SALMAN RUSHDIE: SU UNA DEFINIZIONE DELLA POESIA Parte II – Inedito, traduzione di Giorgio Linguaglossa da poemshape.wordpress.com 12 maggio 2013

Salman Rushdie, Vargas Llosa, Umberto Eco

Salman Rushdie, Vargas Llosa, Umberto Eco

 

 Così, dopo aver informato il lettore che nessuna definizione sarà dirimente, i redattori (senza un pizzico di ironia) affermano che la Bibbia (o una parte non specificata di essa) è poesia. Tutto ciò che serve, a quanto pare, sono alcuni thees e thous. Quello che i redattori apparentemente non riescono a considerare è che la “poesia” della Bibbia di Re Giacomo non può essere la “poesia” dell’originale. The King James Version, infatti, non era una nuova traduzione svolta da zero, ma una revisione del Bishop’s Bible 1568 e del Nuovo Testamento di Tyndale del 1526, tra le altre. Oltre a ciò, vi è una notevole controversia sulla fedeltà della Bibbia di Re Giacomo. E’ molto probabile che la Bibbia di Re Giacomo è migliore e più poetica, scritta durante la gloria della poesia elisabettiana, rispetto all’originale. Potrebbe essere più esatto chiamare la Bibbia di Re Giacomo una translitterazione piuttosto che una traduzione.

salman 13Proviamo a tradurre King James in greco e poi ne riparliamo.
Britannica segue questa con una curiosa rivelazione:

“Quando le persone sono presentate con una serie di brani tratti indifferentemente da poesie e racconti, ma tutti stampati in prosa, mostreranno una tendenza dominante ad identificare tutto il possibile come prosa.”
Come ciò è rilevante per una definizione della poesia non è esattamente chiaro. Ad esempio, quando i personaggi vengono presentati mediante passaggi in pentametro giambico, essi lo hanno frainteso regolarmente (vedi Iambic Pentameter da Shakespeare a Browning ), leggendolo come prosa. Dobbiamo quindi concludere che non c’è alcuna differenza tra versi sciolti e in prosa? Entrambi gli studi probabilmente dicono di più sulle “persone” che sulla poesia o sul pentametro giambico.

salman-rushdie-arriva-a-londra-nel-2011-con-amica

salman-rushdie-arriva-a-londra-nel-2011-con-amica

Anche così, nonostante le riserve di apertura, riserve e cautele a discarico, Britannica parteggia con Justice Potter Stewart (Jacobellis v. Ohio), quando utilizza essenzialmente la prova dell’oscenità (o era la pornografia?) per definire la poesia. A Pentecoste: “Noi conosciamo quando lo vediamo.” I redattori di Britannica offrono la scelta di un pezzo di “pornografia”:

“Fortunatamente, se la poesia è quasi impossibile da definire, è estremamente facile da riconoscere nell’esperienza; anche i bambini ignoranti sono raramente in dubbio quando appare:

Little Jack Jingle,
He used to live single,
But when he got tired of this kind of life
He left off being single, and liv’d with his wife”

Piccolo Jack Jingle,
Egli viveva solo,
Ma quando si stancò di questo tipo di vita,
Lasciò la sua scapolaggine e visse con sua moglie.

salman rushdie

salman rushdie

Subito dopo, gli editori finalmente rivelano il loro vero volto:

“Si potrebbe obiettare che questo piccolo versetto non è sufficientemente importante e di peso per fungere come esempio per la poesia. Dovrebbe essere ricordato, però, che ha dato alla gente un tale piacere che essi continuavano a chiamarlo poesia fino a quando e dopo essere stato scritto, fin quasi due secoli fa. Il versetto è sopravvissuto, e la sua sopravvivenza ha qualcosa a che fare con il piacere, la gioia; e mentre vive ancora, quante più imponenti opere di poesie in lingua-epico, libri di scienza, filosofia, teologia, sono scesi, meritatamente o no, nella polvere e nel silenzio. Essa ha, ovviamente, una forma, una disposizione di suoni in relazione a pensieri che rende in qualche modo il suo nonsense gradevole, chiuso, completo e decisivo. Ma questa

salman rushdie

salman rushdie

materia dalla forma un po’ confusa merita un titolo e un’istanza tutto per se stessa.”

