UNDICI POESIE SCELTE di Angela Passarello da Piano Argento (2014) con un Commento di Giulia Niccolai

gli sposi a Catania

gli sposi a Catania

 Angela Passarello, nata ad Agrigento, vive e lavora a Milano. Ha insegnato nelle scuole elementari lingua francese e la lingua italiana agli alunni stranieri, nelle scuole medie. Crea forme con l’arte ceramica e narrazioni pittoriche. Ha pubblicato le raccolte di racconti Asina Pazza  (ed. Greco @ Greco1997), di poesie La Carne dell’Angelo (ed.  Joker, Novi Ligure 2002), le prose poetiche Ananta delle Voci Bianche ( I Quaderni di Correnti,Crema2008). È presente nelle antologie: Versi Diversi (edizioni Melusine, Milano 1998), Poeti per Milano (Viennepierre, Milano1998), Rane e L’Uomo, Il Pesce e L’Elefante per I Quaderni di Correnti. Ha collaborato con La Mosca di Milano. Ha fatto parte del gruppo  delle Melusine. E’ stata cofondatrice e redattrice della rivista Il Monte Analogo.

città giardino dipalazzo-manganelli-catania

città giardino dipalazzo-manganelli-catania

Abbiamo già detto che Rupe Atenea è una collina che guarda i templi che digradano dall’altra collina di Agrigento. Due colline dunque, quella artigiana della nonna e della mamma infermiera, insomma, quella della città,  che non può che pensarla  diversamente  da quella contadina.

E lo si capisce da Lia (il nome di una bella ragazza) che abita a Landaru, una frazione della Valle dei Templi :

 Un nastrino ocra lega la tua treccia
neri lisci sembrano fili di seta i tuoi capelli
cosa rara in quest’epoca di lacche di tinture
con la messa in piega somigliavi a una signorina di città
La sera con le redini della mula il padre
veni ccà, chi facisti, i capiddi ti tagliasti? Dibbusciata
fammi a vidiri, levatillu da testa u’ fazzulettu, livatillu
gridava alle ombre nel buio du Laerdaru.
 

Dato che in ambiente contadino era proibito tagliarsi i capelli – era sintomo di indocilità, ribellione, trasgressione –  il padre così l’apostrofò, tentando anche di frustarla con le redini.

Abbiamo poi tue testi inevitabili, onesti, perché rivelano un’ assoluta indifferenza alla morte animale che ora non c’è più, ma che c’era, altroché se c’era, quando anche la vita dell’uomo (per fame o per guerra), era in costante pericolo.

E lo conferma la poesia che segue e ha per titolo la chiesetta delle Forche, sconsacrata, con un suo campetto ripulito e due reti metalliche che “indicano ai giocatori la mira”, sopra ciò che ormai pochi sanno, ma che un tempo era la fossa comune.

Dunque una Morte, come quella spagnola o messicana , che è sempre presente, a due passi da noi tutti.

angela passarelloCon la roccia ippogrifo, abbiamo di nuovo la presenta del mito, del trascendente, “li aspettava sul suo dorso/ stretti l’un l’altro i bambini/ […] “sembrava guardarli con la sua forma animale/ di sera poggiata sul prato”.

 L’ultimo poemetto del volume è: a mia madre, e ha titolo flashback:

 davanti al Duomo con il piccione
che becca il granoturco dalle nostre mani
messe in posa dal fotografo d’occasione
la prima volta che siamo arrivate a Milano
[…]

 non ho potuto fare a meno di citare questa prima strofa, perché essendo una foto ricordo di Milano, non si può fare a meno di pensarla ad Agrigento, e così diviene simbolica  anche del fatto che la mente della poesia, la mente che fa poesia di Angela Passarello sia sempre là. Non qua.

(Giulia Niccolai)

Angela Passarello da Piano Argento edizioni del verri 2014 pp. 90 € 12

angela passarello cop

 

il gelataio

di gelataio ce n’era uno solo
dentro una casetta arrangiata
solo le tegole del tetto erano vere
di terracotta coperte di muschio
il gelato si comprava per le feste
alla mandorla aveva scaglie
simili alle foglie dell’albero in fiore

.

