UNA POESIA di Gertrud Kolmar (1894-1943) Traduzione di Adelmina Albini e Stefanie Golisch

gertrud kolmar 1Ricordo di Gertrud Kolmar

«Non è importante essere felice, ma compiere il proprio destino»

Gertrud Kolmar (10.12. 1894 – marzo 1943) cresce a Berlino in una famiglia della borghesia ebrea. Come tanti altri ebrei assimilati, scopre la sua fede e l’appartenenza al suo popolo proprio nel momento in cui cominciano le persecuzioni razziali.
Il raggio della sua vita,  già volutamente ristretto, diminuisce sempre di più, mentre, nella stessa misura in cui le viene negato il mondo esteriore, Kolmar trova dentro di sé tutta la pienezza: un ampio universo del reale e del surreale, del tragico e del barocco, una fonte inesauribile di vita e di forti sentimenti.
La sua poesia, perfino negli anni Venti, quando per un breve periodo ebbe un discreto successo, non si piegò mai ai gusti letterari del suo tempo, ma fu sempre la massima espressione di una vasta e incorruttibile libertà interiore.
Kolmar, che in seguito ad una drammatica storia d’amore non si era sposata, visse per tutta la vita con i propri genitori. Quando, nei tardi anni Trenta,  le si presenta la possibilità di fuggire dalla Germania nazista, sceglie di rimanere col suo vecchio padre a Berlino. Vive lucidamente tutte le tappe, dalla  emarginazione alla discriminazione, fino all’ultima conseguenza: la deportazione ad Auschwitz nel marzo del ‘43 dove si perdono le sue tracce.
Gertrud Kolmar non si oppone, ma vive il crudele destino del suo popolo con fierezza come un vero olocausto, un sacrificio cioè.  Alla sorella Hilde, emigrata in Svizzera, scrive poco prima della sua morte che non è  importante essere felice, ma compiere il proprio destino.
Come Etty Hillesum, sorella nello spirito, anche Gertrud Kolmar colse nella terribilità della sua sorte la possibilità liberatoria di sfidare se stessa fino in fondo, intensificando, in un arco di tempo relativamente breve, la propria esistenza, in modo tale che la morte non poteva  più minacciare una tale ricchezza.

(Stefanie Golisch)

 

Gertrud Kolmar

Gertrud Kolmar

gertrud kolmar 2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Das Tier

Komm her. Und siehe meinen Tod, und siehe dieses ewige Ach,
Die letzte Welle, die verläuft, durchzitternd meinen Flaus,
Und wisse, daß mein Fuß bekrallt und daß er flüchtig war und schwach,
Und frag nicht, ob ich Hase sei, das Eichhorn, eine Maus.

Denn dies ist gleich. Wohl bin ich dir nur immer böse oder gut;
Der Willkürherrscher heißest du, der das Gesetz erdenkt,
Der das nach seinen Gliedern mißt wie seinen Mantel, seinen Hut.
Und in den Mauern seiner Stadt den Fremdling drückt und kränkt.

Die Menschen, die du einst zerfetzt: an ihren Gräbern liegst du stumm;
Sie wurden leidend Heilige, die goldnes Mal verschloß,
Du trägst der toten Mutter Haut und hängst sie deinem Kinde um,
Schenkst Spielwerk, das der blutigen Stirn Gemarteter entsproß.

Denn lebend sind wir Vieh und Wild; wir fallen: Beute, Fleisch und Fraß –
Kein Meerestau, kein Erdenkorn, das rückhaltlos ihr gönnt.
Mit Höll und Himmel schlaft ihr ein; wenn wir verrecken, sind wir Aas,
Ihr aber klagt den Gram, daß ihr uns nicht mehr morden könnt.

Einst gab ich meine Bilder her, zu denen du gebetet hast,
Bis du den Menschengott erkannt, der nicht mehr Tiergott blieb,
Und meinen Nachwuchs ausgemerzt und meinem Quell in Stein gefaßt
Und eines Höchsten Satz genannt, was deine Gierde schrieb.