Non avrei potuto dirlo meglio. Non solo, si potrebbe riconoscere un tema comune: “ha, ovviamente, una forma, una composizione di suoni in relazione ai pensieri …”. Eccolo di nuovo – il linguaggio (e la forma anche). Questa canzoncina è una poesia a causa del suo linguaggio, a causa del modo in cui sfrutta il linguaggio, non per il suo contenuto nozionale e semantico (che è privo di senso), ma per le proprietà estetiche del linguaggio – la rima (suoni paralleli) e per il metro (accentuativo). La Poesia sfrutta le proprietà del linguaggio (indipendentemente dal contenuto del poema) per formalizzare ed elevare il contenuto semantico. Questo è ciò che distingue la poesia dalla prosa. Questo, tradizionalmente, è stata la ragion d’essere della poesia. La prosa può essere poetica, e mostrare alcune delle stesse tecniche della poesia (anche se non finiscono mai in rima o in ritornelli), ma questo non è il suo scopo e la sua ragion d’essere.

Salman-Rushdie-New-York

Salman-Rushdie-New-York

Quanto dovremmo aspettare le definizioni per cambiare?

La mia ipotesi è che se qualsiasi obiezione deve essere fatta, è che le definizioni cambiano. Occorre abituarsi a questo fatto. Va bene, ma allora che cosa è ora?

salman rushdie con la moglie

salman rushdie con la moglie

Si è detto che se non rimava, non era poesia. Se rima è intesa nel suo senso più ampio figurato (nel senso di un’opera di letteratura che riguarda non solo il contenuto, ma l’estetica del linguaggio stesso), allora io sono ancora propenso ad accettare. Io non sono disposto ad ammettere che tutto e qualsiasi cosa è o può essere una poesia. Io non sono contento di chiamare la poesia non cooperativa una brutta poesia o, se vogliamo essere alla moda, un proto-poema, un oggetto secondario e solitario che è abbastanza interessante, ma non sufficiente per avere abbastanza materiale per diventare una poesia in piena regola. In realtà, preferisco questa definizione.

Salman Rushdie and Actress Olivia Wilde

Salman Rushdie and Actress Olivia Wilde

Penso che sia giusto per noi strappare alla comprensione della poesia che ha lavorato per centinaia e migliaia di anni, il nervoso auto-indulgente del XX secolo in deroga. E possiamo cambiare la nostra definizione di “rima”, in senso figurato, per includere il linguaggio figurativo a disposizione di versi liberi – assonanze, allitterazioni, e tutta la retorica che è sempre stata più comune alla poesia che alla prosa. La poesia di Allen Ginsberg è pieno zeppo di figure retoriche e schema, perché non si pensi che la retorica si applichi solo ai frusti manoscritti medievali (e alla poesia di Walt Whitman anche). Sarei disposto a dire che la poesia di Ginsberg, metaforicamente parlando, ha “rima”.

Salman Rushdie and Olivia WildeIn ogni caso, la prossima volta che qualcuno abbia il suo momento Kumbaya, proclamando che la poesia è come il vento, o una farfalla o che una definizione avrebbe schiacciato il fiore delicato che è la poesia, è possibile tornare a questo post per un sorso di analcolico.

La poesia è dura come l’inferno.

Da Poetry.Org

Poesia (greco antico: ποιεω (poieo) = io creo) è una forma d’arte in cui viene usato il linguaggio umano per le sue qualità estetiche in aggiunta, o al posto del, suo contenuto nozionale e semantico. Si compone in gran parte di opere orali o letterarie in cui il linguaggio viene utilizzato in un modo che il pubblico avverta la differenza dalla prosa ordinaria.