.
il lattaio

in una mano stringeva il bidone di latta
nell’altra il misurino forgiato con lo stagno
la sera al ritorno dal giro dei clienti
il lattaio si fermava sulla piazza a recitare
i versi di Cielo d’Alcamo ai pochi rimasti
nessun libro o scrittura solo voce e poesia
nel discendere per la via la sua ombra
si allungava sulle pareti delle case

.
la gobba

le sere di Natale giocavano d’azzardo
al primo piano nella casa della gobba
a zecchinetta a sette e mezzo a teresina
il banco non perdeva mai
le eleganti figure disegnate sulle carte
sembravano proteggerlo
Dono dei vicerè
diceva con voce stridula la gobba
indicando alle perdenti il mazzo sul tavolo

.
il cantastorie

accompagnava con il corpo la voce
mentre cantilenava miserie delitti
il sorriso segnava di amaro il suo volto
certe volte tra le parole recise si coglieva
un episodio di fuga della Chanson de geste

.
signorina Gallo

la sua voce rauca nel buio della sera
attraversa la persiana chiusa
chiede dei morti dei sopravvissuti
nel fitto buio mi raggiunge
centenaria dagli artigli aperti
farfuglia date nomi di vecchi abitanti
dal vicolo degli Ospitalieri di Malta
echi voci arrivano
salaam aleikum salaam aleikum

Catania sposi al mercato del pesce

Catania sposi al mercato del pesce

 

 

 

 

 

 

 

 

Lia

Un nastrino ocra lega la tua treccia
neri lisci sembrano fili di seta i tuoi capelli
cosa rara in quest’epoca di lacche di tinture
con la messampiega somigliavi a una signorina di città
La sera con le redini della mula parlante
veni ccà, chi facisti, i capiddi ti tagliasti? Dibbusciata
fammi a vidiri, levatillu da testa u’ fazzulettu, levatillu
gridava alle ombre nel buio du Lardaru*

*Lardaru è una contrada di campagna nelle vicinanze della Valle dei Templi

.
garofani

i garofani rossi nei vasi sul balcone
li annaffiava con orgoglio ogni mattina
diceva che la natura dei petali aiutava
l’ anima dei defunti al cimitero
i primi giorni del trapasso
inondavano Piano Argento di profumo

.
telefunken

arrivavano la sera con la sedia di saggina
i vicini per vedere le puntate di Canne al Vento
sullo schermo della ventunpollici appena installata
con il sonoro la luce i personaggi
nel chiaroscuro della stanza i commenti
si facevano portatori di nuovi rinascimenti

 

il ferro da stiro

lo muoveva nero nero
sulla superficie di lenzuola di camicie
dai fori il chiarore dei carboni
percorreva valichi piste fra le pieghe
impugnava con forza il manico antico
girava la punta solcava angoli lati
diceva dal piego dipende la forma
gli indumenti lisi li ricomponeva
nell’ordine da lei stabilito

Agrigento Valle dei templi

flashback

davanti al Duomo con il piccione
che becca il granturco sulle nostre mani
messe in posa dal fotografo d’occasione
la prima volta che siamo arrivate a Milano

ti rivedo sicura attraversare la Piazza
lanci con un soffio sulla mano un bacio
alle guglie verso la bela Madunina
Quando sei partita nella tua lettera settimanale
scrivevi
mia cara figlia noi stiamo tutti bene così spero di te
Nella mia non ti dicevo dei miei smarrimenti
né di rivoluzioni in corso nella città

.
La pazza del tirassegno

la vecchia con la schiena curva e il cane
uscivano di rado
apparivano sul sentiero della rupe
il cane la precedeva marcando il territorio
la vecchia sovrastata da un fagotto di stoffa sbiadita
entrambi ritornavano poi verso la casa diroccata
al confine con il tempio di Demetra

Annunci

6 commenti

Archiviato in antologia di poesia contemporanea, Autori dei Due Mondi, poesia italiana contemporanea, recensione libri di poesia

6 risposte a “ UNDICI POESIE SCELTE di Angela Passarello da Piano Argento (2014) con un Commento di Giulia Niccolai

  1. Verso l’età matura iniziamo a pensare che alla fine i luoghi e le persone incontrate nella nostra vita si equivalgano, anzi, i luoghi diventano i miti, i nostri miti personali, solo che non lo sappiamo, o non ci facciamo caso. Angela Passarello fa poesia di luoghi e poesia di persone (la gobba, il lattaio, il cantastorie, il gelataio, la piazza del tirassegno, Lia, la signorina Gallo etc.). Come poi avvenga questa trasmigrazione, anzi, questa transustanziazione dei luoghi in persone, e viceversa, nessuno lo sa, fatto sta che la poesia da sempre presta grande attenzione ai luoghi e alle persone, e non potrebbe essere altrimenti. La poesia di Angela Passarello con un verso ipotonico e prosastico riporta quei luoghi della memoria al presente, li eventualizza e li restituisce al nostro passato; pochi tratti di pennello e i quadretti sono pronti, senza mai forzare la mano o il pennello con una pennellata di troppo. È l’estremo pudore di questa poesia quello che mi ha colpito, insieme al suo nitore. Forse nell’essenza stessa della poesia c’è il fatto che essa sia un ricordo che dobbiamo accudire e portare alla gente. Un po’ la poetica della compianta Giorgia Stecher la poetessa messinese che ha saputo lasciarci delle indimenticabili medaglie poetiche. Non so se Angela Passarello conosca la poesia di Giorgia Stecher della quale abbiamo presentato 15 poesie in questo blog, ma senz’altro c’è una certa filiazione, anche se forse inconsapevole.