Und hast die Hoffnung und den Stolz, das Jenseits, hast noch Lohn zum Leid,
Der, unantastbar dazusein, in deine Seele flieht;
Ich aber dulde tausendfach, im Federhemd, im Schuppenkleid,
Und bin der Teppich, wenn du weinst, darauf dein Jammer kniet.

 

L’animale

Vieni qui. Guarda la mia morte, guarda questo eterno patire,
L’ultima onda si perde tremando sul mio pelo,
Sappi che il mio piede aveva delle artigli, sfuggente era e debole,
Non chiedere chi sono io, lepre, scoiattolo, topo.

Perché non importa. Sempre ti voglio male o bene;
Ti chiami despota, inventi leggi,
Confezionati sulle tue membra come un mantello, un cappello.
Entro le mura della città tua abbracci e offendi lo straniero.

Gli uomini che un tempo facesti a pezzi: sulle loro tombe muto ti sdrai;
Per tanta sofferenza diventarono santi, chiusi in un marchio d’oro.
Porti la pelle della madre morta e in essa avvolgi il tuo bambino,
Gli regali giochi che nacquero dalla fronte insanguinata dei torturati.

Viviamo. Siamo bestiame e selvaggina; cadiamo: preda, carne, pasto –
Né la rugiada del mare, né il grano della terra voi concedete senza riserva.
Con l’inferno e con il cielo vi addormentate; quando noi crepiamo siamo carcasse,
Eppure vi lamentate perché non ci potete più uccidere.

Un tempo concessi le mie immagini, alle quali tu rivolgesti le tue preghiere,
Finché tu non abbia riconosciuto l’uomo-dio invece del dio-animale,
La mia prole annientata, la mia fonte incastonata di pietre
La chiamano frase di un essere altissimo ciò che scrisse la tua brama.

Tu hai la speranza e l’orgoglio, l’al di là e oltre la sofferenza anche la ricompensa
Che sfugge intoccabile nell’anima tua;
Ma io sopporto mille e mille volte, nella camicia piumata e la veste di squame,
Sono il tappeto, dove quando piangi, s’inginocchia la tua pena.

 

Stefanie Golisch, scrittrice e traduttrice è nata nel 1961 in Germania e vive dal 1988 in Italia.

Ultime pubblicazioni in Italia: Luoghi incerti, 2010. Terrence Des Pres: Il sopravvivente. Anatomia della vita nei campi di morte. A cura di Adelmina Albini e Stefanie Golisch, 2013. Ferite. Storie di Berlino, 2014. Nove sue poesie sono presenti nella Antologia di poesia a cura di Giorgio Linguaglossa Come è finita la guerra di Troia non ricordo (Roma, Progetto Cultura)

Annunci

7 commenti

Archiviato in Autori dei Due Mondi, poesia tedesca

7 risposte a “UNA POESIA di Gertrud Kolmar (1894-1943) Traduzione di Adelmina Albini e Stefanie Golisch

  1. “Dark Soliloquy” si intitola la raccolta delle poesie scelte di Gertrud Kolmar tradotta in inglese, e mi sembra sia un titolo azzeccato. Un oscuro soliloquio è questo della Kolmar, un parlare a sé e a nessuno, è questo il senso del soliloquio: fingere di parlare con se stessi e invece parlare a nessuno. È questo il senso profondo della poesia. E poi l’altro tema, quello della morte. In fin dei conti, la poesia non ha che un solo tema, quello della morte, tutto il resto sono quisquilie…

  2. Un articolo piccolo, ma un grande articolo. Una poesia di fortissimo impatto emotivo. Grazie.

  3. “non è importante essere felice, ma compiere il proprio destino”
    Gertrud Kolmar

  4. Giuseppina Di Leo

    Il soliloquio e il tema della morte come i due elementi centrali della poesia, sono d’accordo con Giorgio. Quello di Gertrud Kolmar è, nel contempo, uno sguardo lucido e spietato non soltanto su se stessa ma contro gli stessi assassini e su di un futuro privo di ogni umanità:”Porti la pelle della madre morta e in essa avvolgi il tuo bambino”.