Si può utilizzare forma condensata o compressa per trasmettere emozioni o idee all’orecchio o alla mente del lettore o dell’ascoltatore; si possono utilizzare anche dispositivi come assonanza e ripetizione per ottenere effetti musicali o incantatori. Le poesie di frequente si affidano per il loro effetto sulle imagery, sull’associazione di parole, e sulle qualità musicali del linguaggio usato. La stratificazione interattiva di tutti questi effetti per generare significato è quello che fa la poesia.

Salman-Rushdie-and-Olivia-Wilde

Salman-Rushdie-and-Olivia-Wilde

A causa della sua natura di enfatizzare la forma linguistica piuttosto che utilizzare linguaggio puramente per il suo contenuto, la poesia è notoriamente difficile da tradurre da una lingua all’altra: una possibile eccezione a questa potrebbero essere i Salmi Ebraici, dove la bellezza si trova più nel bilanciamento delle idee che nel vocabolario specifico. Nella maggior parte della poesia, è la connotazione e il “bagaglio” che le parole portano (il peso delle parole) che sono più importanti. Queste ombre e sfumature di significato possono essere difficili da interpretare e possono indurre diversi lettori a “sentire” una particolare poesia in modo diverso. Mentre ci sono interpretazioni ragionevoli, non vi può mai essere una interpretazione definitiva.

Natura della poesia

La poesia può essere differenziata nella maggior parte del tempo dalla prosa, che è un linguaggio destinato a trasmettere significato in un modo più espansivo meno condensato, mediante il frequente utilizzo di strutture logiche o narrative più complete rispetto alla poesia. Questo non implica necessariamente che la poesia sia illogica, ma piuttosto che la poesia è spesso creata dalla necessità di sfuggire alla logica, così come esprimere sentimenti e altre espressioni in una maniera marcata e sintetica. Il poeta romantico inglese John Keats chiamò questa fuga dalla logica, “Capacità Negativa”. Un’ulteriore complicazione è che la prosa-poesia unisce le caratteristiche della poesia con l’aspetto superficiale della prosa, come nella poesia di Robert Frost, “Home Burial”. Altre forme sono poesia narrativa e poesia drammatica, entrambe vengono utilizzate per raccontare storie e così assomigliano a romanzi e a opere teatrali. Tuttavia, entrambe queste forme di poesia usano caratteristiche specifiche di composizione di versi per rendere queste storie più memorabili o per migliorarle in qualche modo.

 salman 12Ciò che è generalmente accettato come “grande” poesia è discutibile in molti casi.. “Grande” poesia segue di solito le caratteristiche sopra elencate, ma si distingue anche per la sua complessità e sofisticazione.. La “grande” poesia cattura generalmente le immagini in modo vivo e in un originale, fresco modo, mentre intrecciano una complessa combinazione di elementi come tensione tema, emozione complessa, e profondo pensiero riflessivo.. Per esempi di quello che viene considerata “grande” poesia, si visiti il premio Pulitzer e le sezioni del premio Nobel per la poesia.

Il verbo greco ποιεω [poieo (= io faccio o creo)], ha dato luogo a tre parole: ποιητης [poietes (= colui che crea)?], Ποιησις [poiesis (= l’atto della creazione)] e ποιημα [Poiema (= la cosa creata)]. Da queste otteniamo tre parole inglesi: poeta (il creatore), poesia (la creazione) e poesia (il creato). Un poeta è dunque colui che crea e la poesia è ciò che il poeta crea. Il sottostante concetto del poeta come creatore non è raro. Ad esempio, in ambito anglosassone un poeta è uno “scop” (shaper o maker) e in Scozia Makar.

salman Padma Lakshmi and Sir Salman Rushdie divorced after three years

salman Padma Lakshmi and Sir Salman Rushdie divorced after three years

Il Suono in poesia

Forse l’elemento più vitale del suono in poesia è ritmo. Spesso il ritmo di ogni verso è disposto in un metro particolare. Diversi tipi di metro hanno giocato un ruolo chiave nel periodo classico, antico europeo e orientale della poesia moderna. Nel caso del verso libero, il ritmo dei versi è spesso organizzato in più ampie unità di cadenza.