    • Angela Passarello

      Caro Giorgio,

      la cura, la precisione, la serietà , connotano il tuo lavoro.Non ho mai letto Giorgia Stecher, cosa che farò sicuramente.Le immagini che hai introdotto sono in armonia con i testi. Apprezzo la scelta del Concordia e la scultura di Mitoraj.Grazie!

  2. Giuseppe Panetta

    Poesia epigonica, c’è tutta Giorgia Stecher in questi quadretti, insuperabile e allo stesso tempo Maestra. L’autrice vive a Milano? Che ci parli di quella città allora, e non di acquerelli della memoria.

  3. ma c’è qualcosa nell’aria di Milano da renderne i poeti, anche quelli immigrati, tutti più o meno uguali?

  4. Piano Argento ha disposizione spaziale e temporale fotogrammata in poesia che permette a sequenze di ricordi di distribuirsi attraverso una economia essenziale del verso.

    Lo spazio è fondale remoto presentificato,passaggio dentro passaggio, da gesti e suoni che si aprono ed accendono su una scena ogni volta circoscritta e lasciata decantare attraverso il gesto e la sensorialità che coinvolge il lettore:

    “Il gelato si comprava per le feste/alla mandorla aveva scaglie/ simili alle foglie dell’albero in fiore” (P.28)

    Il tempo si inscrive nella contemporaneità dell’infanzia e nei suoi ricordi presentificati da immagini vivide che crescono e si muovono dentro e fra un singolo argomento:

    “Soltanto la contadina ogni anno vi deponeva/ una parte di cuccioli di cane/ poi si allonanava seguita dai loro piccoli gridi “(P.46)

    La contemporaneità e l’arcaicità del libro sono declinate dalla poetessa attraverso la memoria,la quale sembra percorrere la superficie scintillante che lo stesso titolo Piano Argento suggerisce,seguendo un ininterrotto bordo esistenziale. Una soglia dove vita e poesia si incarnano nell’esperienza e nei suoi oggetti quotidiani per restituirci flashback sensoriali.
    Il percorso è un rewind che viene svelato alla fine, quando ciò che resta indetto allontana, ma paradossalmente riavvicina ad un senso del passato aperto.
    Allora le vie,le strade,le diramazioni,le possibilità che le singole situazioni e gli incontri hanno palesato,trovano un raccordo naturale ed invisibile,poiché ogni volta la poetessa si è “tolta” per rendere oggettiva la sequenza dei versi e divenirne la regista.

    Il ferro da stiro (P.61) sembra infatti filmato con una vera e propria steady cam dell’occhio,dove mantenendo una soggettiva di durata con il movimento del ferro da stiro,svela attraverso una sommatoria di dettagli,l’intera azione dello stirare come una intenzione precisa che nasce in progress. Nel “fare” stesso della visività della scrittura.

    Questo procedimento,si potrebbe certamente trovare analogie con il cinema di C.T. Dreyer o di Straub e Huillet, altrove diviene metafisico quando aumenta la profondità dell’ombra e la polisensorialità dei silenzi che hanno variabilità di senso a seconda dei personaggi e sono in grado di aprire vere e proprie suggestioni pensanti nell’interpretazione del lettore,impattato quando sono cesure improvvise:”Dei giustiziati nessun vecchio parlava”(P.52), oppure inquietato dal mistero della luce:”Sul muro devastato sembra riapparire l’ombra”(P.48), stimolato da configurazioni sonore ulteriori:”I commenti si facevano portatori di nuovi rinascimenti”(P.57).

    Angela Passarello in Piano Argento ha spezzato il pane della memoria affinchè nessuna briciola vada perduta ed in questo “segno benedetto” dalla sua stessa madre, comunica come il quotidiano sia fragranza da avvicinare giorno dopo giorno nella nostra vita, per condividere il tesoro invisibile/visibile delle parole in una comunità di vissuti e di testimonianze.

    Gennaio 2015 Alberto Mori

    Angela Passarello Piano Argento, edizioni del verri, 2014

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...