  5. “Vieni qui. Guarda la mia morte”. La Kolmar ci invita tutti a guardare la sua morte, che è morte di tutti, anche di noi già morti da quel dì, ma inconsapevoli.
    Vero quanto afferma Linguaglossa, non si scrive che di morte anche nella prossimità, nell’immediatezza, nella voce, e nell’essere (Derrida).

  6. Il soliloquio è già nel titolo scelto di solito dai traduttori in inglese di “poesie scelte” dalle opere di Gertrud Kolmar. Oltre al tema della morte, proprio della poesia fin dalle origini, della Kolmar di solito si pongono in rilievo il tema della metamorfosi (non nel senso kafkiano) e quello del figlio cui è stata costretta a rinunciare, ma che idealmente è sempre vivo nel suo animo e nel suo grembo. Poesia molto dolorosa la sua, propria di chi è consapevole della sua sorte di infelicità, ma “compie il suo destino” e scrive “straniera” ad ogni modello.

    Giorgina Busca Gernetti

  7. Lucia Gaddo Zanovello

    Questa poesia di Gertrud Kolmar mi commuove profondamente ogni volta che la leggo: “…L’ultima onda si perde tremando sul mio pelo,/ Sappi che il mio piede con artigli, sfuggente era e debole,/ Non chiedere chi sono io, lepre, scoiattolo, topo.” E trovo memorabile il verso “Ma io sopporto mille e mille volte, nella camicia piumata e la veste di squame”.
    Se è vero che per sconfiggere il cinismo (facoltà umana così diffusa), si devono combattere l’insensibilità, l’ingratitudine, la mancanza di scrupoli, l’assenza di sensi di colpa, l’aggressività e l’irresponsabilità, come possiamo giustificare la violenza insita nella visione antropocentrica del mondo. Che il mondo non sia fatto per l’uomo lo si capisce dalle nostre città e da quanto vi accade anche in questi giorni, in gran parte frutto di inguaribile incuria; che il linguaggio non sia in assoluto un segno di superiorità, lo si evince da come viene usato alle volte per ferire e per ingannare, mentre presunzione, tradimento, indegnità fino all’abiezione non appartengono certo ai cosiddetti animali.
    “Ti chiami despota, inventi leggi”, così la Kolmar rappresenta la prepotenza umana. “Porti la pelle della madre morta e in essa avvolgi il tuo bambino”, in questi versi a me capita di leggere la continuazione di chi ci ha preceduto; questo avviene in tutti noi, secondo me, anche senza essere necessariamente madri e padri biologici di alcuno. “Gli regali giochi che nacquero dalla fronte insanguinata dei torturati.” Qui mi par di riconoscere per intero la piaga che perdura dello sfruttamento del lavoro minorile.
    E nella precisazione della Kolmar “La mia prole annientata” credo ci siano le progenie del regno animale distrutte nei millenni e soprattutto quel figlio della poetessa sacrificato con una decisione oserei dire scellerata.
    La stessa prevaricazione violenta e spietata dell’uomo sull’animale deve averla vissuta Gertrud, prima a causa delle famiglie ‘umane’ con le quali si è trovata a dividere l’esistenza, infine è caduta o si è lasciata cadere vittima della follia di dominio di predoni annientatori della diversità, stupidi dissipatori della ricchezza delle specialità, di quell’unicum che contraddistingue ogni vivente.
    Prossimità e confine sono così vicini, come morte e vita. La meraviglia che ‘anima’ gli esseri, per quel tratto breve o brevissimo del loro passaggio nel mondo, è troppo incontenibile per dare definizioni assolute, si può stare solo a riflettere su tutto quanto è ‘monstrum’ davvero e sì, si può essere prede e predatori, mai predoni. “Viviamo. Siamo bestiame e selvaggina; cadiamo: preda, carne, pasto” è la dichiarazione vera e attualissima della poetessa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...