La Poesia in inglese e quella di altre lingue europee moderne utilizzano spesso la rima. La rima alla fine del verso è la base di una serie di forme poetiche comuni, come ballate, sonetti e rima baciata. Tuttavia, l’uso della rima non è universale. Molta poesia moderna, per esempio, evita schemi di rima tradizionali. Inoltre, il periodo classico greco e la poesia latina non hanno utilizzato la rima. In realtà, la rima non entra nella poesia europea fino all’alto Medioevo, quando è stata adottata dalla lingua araba. Gli arabi hanno sempre usato rime ampiamente, soprattutto nelle loro lunghe Qasidas in rima. Alcune forme poetiche classiche, come Venpa della lingua tamil, avevano grammatiche rigide (al punto che potrebbero essere espresse come una grammatica context-free), che ha loro garantito un ritmo.

Salman-Rushdie-Quotes-1L’allitterazione ha giocato un ruolo chiave nella strutturazione delle antiche forme germaniche e inglesi della poesia (chiamato versetto allitterativo), simile al ruolo della rima nella più tarda poesia europea. I modelli allitterativi della antica poesia germanica e gli schemi di rima della moderna poesia europea includono allo stesso modo il metro quale chiave delle loro strutture, il che si determina quando l’ascoltatore si aspetta istanze di rima o il verificarsi di allitterazioni. In questo senso, sia le allitterazioni che le rime, impiegate in strutture poetiche, contribuiscono a enfatizzare e a definire uno schema ritmico. Al contrario, il dispositivo principale della poesia biblica in ebraico antico è stato il parallelismo, una struttura retorica in cui i versi in successione si riflettevano l’un l’altro in una struttura grammaticale, struttura sonora, contenuto nozionale, o tutti e tre; una forma-versetto che si piegava a prestazioni antifonali o a performance domanda-e-risposta.

Oltre alle forme di rime, allitterazioni e il ritmo che strutturano molta poesia, il suono gioca un ruolo più sottile anche nella poesia a versi liberi per creare gradevoli, svariati modelli e enfatizzando o talvolta anche illustrando gli elementi semantici del poema. Dispositivi come allitterazioni, assonanze, consonanze, dissonanze e rima interna sono tra i modi con cui i poeti usano il suono. L’eufonia si riferisce alla musicale, fluente qualità delle parole disposte in modo esteticamente piacevole.

salman 8Poesia e forma

Rispetto alla prosa, la poesia dipende meno dalle unità linguistiche di frasi e paragrafi, e più sulle unità di organizzazione che sono puramente poetiche. Gli elementi strutturali tipici sono il verso, il distico, la strofa, la stanza, e un paragrafo in versi.

I versi possono essere unità autonome di senso, come nei versi ben noti dell’Amleto di William Shakespeare:

Essere, o non essere: questo è il problema.

In alternativa, un verso può finire a metà frase o sentenziare:

Se sia più nobile nella mente soffrire

questa unità linguistica viene completata nella riga successiva,

I sassi e i dardi di una sorte oltraggiosa.

Questa tecnica è chiamata enjambment, e viene utilizzata per creare un senso di attesa nel lettore e / o aggiungere una dinamica al movimento del verso.

