembra indicare non la via ma, se è consentito, l’infinita separazione. Difatti, il senso dell’ignoto si legge in ogni verso.
    C’è poi l’estasi del ricordo per un amore, e se non dico una baggianata, lo stesso simbolo dell’eros (il cavallo) è disperso esso stesso nella infinità del non-io ‘pellegrino’, di chi da poco ha salutato un cieco ricevendo in cambio un’ultima carezza. Splendida poesia.

    A volte il bisogno
    di perdonare, d’essere perdonati,
    fa del cuore un pellegrino.
    Non sono un viaggiatore …

  4. caro Balestriere,
    è da tempo che polemizzo contro la poesia dell’io. Ritengo che oggi non si possa più fare una poesia fondata sullo zoccolo duro dell’io. E in queste poesie di Geddes mi sembra di individuare una poesia che passa attraverso l’io, ma l’io non mi sembra più centrale. È ovvio poi che l’io sia in una certa misura ineliminabile dalla forma-poesia ma è anche vero che dopo Freud, Nietzsche e Lacan, dopo l’esserci di Heidegger che ha sostituito l’io e lo ha spodestato, non si possa più comporre una poesia dell’io penso dunque sono, perché quell’io penso è una falsificazione dell’io. Prima di pensare, l’io esiste in una sua modalità linguistica che non corrisponde più al pensiero di un io spodestato dalla sua centralità ontologica. In questo senso sta il mio “marcio” affibbiato all’io in polemica con tanta poesia contemporanea che invece non prende atto della morte dell’io. E non è solo una questione ideologica, qui si tratta di una precisa posizione di poetica. Una poesia centrata sulla posizione centrale dell’io oggi non può essere che kitsch, ideologema pessimo e acritico. Questo intendevo dire

  5. Pasquale Balestriere

    Vedi, Giorgio, neppure io credo che sia auspicabile ( e del resto aborrirei) un “io” piantato a gambe larghe al centro della poesia (o del mondo) , poderoso e solenne, imperioso e determinante. Ma, al di là di ogni teoria filosofica o psicanalitica, di blocchi, di guerre fredde e di muri abbattuti, il dramma che ha riempito i lettini degli psicoterapeuti e che continua a far vivere male un sterminato numero di persone credo sia stato originato proprio dalla frantumazione dell’io, inteso come elemento identitario e, in qualche modo, unificatore. E, per dirla tutta, credo che un io debba essere ricostruito: sulle basi della consapevolezza di sé e della realtà circostante, con cólta prudenza ed inquieta saggezza, tenendo da conto quegli studi e quelle esperienze culturali che ne hanno sottolineato ( e forse in parte determinato) il tracollo. Se “io” significa individualità (non individualismo!), oggi che l’io è tracollato che cosa rimane al suo posto? Un ectoplasma o un fantasma?
    Più condivisibile mi appare il passaggio in cui affermi “È ovvio poi che l’io sia in una certa misura ineliminabile dalla forma-poesia”; al quale io aggiungo che l’io in una certa misura non è eliminabile neppure dalla vita.
    Pasquale Balestriere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...