In molti casi, l’efficacia di una poesia deriva dalla tensione tra l’uso di unità linguistiche e formali. Con l’avvento della stampa, poeti acquisito maggiore controllo sulla presentazione visiva del loro lavoro. Di conseguenza, l’uso di questi elementi formali, e lo spazio bianco che aiutano a creare, è diventato una parte importante della cassetta degli attrezzi del poeta. La Poesia modernista tende a portare questo all’ estremo, con il posizionamento di singoli versi o gruppi di versi sulla pagina formando parte integrante della composizione del poema. Nella sua forma più estrema, questo determina la scrittura della poesia concreta.

salman 6Poesia e retorica

Dispositivi retorici come similitudine e metafora sono frequentemente utilizzate in poesia. Infatti, Aristotele scrisse nella sua Poetica che “la cosa più grande in assoluto è quella di essere un maestro della metafora”. Tuttavia, in particolare dopo l’ascesa del modernismo, alcuni poeti hanno optato per l’uso ridotto di questi dispositivi, preferendo piuttosto di tentare la presentazione diretta delle cose e delle esperienze. Altri poeti del 20° secolo, tuttavia, in particolare i surrealisti, hanno spinto i dispositivi retorici ai loro limiti, facendo uso frequente di catacresi.

Storia della poesia

La poesia come forma d’arte è anteriore alla alfabetizzazione. Nelle società preletterarie, la poesia è stata spesso impiegata come mezzo di registrazione della storia orale, narrazione (poesia epica), la genealogia, la legge e le altre forme di espressione o di conoscenza che le società moderne affidano ad essere trattate in forma di prosa. Il Ramayana, un poema epico in sanscrito, che comprende la poesia, fu probabilmente scritto nel 3 ° secolo a.C in un linguaggio descritto da William Jones come “più perfetto del latino, più copioso del greco e più squisitamente raffinato di entrambi.” La poesia è spesso strettamente identificata con la liturgia in queste società, come la natura formale della poesia rende più facile da ricordare incantesimi sacerdotali o profezie. La maggior parte delle scritture sacre del mondo sono scritti in poesia piuttosto che in prosa.

L’uso del verso per trasmettere informazioni culturali continua ancora oggi. Molti di lingua inglese-americano sanno che “nel 1492, Colombo mise la vela verso l’oceano blu”. Una canzone alfabeto insegna i nomi e l’ordine delle lettere dell’alfabeto; un’altra canzonetta indica le lunghezze e i nomi dei mesi del calendario gregoriano. Le società preletterarie, in mancanza di mezzi per annotare importanti informazioni culturali, utilizzano metodi simili per conservarle.

salman rushdie

salman rushdie

Alcuni autori ritengono che la poesia ha le sue origini nel canto. La maggior parte delle caratteristiche che lo distinguono da altre forme di espressione, ritmo, rima, la compressione, l’intensità del sentimento, l’uso di ritornelli-sembrano essere avvenute da sforzi per adattare le parole alle forme musicali. Tuttavia, nella tradizione europea, le prime poesie superstiti, i poemi omerici e le opere di Esiodo, identificano se stessi come poesie da recitare o cantare con un accompagnamento musicale piuttosto che come pura canzone. Un’altra interpretazione, sviluppata dagli studi sul modo di vivere degli epici montenegrini da Milman Parry e gli altri del 20 ° secolo, è che ritmo, ritornelli, e kennings sono essenzialmente dispositivi paratattici che consentono la voce recitante di ricostruire la poesia a memoria.

Nelle società preletterarie, tutte queste forme di poesia sono state composte per, e, talvolta durante, la rappresentazione. Come tale, c’era un certo grado di fluidità per l’esatta dizione delle poesie, dato questo che potrebbe cambiare da una rappresentazione o performer ad un altro. L’introduzione della scrittura tendeva a fissare il contenuto di una poesia alla versione che era stata scritta per sopravvivere. La composizione scritta significava anche che i poeti hanno cominciato a comporre non per un pubblico che era seduto di fronte a loro, ma per un lettore assente. Più tardi, l’invenzione della stampa tese ad accelerare queste tendenze. I poeti adesso scrivono più per l’occhio che per l’orecchio.

salman rushdie

salman rushdie

Lo sviluppo dell’alfabetizzazione ha dato luogo a poesie personali, brevi destinate ad essere cantate. Queste sono chiamate liriche, termine che deriva dal greco Lura o lira, lo strumento utilizzato per accompagnare la performance dei testi greci da circa il VII secolo a.C in poi. La pratica greca di cantare inni in grandi cori ha dato origine nel VI secolo a.C al dramma in versi, e alla pratica di scrivere commedie poetiche per le rappresentazioni nei loro teatri.

In tempi più recenti, l’introduzione di mezzi di comunicazione elettronici e l’aumento della lettura di poesia hanno portato ad una rinascita della poesia performante e a una situazione in cui la poesia per gli occhi e la poesia per l’orecchio coesistono, a volte nella stessa poesia. L’avvento del 20° secolo è segnato dalla figura del cantante-cantautore e dalla cultura Rap e l’aumento della popolarità di Slam poetry hanno portato ad un rinnovato dibattito sulla natura della poesia che può essere rozzamente caratterizzato come una spaccatura tra i punti di vista accademico e popolare. A partire dal 2005, questo dibattito è in corso con nessuna prospettiva di immediata risoluzione.

Poesie d’amore proliferano oggi, in blog e pagine personali, come un nuovo modo di espressione e libertà di cuori, “Ho vinto molte relazioni femminili con questa valida risorsa “, ha detto uno scrittore contemporaneo chiamato Federic P. Sabeloteur.

Annunci

5 commenti

Archiviato in Autori dei Due Mondi, critica dell'estetica, critica letteraria

5 risposte a “SALMAN RUSHDIE: SU UNA DEFINIZIONE DELLA POESIA Parte II – Inedito, traduzione di Giorgio Linguaglossa da poemshape.wordpress.com 12 maggio 2013

  1. antonella zagaroli

    E’ stato molto interessante porre in discussione questo intervento di Rushdie perché pone al centro un problema spesso ignorato e da poeti e da critici, perché dato per scontato.
    Credo che riconoscere la rima in senso figurato non chiarisce fino in fondo il problema.
    La poesia ha delle regole? Sì.
    Può essere paragonata ad una partita di tennis con la rete? Penso proprio di no. La poesia non ha alti e bassi. La poesia funziona se è un insieme che fluisce e trasmette un senso umanamente elementare (elementare come lo sono i principi della fisica e della chimica, della biologia).
    E’ sicuramente fondamentale il ritmo, la musica a cui le parole scelte sono collegate e il significato della comunicazione viene dall’insieme del tutto.
    Insomma non funziona come un sistema binario.
    La rima tradizionale in ogni lingua può andare bene se è funzionale alla musicalità interna del poeta e del suo tempo ma non è regola scolastica.
    E’ come se ai pittori di oggi o del primo novecento, a Van Gogh o Picasso avessimo chiesto di dipingere come nel Quattrocento.
    Il verso libero è difficile molto più delle regole metriche di un tempo, ma ci sono le rime interne, le allitterazioni, le regole per l’andare a capo, per gli spazi bianchi che non dovrebbero essere mai casuali.
    Io ho delle regole ferree cui faccio riferimento che valgono verso per verso e i versi fra loro. Mi pongo il problema di una virgola ma soprattutto la guardo come un insieme a sé e spesso ascolto e guardo e sconfiggo anche la ragione della mia costruzione perché è lei che mi parla.
    Purtroppo ora i più non si pongono il problema perché di fatto scrivono narrativa. La poesia è una necessità per chi scrive è il suo modo più intimo e sociale per comunicare

    Antonella Zagaroli

  2. Ambra Simeone

    riporto una parte del mio commento scritto nella prima parte dell’articolo:

    “parlando invece della musicalità e del ritmo io non sarei così tanto sicura che la poesia superi la prosa, per tradizione e per la sua storia dai trovatori in poi sicuramente la musicalità è stata una delle caratteristiche più importanti, ma non dobbiamo dimenticare che la più antica poesia che leggiamo, la leggiamo proprio perché si è distaccata da quella tradizione, in Italia la poesia trobadorica è stata allineata al pensiero medievale italiano, quella trobadorica era una tradizione quasi esclusivamente orale o meglio mnemonica legata più alla performance che alla fissazione di un testo scritto, invece arrivata in Italia si darà più importanza al testo scritto (considerando che il gesto stesso di scrivere è per tramandare e conservare un significato) infatti nella poesia religiosa Italiana era fondamentale tramandare un significato didascalico o persino escatologico di un testo letterario!

    che dire della prosa? io ho letto molti romanzi o racconti che hanno un ritmo e una musicalità interna, basta ascoltare e troverai una musicalità in molti testi, non dobbiamo dimenticare che la musica anche ha fatto passi in avanti e che quindi la musica atonale o contemporanea non hanno le stesse caratteristiche della musica classica antica, questo lo dico in quanto tu paragonavi la poesia alla musica, allora bisogna che si compari con tutta la musica anche quella contemporanea.

    io direi che come dice Giorgio il punto, nella distinzione tra poesia e prosa, non è tanto nella musicalità, ma nell’a-capo del verso considerando anche l’enjambement, e forse nella brevitas della poesia in confronto alla prosa, non siamo più abituati a leggere poemi epici in versi, diciamo che ci riesce difficile non tanto per i classici, ma per un poeta che oggi si metta lì a scrivere un poema di 300 pagine, inoltre quel che si scrive è legato non solo al gusto dell’autore ma anche (e per me sopratutto) al gusto del pubblico… se si considera che le migliori “prose poetiche” sono anche abbastanza brevi, penso che questo ci debba suggerire qualcosa!”

    questa seconda parte dell’articolo di Rushdie mi ha fatto pensare che oltre agli aspetti distintivi, dovremmo soffermarci anche sulle caratteristiche (mi riferisco alla modernità e postmodernità) linguistiche che accomunano alcune testimonianze di poesia, di prosa e persino di canzone moderna, una di queste è forse la ricorsività linguistica, ovvero la ripetizione di concetti tramite la ripetizione di frasi e strutture linguistiche fisse e capaci di rigenerarsi e allargarsi mentre vengono usate, questa funzione può essere usata e d è usata tranquillamente sia in poesia, che in prosa, che nella canzone!

  3. Perché tentare ancora una volta di definire quel che per propria stessa natura è indefinibile?

  4. antonio sagredo

    1) “La Poesia sfrutta le proprietà del linguaggio (indipendentemente dal contenuto del poema) per formalizzare ed elevare il contenuto semantico.
    Questo è ciò che distingue la poesia dalla prosa. Questo, tradizionalmente, è stata la ragion d’essere della poesia. La prosa può essere poetica, e mostrare alcune delle stesse tecniche della poesia (anche se non finiscono mai in rima o in ritornelli), ma questo non è il suo scopo e la sua ragion d’essere. ”
    2 )”…ma piuttosto che la poesia è spesso creata dalla necessità di sfuggire alla logica, così come esprimere sentimenti e altre espressioni in una maniera marcata e sintetica”.).
    3) “I poeti adesso scrivono più per l’occhio che per l’orecchio”.
    ———————————————————————
    Per me è stato ovvio ammirare le stupende donne che lo scrittore abbraccia, più che seguire il suo pensiero sulla “Poesia”. Dopo di che con angoscia e ansia ho affrontato la lettura del suo saggetto: sulla Poesia o altro che Poesia non è? E allora:
    Il 1° punto è di concezione settecentesca: meccanicismo dozzinale, così diffuso che anche il più stupido scrittore può scrivere. Ancora è fermo sul conflitto: poesia-prosa-poesia! –
    Col 2° punto invece lo scrittore non si evolve e resta attaccato a formule più che superate: la Poesia “sfuggire alla logica? Quale logica,della prosa o altra logica? Anche la Poesia ha la sua Logica!
    E poi “creata dalla necessità…” Necessità? Di che ciancia? Non siamo affatto nel regno derlla Filosofia Alta, ma di una filosofia spicciola!
    Col 3° punto, lo scrittore commette un errore gravissimo!
    Ma è scrittore o Poeta costui? Che vuol dire ” adesso scrivono”, e prima come scrivevano? e dopo come scriveranno? – se mai come scriveranno è la scommessa, e non tanto come, ma CON CHE COSA? – Credo a questo punto che lo scrittore in oggetto non abbia chiare le idee sulla Poesia e nemmeno sulla prosa!
    Salman R. dovrebbe sapere che il Poeta si è posto molte volte la domanda: Cos’è la Poesia? P. e. Vladimir Holan, umilmente dice:
    —–
    “Una ragazza ti ha chiesto: Cos’è la poesia?
    Volevi dirle: Già il fatto che esisti, ha si, che tu esisti,
    e che nel tremore e stupore, che sono testimonianza del miracolo,
    soffrendo mi ingelosisco della tua piena bellezza,
    e che non posso baciarti e con te non mi posso giacere,
    e che non ho nulla, e colui che è sprovvisto di doni
    è costretto a cantare…
    Ma non glilo hai detto, hai taciuto
    e lei non ha udito quel canto”.
    ————————————————-
    Bene, anche qui abbiamo una ragazza (la Poesia?) – ma le ragazze di quello non sono della stessa pasta di questa!
    Poi il Poeta dice un qualcosa di terribile sul Poeta, come “colui che è sprovvisto di doni/è costretto a cantare” !
    E infine ” e lei non ha udito quel canto” = come dire che la Poesia non ode se stessa, il proprio canto: questa è POESIA! è una risposta al 3° punto.
    Salman R. farebbe bene a non interessarsi più di Poesia!
    Che faccia lo SCRITTORE (o scriviero?) di prosa, soltanto.
    —————
    quanto riguarda la rima ho già scritto:

    E la rima
    che fatica!
    rimare è trovare
    scavare
    il linguaggio più duro del faggio
    saperlo come si dovrebbe
    almeno usare
    ci vuole coraggio
    a volte come un saggio
    si rivela pedante
    accademico scolastico
    perciò bisogna rivoltarlo
    e violentarlo
    stanare il fondamento
    scacciare la ripetizione
    sfogliare
    ricacciare la sintassi
    ripudiare i sacrosanti passi.

    1968

    antonio sagredo

  5. Ancora e sempre a chiederci cosa sia poesia…
    Non credo abbia a che fare con affinità, suggestioni, ideali, gusti, fascinazioni per come si racconta o viene reclamizzato il personaggio-poeta.
    La vera poesia credo nasca dall’autentica necessità di comunicazione che l’autore ha con se stesso, senza pretesa di un’ altrettanta necessità di ascolto da parte di un eventuale lettore.
    Inoltre penso che la poesia debba essere sempre contemporanea, imbevuta dall’amnios del suo tempo, debba ricercare un appropriato nuovo linguaggio anche per dire l’eterno, come del resto fanno tutte le altre arti; vedi la musica, che più di tutte ha perso mélos, e rinnovandosi si adatta ai tempi.
    La vera poesia, quella sincera, non credo ambisca ad essere universale, non credo abbia pretese di narcisistica onnipotenza, ma abbia necessità soprattutto di parlare con il suo autore per offrirgli barlumi nuovi di coscienza, bagliori di verità provenienti da terre ancora inesplorate dai suoi stessi sogni.
    Credo che un poeta voglia e debba essere sorpreso e sognato dalla sua stessa poesia.
    Quando questo accade, allora sì ch’è poesia godibile da tutti. Universale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...